'/>

domenica 3 gennaio 2016

Dipiazza e il piano neve

Come non approfittare della neve per riproporre questa poesia, scritta durante il secondo mandato Dipiazza, poi rimasta d'attualità con Cosolini, e nuovamente buona per il Dipiazza III. Tanto sempre "Sindaco Robi" xe :)


cosolini piano neve
Foto d'archivio di Ivan Doglia

DIPIAZZA E IL PIANO NEVE A TRIESTE

No ghe xe più la bora de una volta
diseva quel vecio, che nissun più scolta
cole man drio la schena, vardando el cantier
el critica i bubez che no i ga più mestier

El vecio vizin, de ani in asedo
diseva altresì che xe vegnudo ‘ssai fredo
"Ma cossa mai fredo, la parola xe 'zima'"
ghe disi quel’altro, più garbo de prima

'Na volta comunque, sta neve no iera
de colpo xe inverno, no più primavera
xe che no ghe xe più le meze stagioni
e de colpo coremo soto i piumoni

Co sti tempi oramai no se capissi più gnente
la neve e la bora insempia la gente
el sindaco Robi xe diventà mato
ma solo con l’Austria iera tuto ordinato

Del pian dela neve desso ‘ssai i disi
ogni ano de più i ne scassa i bisi
ma mi me ricordo, co se iera più sgai,
co iera cussì ‘ndava solo el tranvai

e tuti in osmiza, o a spasso coi cani
in suso col tran e che lavori i furlani!


Bon, e adesso non vi resta che andare a comprare l'osmiza sul mare e regalarlo a tutti!
Se no no riverè gnanca rivar in osmiza!

L'Osmiza sul mare lo trovate in tutte le librerie di Trieste e Bisiacaria a 10 euri.
Oppure comodamente online a questo link.
O anche in formato ebook.



FOLLOW THE WHITE COCAL!


Nessun commento:

Posta un commento

Disi la tua, ale!