'/>

sabato 30 gennaio 2016

La Ferriera di Servola

Carte del frico, approfondimento culturale numero 11/82.



Pupolo di Erika Ronchin

Servola è uno dei rioni storici di Trieste, un tempo famoso in tutto l’impero austro-ungarico per il suo pane e le sue pancogole, oggi sede della Ferriera, stabilimento siderurgico ormai centenario in perenne equilibrio precario tra disoccupazione, inquinamento, salute dei cittadini e promesse elettorali.

Nel 1776 il villaggio contava circa 350 abitanti e 107 case, nel 1804 480 ab. e 135 case, nel 1825 circa 700 ab. e 118 case, nel 1834 909 ab. L'aumento demografico di quei tempi fu dovuto soprattutto a immigrati dal Carso, ma anche dall'Istria, dai colli Birchini e dalla Valle del Vipacco; meno dai vicini paesi del comune di San Dorligo.

Alla fine del 1700, venne aperta la prima scuola del circondario di Trieste, perché era "il villaggio più grande, più vicino e più operoso".
Nel 1869 il borgo contava già 1883 abitanti e 229 case.
Nel 1897 venne insediato il primo nucleo dell'odierna Ferriera di Servola ad opera della Società Industriale della Carniola (Krainische Industrie Gesellschaft).

La Ferriera, a causa dei suoi continui sforamenti sui limiti indicati dalla legge, è costante oggetto di proteste e polemiche  che periodicamente sfociano in manifestazioni a tutela della salute dei cittadini.
La prossima si terrà il 31 gennaio 2016, con partenza da Piazza Oberdan alle ore 15.00.

Per la Ferriera il Monon Behavior Research Department ha elaborato una proposta di riconversione ecologica ;)
E i Sardoni Barcolani Vivi le hanno dedicato una canzone:



Nel gioco FRICO la carta Servola è una carta cattivona: grazie ai miasmi della Ferriera, qualunque sia il risultato ai dadi, l'avversario perderà comunque un numero di armate pari al lancio del dado.




mercoledì 27 gennaio 2016

Sesso e bestiuzze: gli scoiattoli pippaioli

Bon, oggi apriamo una nuova ennesima rubrica etologica:
sesso e bestiuzze, in cui mostreremo vari importanti paper scientifici (VERI) sule bestiuzze sporcaccione.
Si parte dagli scoiattoli pippaioli.


Allora in pratica questi scoiattoli sono stati beccati più volte in fragranza a farse pipette.
La logica etologica antropocentrica frustrazionistica ha ovviamente portato a pensare che lo facessero se rifiutati dalle scoiattole o nel periodo in cui queste non erano in estro.

Invece, vara ti, lo studio mostra come la frequenza sia maggiore durante l'estro, che a farsele siano maggiormente i muloni alfa e addirittura che le pipette vengono fatte dopo il rapporto sessuale con le scoiattole, e non prima (quele robe tipo per durar de più la volta dopo o robe simili).
Altra roba sporcacciona importante: le zoccoliattole durante l'estro ghe la dà (terminologia scientifica oxfordiana) a circa 10 scoiattoli diversi in 3 ore.

La conclusione della studiosa è che:

  • Così tanti rapporti promiscui in poco tempo possono portare a infezioni.
  • Farse pipette può servire come forma di grooming che riduce l'insorgere di infezioni

Pensemo che la ga ragion. Bravi tutti (ela e i scoiattoli).

Inutile a dirsi che non potevamo esimerci dal proporre approfondimenti a questo studio, fondamentali per l'uomo:

  • Vista la propensione onanistica ad alto ritmo degli scoiattoli, vanno assolutamente effettuate analisi oculistiche per stabilire la veridicità della credenza popolare che farse pipette faccia diventare ciechi.
    Sti scoiatoli dopo un poco co i salta i se s'cioca contro i alberi o no?
  • Vista la quantità di rapporti promiscui, va monitorata la struttura craniale degli animali.
    Quanti corni ga in testa sti scoiattoli?

Sesso e bestiuzze vi è offerta da:
Monon Behavior in the world. La rubrica dedicata ai più importanti studi scientifici VERI che ci hanno praticamente rubato. Maledeti ciò.




lunedì 25 gennaio 2016

Gigi Pirola

Carte del frico, approfondimento culturale numero 10/82.




Pupolo di Erika Ronchin



Gigi Pirola è il protagonista di una nota filastrocca triestina, dal contenuto estremamente educativo, ciò


Gigi, Gigi Pirola
ga roto la pignata 
su mare come mata 
la ghe coreva drio. 

Cori su per Servola 
zo per Montebelo 
la ga trovà un capelo 
e la lo ga vendù. 

Tre soldi per la pipa 
quatro pe'l tabaco 
Gigi xe un macaco 
e un macaco el resterà 

Gigi, Gigi Pirola 
ga roto la pignata 
su mare come mata 
la ghe coreva drio. 

Cori su per Servola 
zo per Montebelo 
la trova un torentelo 
e la finissi in'tel potok 

Gigi, Gigi Pirola 
ga roto la pignata 
su mare come mata 
la ghe coreva drio. 

Su per Montebelo 
e zo per Catinara 
con tuta sta cagnara 
el xe finì in canon. 

Gigi, Gigi Pirola 
ga perso una zavata 
su mare come mata 
la ghe coreva drio. 

Cori su per Servola 
zo per Montebelo 
la ga trovà un capelo 
la ga trovà un baul 
e dentro iera Gigi 
che se gratava el cul.

Nel gioco FRICO la carta Gigi Pirola permette di effettuare un attacco a distanza (con lancio de zavate).
 .



martedì 19 gennaio 2016

L'origine del morbin

Per festeggiare la seconda edizione di Polska... rivemo!, acquistabile comodamente online a questo link, pubblichiamo la maldobria dell'origine della parola morbin, una delle dieci contenute nel libro ;)


EL MORBO DEL PROFESSOR MICHAEL MORE


Pupolo di Michele Zazzara



- Ah, che bei i tempi de co che se andava a scola, te se ricordi Ucio?
- Te sa sì, coss’che no se divertivimo noialtri, sempre a far gheto.
- E a farghe ciapar el futer ai prof! Me sovien de quela volta che gavevimo remenà la prof de latin contandoghe la storia del’orso. Ghe gavevimo fato creder che i voleva cavar via el latin dele scole, e che alora no gaveva più scopo che lo studiassimo, visto che iera l’ultimo ano.
- E la ve ga credù? Ma cossa, la iera insempiada?
- Ara che se la gavevimo studiada ben ben, ierimo professionisti dei fufignezi. Un de noialtri gaveva el pare che lavorava al Bugiardel, propio in tipografia. E alora cossa gavemo fato? El primo de april, per far el viz, gavemo stampà una copia tarocada del giornal, con bela in prima pagina la notizia che el ministero gaveva deciso che del’ano drio el latin saria stado mandà a remengo, per via che el iera una lingua morta, vecia, che nissun se fazeva più gnente de ela.
- Che vuol ch’io faccia del suo latinorum!
- Cossa nassi? Con chi te la ga? Perchè te parli par talian desso?
- Ma moniga, xe un toco dei Promessi Sposi. Ah, cossa perdo tempo con ti che a scola te studiavi solo che el modo per ficarghela più meo ai prof.
- E me vegniva anca ben! Speta che te conto vanti che merita. Alora, su sto giornal dopo gavevimo anca zontà che al posto del latin ghe saria stada una nova materia, le clanfe, che iera una roba ‘ssai più moderna e ‘ssai più utile per la muleria.
- Su questo no go dubi, vara.
- E insoma, sta tululù de prof ghe xe cascada come un perognoco, e la iera tuta disperada. La ga tacà lamentarse che la gavessi perso el lavor, e che no la gavessi più gavù cossa darghe de magnar ai fioi. E la iera propio incativida, sul pie de guera, come. Me sovien che la ga propio dito: “Basta, cussì no se pol andar avanti, desso ghe penso mi a sistemar sta roba. No i pol mandar a remengo el latin!”.
- E cossa la ga fato? La xe andada del ministro a parlar? Del sindaco? La ga ciamà el Presidente dela Republica?
- No, la ghe ga scrito a Segnalazioni.
- Come dir che la ga ciapà in man la situazion, insoma.
- Ha ha ha, te sa sì! Bon, ma la gavemo ciapada in man ben noialtri. Ghe gavemo dito che no la se staghi a preocupar, che se i voleva zontar sta nova materia sicuro ghe saria stado bisogno de prof, e che se la voleva ghe podevimo dar una man noi, per impararghe come che se fa ste clanfe, aciò che la sia pronta per co che ghe sarà el concorso de assunzion.
- E cossa la ve ga dito?
- La ga acetà po’, squasi comossa de quanto cocoli che ierimo. E cussì i ultimi mesi gavemo passà le ore de latin, inveze che sui banchi, a Barcola a farghe el corso de clanfe ala prof. E ala fine per ringraziarne la ne ga promosso a tuti cola media del’oto, pensa ti.
- Go capì, ma l’ano dopo la se gaverà inacorto del futiz no?
- Ah, te sa ti, noi ormai gavevimo finì la quinta, chi la ga più vista dopo!
- Ben cazada! Bela Ciano. Squasi bela come quela del morbo del professor Michael More.
- Che morbo? No la so questa, contime, cossa gavè combinà?
- Miga noi! Questa xe una storia che gira de ani anorum po’. La xe vecia, ‘ssai vecia. Robe che ghe iera ancora la Defonta, per capirse.
- Bon, indiferente, contime.
- Alora, ghe iera sta scola, qua a Trieste, indove che de un pochi de ani iera ospite un professor de chimica ‘ssai ma ‘ssai famoso in tuto l’impero, el professor More. Sto mato iera un inglese, e el iera qua per via che el se gaveva inamorà de Trieste po’, e alora el gaveva deciso de continuar le sue rizerche qua. In cambio, el ghe fazeva lezion ala muleria.
- Me par giusto. E cossa el rizercava?
- El iera drio a trovar la formula dela felicità, del’alegria.
- Adiritura!
- Eh sì, lui diseva che cussì come che esisti la malatia dela depression, alora ga de esister anca la malatia del’alegria. Pulito. Anzi, el morbo del’alegria lo ciamava. E lui zercava come farte vegnir sto morbo, aciò che tuti possi esser sempre alegri.
- E mai passion, viva l’A e po’ bon!
- Propio quel.
- Go capì. E come el te conzava sto morbo? Con una sponta? Con un pirolozo? No sta dirme con una suposta, te prego.
- No, no, tranquilo. In pratica el stava lavorando a un liquido, una soluzion, come. Ti te se fazevi una flebo de quel e tac, te ciapavi el morbo e te diventavi alegro per sempre.
- E funzionava?
- No gaver furia, lassa che te conto. Insoma, una volta al’ano vigniva la comission per valutar come che andava avanti la sua rizerca, per decider se darghe ancora bori o no, se capissi.
- Giusto come l’oro. Tante volte se buta via fliche per gnente con sta rizerca. Go sentì presempio de zerti sienziati desso che ciapa soldi per studiar come che cambia la pression dela vessiga drio de quel che te bevi, per calcolar pulito quanto lontan te pisserà. A cossa servi, digo mi? Quei xe bori butai via.
- Bon, ma pol servir per co che te fa le gare de pissade de molo San Carlo, no? No sta esser vecio po’. So che tanto ormai ti oltre le scarpe no te rivi più, ma magari ai altri ghe pol esser utile. Ma no ga importanza desso. Insoma, te disevo che anca quel’ano iera rivai a Trieste sti mati de sta comission de valutazion. Tre de lori, bruti che no te digo, scuri in muso, seri ciò, i pareva squasi dei bechini.
- Altro che morbo del’alegria, orco tron!
- Eh, ma iera propio quel el bel. Apena che el professor More li ga visti, el ga subito pensà che la roba più meo de tute iera propio de usarli lori come cavie. Se funzionava con quei musi de pizigamorto, alora el podeva dir de gaver trovà de sicuro la riceta pe’l morbo.
- E ghe gavessi fato anca ben a lori, tuti sa che ogni ridada ghe cava un ciodo ala bara.
- Ben dito. Insoma, el giorno del test i se gaveva messo d’acordo che solo un dei tre gavessi fato de cavia, aciò che i altri do podessi capir se la roba funzionava per bon o meno.
- Ah, cussì, i ga acetà? E se ghe fazeva mal?
- Cossa te vol, a quei tempi no iera tute ste loiche per la sperimentazion. In tre i iera, se qualcossa andava mal, i restava in do e po’ bon.
- Go capì. No son ‘ssai convinto che te me la conti giusta, ma te scolto.
- Xe cussì, fidite. In più, a seguir tuto l’ambaradan, ghe iera anca tuta la muleria dela scola, per via che el professor More ghe gaveva dito che ghe saria sta’ utile per imparar qualcossa de novo.
- Me par giusto, iera una bela ocasion per tuti.
- Ecolo. E insoma, dopo un do ciacole de presentazion dela rizerca, l’assistente iera andà int’el laboratorio a cior sta soluzion per farghe la flebo al mato.
- Anca l’assistente el gaveva, ciò.
- E se capissi, te go dito che iera un professor ‘ssai importante. James Bean se ciamava l’assistente. Anzi, dotor James Bean, po’.
- E i ghe ga fato la flebo al pizigamorto?
- Se capissi, miga i iera là per zogarse! I lo ga fato distirar su un letin, i ga preparà tuto bel pulito e zac, i ghe ga messo l’ago int’el brazo e sta soluzion ga tacà a calar pian pianin, finchè in diese minuti no la xe finida tuta. E tuti spetava de veder coss’che nasseva. Se el mato se alzava tuto contento o se inveze no el se gavessi alzà mai più.
- Vie de mezo no tegnimo... Va ben, e cossa xe nato?
- Xe nato che el se ga tirà su, el se ga vardà intorno, el ga vardà i do dela comission e el ga tacà a rider come un mona. “Ara che bruti che sè ciò!”, el ghe ga dito, “El morto dove lo gavè lassà, a casa? O la bara ve la tignì per voi per andar a spavar co xe tropo sol?”, e zo a rider come un mato.
- Ha ha bela ciò, li remenava. E lori cossa i ga fato? I se la gaverà ciapada col professor More imagino.
- Coss’te scherzi? Lori iera seri po’, come sempre. E cussì no i ga podù far altro che convalidar l’esperimento. La soluzion funzionava, el morbo esisteva e el professor More lo gaveva trovà. Insoma, i ghe ga firmà tute le carte per ciapar avanti bori per tuta la vita. Solo che i ga volesto provar anca lori, che in fondo i iera stufi de esser cussì musoni. E come che i ga sentì sta roba, ga volesto provar anca tuta la muleria dela scola.
- Tuti voleva el morbo insoma.
- Coss’te vol, a tuti ghe piasi esser alegri. Alora l’assistente Bean xe andà a cior le altre fiasche dela soluzion, e i se ga fato tuti una bela flebo, e ala fine iera tuti che rideva come lole, e i ga messo su una festa granda in quatro e quatro oto, bali, ridade, cantade, un carneval che no te digo. E ala fine, co che iera ora de saludarse, a un dei pizigamorti ghe xe vegnù in amente che iera de darghe un nome a quel morbo, che ancora no el gaveva.
- Giusto. E come i lo ga ciamà?
- I se ga parlà un salto e i ga pensà che ciamarlo morbo iera un poco bruto, per via che in fondo iera una malatia positiva, una roba cocola, eco. Alora i lo ga ciamà picio morbo, morbin insoma. E i ghe ga dà el nome de quei che lo gaveva trovà po’, come che se fa sempre, quindi del professor More e del dotor Bean. El morbin de More-Bean, insoma dele some. E cussì fra l’altro xe nata la parola “morbin” come che la intendemo desso.
- Quante che te sa, ciò. Va ben, ma con sta soluzion poi come xe finida? I ga continuà le rizerche? I la ga miliorada? I la ga venduda in giro pe’l mondo e i xe diventai tuti richi?
- El giorno drio i se ga sveià tuti con un mal de testa numero uno. El professor More ga pensà che iera un efeto colateral de sistemar, e xe andà de balin in laboratorio a lavorarghe su. E insoma, el ga verto l’armeron indove che el tegniva le fiasche cola soluzion e le ga trovade tute ancora là, tute intiere e sigilade.
- Ostregheta, come xe possibile?
- E qua vien el bel. Alora ghe xe vignù un bruto dubio, el ga verto l’armeron vizin e lo ga trovà svodo, tuto svodo. E sa coss’che el tigniva là fin el giorno prima?
- No stame dir...
- El teran. Un armeron pien de teran iera. L’assistente gaveva sbaià armadio e i se gaveva fato tuti una bela flebo de teran.
- Ah! Bela questa, ostregheta, eco perchè i iera cussì alegri, altro che morbin de More-Bean! Ma quindi no el gaveva scoverto gnente? E alora i ghe ga cavà tute le fliche?
- E no, ormai i pizigamorti gaveva firmà, el professor More gaveva bori fin che no el moriva e el morbo esisteva ufizialmente col suo nome. El ga alzà le spale, el ga serà l’armeron, el ga ciamà l’assistente e tuti i muli dela scola e li ga menai in osmiza, a ciaparse ancora un poco de morbin.
- Ah ben. Insoma bela rizerca dei, podevimo farla anca noi. Squasi squasi xe più meo quela dela pression dela vessiga per pissar più lontan del molo San Carlo.
- No brontolar sempre. Dei, legi vanti e intanto ciapa, sluchite un poco de morbin che te fa ben.

Nota:
So che no ghe credeva nissun, ma, a scanso de equivoci, la parola morbin oviamente ga tuta altra origine. Sul Nuovo Doria xe scrito che la vien del venezian “morbio”, che vol dir rigoglioso.

Eh bon, se volete ridere ancora ordinate Polska... rivemo!
E anche Zinque bici, do veci e una galina con do teste :)
Daghe!





venerdì 15 gennaio 2016

E' possibile volare con una scoreggia?

Torniamo a occuparci di importanti studi scientifici che dovevimo far noi ma che ga fato i altri.
Oggi il nostro Sciementific Department ha trovato questa importante ricerca sulla pressione prodotta dai pinguini cagoni.


(notevole anche il nome del file pdf: penguano).


Vista la ovvia necessità dei pinguini de no cagarse indosso né dentro al nido, risulta evidente che i mati ga de sburtar sazio. Lo studio dunque valuta la viscosità del prodotto, la distanza a cui el cagon arriva dal nido e, DULCIS in fundo, forma, dimensioni e altezza del "ORIFICIUM VENTI".

La pressione finale risulta essere tra i 10 e i 60 kPa.

Ovviamente il Monon Behavior Research Department non poteva esimersi dal parassitare questo studio proponendo la giusta applicazione per l'economia dell'Homo sapiens.

Risulta subito evidente che la pressione, inferiore all'atmosfera, non risulta molto elevata.
Da scartare dunque l'utilizzo dei pinguini per gonfiarse le riode dele bici. Pecà.
Tutti avrebbero voluto un piccolo pinguino da tenere al posto della borraccia e da usare in caso di foratura.

Ispirati però dal nome "Orificium venti", ci siamo interrogati sulle potenzialità dell'Orificium venti umano:
E' possibile volare con una scoreggia? Quale dovrebbe essere la pressione da applicare? E' possibile direzionare il volo?

Al momento stiamo cucinando i fagioli borlotti per iniziare lo studio.
Volontari scoreggioni che vogliono partecipare possono mettersi in contatto con noi prima possibile.
Grazie mille, la scienza vi sarà debitrice.


Monon Behavior in the world. La rubrica dedicata ai più importanti studi scientifici VERI che ci hanno praticamente rubato. Maledeti ciò.




mercoledì 13 gennaio 2016

Veci a Trieste, arriva la app per trovare i cantieri

Grandi novità nell'Università dei Veci del Monon Behavior Research Department.
Giovani ricercatori foresti hanno da poco pubblicato la app umarells, che segnala in tempo reale tutti i cantieri italiani.
Questo il claim del prodotto: "Sei un vero Umarell? Ti piace seguire i cantieri e vorresti dire la tua sui lavori? Cerca i cantieri vicino a te, fai checkin, commenta o lamentati dei lavori e trova tanti altri Umarells come te!"

Il rettore dell'Università Ciano Sporcugna ci comunica che la app sarà da subito utilizzata nel corso di Posturologia Cantieristica del Prof. Mandriolaschena, al momento impegnato in un tirocinio formativo presso el tran de Opcina.




lunedì 11 gennaio 2016

Le ciclomaldobrie risorgono

A volte ritornano!
Zinque bici, do veci e una galina con do teste e Polska... rivemo!, ovvero la serie delle ciclomaldobrie di Diego Manna e Michele Zazzara ormai praticamente esaurite nelle librerie, tornano disponibili online su Amazon! Basta strucar sui rispettivi link. :)

Abbiamo testato il servizio: funziona! Ecco la prima copia del nuovo Zinque bici, do veci e una galina con do teste, arrivato in una settimana!





Zinque bici e un amaro Montenegro, invece, si trova ancora nelle librerie, e siamo già in ristampa dopo appena 2 mesi dall'uscita. Grazie a tutti! :)

Per i più curiosi, spieghiamo come funziona il servizio Createspace, che è quello che abbiamo utilizzato:
Una volta pronto e impaginato il libro, non si deve far altro che caricarlo sul proprio account. Dopodiché, Amazon si occuperà di tutto il resto: ogni volta che qualcuno compra una copia online, questa verrà stampata e spedita comodamente a casa in una settimana. Tichete.

Se avete altre domande e volete approfondire l'argomento (vale soprattutto per autori curiosi di questa nuova possibilità di pubblicazione) scriveteci pure a manna@bora.la e vi daremo una mano ;)



giovedì 7 gennaio 2016

Care segnalazioni: pannolini per cani

Anche oggi non manca la proposta rivoluzionaria. Contro le deiezioni canine: pannolini per cani.
Daghe!




Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.



mercoledì 6 gennaio 2016

Il Pignarûl Grant

Carte del frico, approfondimento culturale numero 9/82.

Pignarûl Grant



Pupolo di Erika Ronchin

Il Pignarûl Grant è il Grande falò dell’Epifania. Viene acceso a Tarcento il 6 gennaio, dopo la fiaccolata guidata dal Vieli Venerand, Vecchio Venerando, che, in base alla direzione del fumo, trarrà gli auspici per il nuovo anno.
"Se 'l fum al và a sorêli jevât cjape 'l sac e vâ a marcjât".
(Se il fumo volge a oriente al mercato col sacco andrai continuamente),
ma "Se 'l fum al và a sorêli a mont cjape 'l sac e vâ a pal mont".
(Se il fumo piega al tramonto emigra col tuo sacco per le vie del mondo).


.

martedì 5 gennaio 2016

Care segnalazioni: Franca Porfirio strikes back

Un ritorno gradito tra le segnalazioni: la moralizzatrice Franca Porfirio, alla prese con manifesti e statue privi di pudore.





Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.



domenica 3 gennaio 2016

Dipiazza e il piano neve

Come non approfittare della neve per riproporre questa poesia, scritta durante il secondo mandato Dipiazza, poi rimasta d'attualità con Cosolini, e nuovamente buona per il Dipiazza III. Tanto sempre "Sindaco Robi" xe :)


cosolini piano neve
Foto d'archivio di Ivan Doglia

DIPIAZZA E IL PIANO NEVE A TRIESTE

No ghe xe più la bora de una volta
diseva quel vecio, che nissun più scolta
cole man drio la schena, vardando el cantier
el critica i bubez che no i ga più mestier

El vecio vizin, de ani in asedo
diseva altresì che xe vegnudo ‘ssai fredo
"Ma cossa mai fredo, la parola xe 'zima'"
ghe disi quel’altro, più garbo de prima

'Na volta comunque, sta neve no iera
de colpo xe inverno, no più primavera
xe che no ghe xe più le meze stagioni
e de colpo coremo soto i piumoni

Co sti tempi oramai no se capissi più gnente
la neve e la bora insempia la gente
el sindaco Robi xe diventà mato
ma solo con l’Austria iera tuto ordinato

Del pian dela neve desso ‘ssai i disi
ogni ano de più i ne scassa i bisi
ma mi me ricordo, co se iera più sgai,
co iera cussì ‘ndava solo el tranvai

e tuti in osmiza, o a spasso coi cani
in suso col tran e che lavori i furlani!


Bon, e adesso non vi resta che andare a comprare l'osmiza sul mare e regalarlo a tutti!
Se no no riverè gnanca rivar in osmiza!

L'Osmiza sul mare lo trovate in tutte le librerie di Trieste e Bisiacaria a 10 euri.
Oppure comodamente online a questo link.
O anche in formato ebook.



FOLLOW THE WHITE COCAL!


sabato 2 gennaio 2016

Care segnalazioni: Cosolini studa i temporai

L'anno nuovo è arrivato (auguri ciò!) ma le Segnalazioni continuano a darci ottime soddisfazioni.
Ecco una proposta assolutamente condivisibile. Ma si sa, a Trieste no se pol, solito!