lunedì 16 settembre 2019

I dieci consigli per l'Oktoberfest triestina

Giovedì 19 settembre alle ore 18 al Buffet Al Vecio Canal in Piazza Ponterosso 2 presenteremo "Trieste città dell'Oktoberfest", libro di Dino Bombar (hehehe) che racconta il diario di quella che è una giornata a dir poco fora come un pergolo. Siateci! Il libro si trova già nelle librerie più bobe nonché comodamente online qua in tutto il mondo.

Ed ecco in anteprima il decalogo del compagno di viaggio Robi:



1. A PIE O IN BUS.
Come pensè de ‘ndar zo in cità? Miga ciolerè l’auto o el motorin, no? Ciò, no stè far i mone, vardè che gavè de bever, per cui no stè ris’ciar, ché se ve beca i puloti o i tubi, i ve fa novi. I ve ciol via la patente e i fa coriandoli de ela, perchè a una certa el tasso alcolemico xe de un livel che se te sufi su un impizin te fa tipo mangiafuoco. Quindi: per ogi se va a pie o in bus, se propio no gavè voia de caminar. El ritorno podessi esser dramatico, per cui saria el top gaver una morosa, un parente o qualchidun che ve porti casa; l’importante xe che no i gabi fato festa con voi, perchè se no no xe el caso de montar in auto con lori.

2. OVI DURI.
Prima de andar fora de casa, feve un per de ovi duri. No xe fastidiosi de portar in giro, perchè i sta comodi in scarsela, ma sopratuto i ve torna sai utili per amortizar le prime bire. Ocio perchè le prime bire xe quele che te stonfa! Ti te son là tuto figo e te bevi come un mona, ma te devi star atento perchè se no te son abituado a bever de matina, le prime bire te tira una steca de quele. E alora eco che te torna utile gaver i ovi duri in scarsela: te se li magni e i te iuda a sugar le bire, cussì te pol bever avanti come un drago. Dopo però te ga de magnar comunque qualcosa ah.

3. BLANDI.
Co te rivi zo, no sta gaver furia de bever. Ok, xe figon, xe pien de gente, tuti che bevi come ludri, ma voi stè boni e zerchè de bever con criterio e no spararve bire drio man. Anca perchè ad una certa sarè comunque stonfi e impetessadi, xe solo question de tempo. Per questo, ricordeve che no xe una gara e che, anca se fussi, no xe da vantarse de esser el primo che se imbalina. Te bevi el tuo, col tuo ritmo, zercando de star in controlo più che te pol, cussì te se godi el clima, la compagnia, l’ambiente e te son in grado de far un do discorsi senza spudar parole a caso. Poi, co sarà ora, te gaverà una mina che meza bastassi, ma quel xe un altro discorso.

4. MAGNAR LEZERO.
Va ben bever, ma saria cocolo anca magnar qualcossa, se non altro per evitar de rivar ala meza con una piomba indosso. A parte el discorso dei ovi duri, che resta sempre valido, xe comunque el caso de assumer roba solida, che però no ga de esser esagerada. Se te se magni un stinco intiero con una de patate in tecia, moniga, no te ga spazio per bever ‘vanti e se per caso co te magni te son za carburado, pol esser che magnar come un ludro te fazi mal. Morale: per darghe contro al’alcol evitando de gaver problemi al stomigo, più che magnar saria de sbecolar. Un poco de qua, un poco de là: un panineto, una polpeta, robete cussì, che i te stagna el giusto. Fideve.

5. NO BABE.
Messa cussì podessi crear confusion e atirar el futer dele feministe, quindi vedo de spiegar meo el conceto: le babe va ben, anzi, Dio dassi! Le babe che bevi ga pien dirito de eser presenti e portar el contributo ala festa; lore xe le benvenude, anzi, se le ga un per de amiche, che le porti pur. Quel che voio dir xe che la testa del mulon da Oktoberfest ga da esser sgombra, per un giorno, da fastidi: quindi no morose/mogli/amanti/conviventi cugni, perchè i xe solo che una enorme pigna intel cul, che distrai l’omo e impedissi de bever come che saria de far. E ti, omo, me racomando: xe tuto l’ano per tirar sardoni, quindi per un giorno te ga de concentrarte sula bira e possibilmente solo che su quela. Poi te tornerà a corerghe drio ale babete.

6. NO MISSIAR.
Se ciama Oktoberfest e xe la festa dela bira. Desso spiegheme perchè gavè de missiar el bever? I veci in casa no i ve ga insegnà gnente? Mai missiar l’alcol, quindi se te bevi bira, e ogi ti te ga de bever sai bira, no te se meti a cior trapete o porcherie de superalcolici perchè i te fa malon. L’Oktoberfest xe una question de coerenza: te ciol bira avanti, dala matina ala sera. Se poi te son omo de sprizeti, ciò per una volta te poderà far ecezion, no? Te cambi ristorante e te bevi bira, che xe comunque meio del’acqua e no fa ruzine.

7. NO FIGHETI.
L’Oktoberfest xe una festa per muloni, me par ovio. Per divertirse veramente te devi esser un filin morbido, no digo che te se devi ridur come un dispossente, ma gaver un tiro sbriso saria l’ideale, eco. Quindi, se te son un figheto de quei che va a veder la lochescion o segui el trend (mi al massimo perdo el tren), diria che no xe roba tua: per quei come ti esisti via Torino, te va là e te sta coi tui simili, a bever drinks che costa come un rene e a ciacolar de telefonini e autoni. No voio dir che una roba xe meio e una pezo eh, mi digo solo che xe do robe diverse, per gente diversa, che ga el steso dirito de divertirse e impetessarse come che i preferissi.

8. NO SOMMELLIER.
Podessi sembrar una continuazion del punto precedente, ma penso che sta roba merita un discorso a parte. Ga ciapà pie nei ultimi tempi sta tendenza dela bira ricercada, co’ sti nomi che no capisso: ipa, apa, neipa. No so. Una volta iera le lipe de scola, mi al massimo ve posso contar de quele. Pareria comunque che esisti mile tipi de bire, coi gusti strani o cossa so mi: eco, anca qua no xe questa l’ocasion per zercarle, perchè al’Oktoberfest se bevi un tipo de bira e xe quela ciara, punto. E no stè far i schizignosi: ve ordinè la bira, la ciolè e la bevè tuta, senza far el sommelier dela bira o meterse a far la punta al quel.

9. VESTIRSE COMODI.
L’Oktoberfest xe sempre de sabato, ma se te se vesti in tuta de lavor diria che va ben; qualchidun riva vestido de lavor perchè el scampa propio del lavor, ma xe un altro discorso. El punto xe che ve consiglio de vestirve morbidi, perchè beverè come camei e a una certa - fideve - i movimenti podessi diventar dificili e alora l’abito comodo xe prezioso per star in pie e agevolar la mobilità. Gavè per forza de meterve una camisa indosso perchè xe sabato e volè esser eleganti? Alora ciolè una de quele camise a quadretini, tiro tedesco, che al’Oktoberfest ve farà ingrumar de bruto.

10. ALENARSE.
Te ga davanti una zornada che xe un tour de force de bevude. Te se svei e bim bum te son là che te bevi bire, no xe propio per tuti. Eco alora che ocori rivar alenadi! Se ti te son un de quei che bevi una bira a setimana, magari de scondon che no te sgami la morosa, lassa star: l’Oktoberfest no xe per ti, perchè là te bevi e zito. Dopo te ga tuto el tempo che te vol per far Ramadan o far creder che te sta fazendo Ramadan, no xe problemi, però in quel zorno te devi guantar, per cui preparite!

11. NO BIRE PICE.

Sul serio go de spiegarve questa?

Ah, se volete il cappellino come l'autore, li trovate da Urbanwear in via Torino 13 :)

Ve spetemo giovedi 19 ale 18 al Vecio Canal!


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


giovedì 12 settembre 2019

Il vate curto e l'omo che va longo

In diretta dai nostri inviati al cantiere Ucio, Ciano e Toio, ecco già la prima proposta per risolvere il problema del Vate Curto e dela "zonta segiolon", com'è stata ribattezzata dai veri veci de cantier la zeppa necessaria a far toccare terra alla statua di D'annunzio. Per altri è semplicemente una "pietra d'inciampo" nel senso letterario del termine.
E quindi Ciano, il più propositivo del trio dei veci de cantier, propone di completare l'opera aggiungendo un secondo personaggio, da lui ribatezzato "l'omo che va longo".
L'opera completa così si chiamerebbe "il vate curto e l'omo che va longo" e sarebbe sicuramente una gran figada ciò.

Nel rendering, il Sindaco Dipi avvisa "l'omo che va longo" della presenza del scalin, ma l'omo che va longo fa il suo dovere e va longo istesso.




A proposito de veci e cantieri: ricordeve che xe in libreria el belissimo libro INPS FACTOR - I veci de Trieste, de Micol Brusaferro con pupoli de Chiara Gelmini. O anche comodamente online a questo link.
E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter: