martedì 11 maggio 2021

Il Comune di Trieste assume grampacartei

Partito il bando per l'assunzione di 100 grampacartei, nuova figura professionale fortemente voluta dal Comune di Trieste, da sempre alla ricerca di nuove idee per ridurre il tasso di disoccupazione. 
"Una roba xe no gaver voia de lavorar," dice l'assessore al lavoro Gadorpomi, "che xe anca giusto perchè no semo furlani, una roba xe invece esser disocupadi, che xe pecà."




 
Così ecco pronti questi nuovi posti di lavoro, resi fondamentali dopo l'egregio lavoro notturno degli altri 50 nuovi posti di lavoro, i "svidacartei", che operosamente stanno svitando i cartelli già presenti.
"Ogni vida ghe cava lavoro a una persona," tuona il sindacalista Meborida. "Ben venga questa iniziativa volta a restituire all'uomo ciò che el cazavide ghe ga ciolto".
"L'unica vida bona xe quela dela vinaza", chiude il quadretto l'oste Smizao, che passava là per caso.
Nelle foto, due dei nuovi grampacartei appena assunti mentre svolgono entusiasti il loro nuovo lavoro.





Sotto, il video ammonitore di cosa succederebbe se non ci fossero queste nuove importanti figure professionali.





E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


giovedì 29 aprile 2021

Riparti el calcio a 7 - la convocazion

Eh bon, sta per ripartir el mitico calcio a 7 amatoriale triestin, e ne par el momento giusto per sta anteprima del libro "Mati drio el balon" de Giuseppe Vergara con pupoli de Chiara Gelmini.
La classica telefonada organizativa per zercar de esser in 7...




Conversazione telefonica 

Caio - baloner
Sandro - baloner

Caio: Pronti?
Sandro: Pronto? Caio, son mi.
Caio: Sandrin, grande!!! Come xe?
Sandro: Solito... scolta zoghemo el giorno oto ale nove.
Caio: L’oto ale nove... mmmm...
Sandro: Te pol?
Caio: Sì, sì... posso. E dove?
Sandro: Borgo bassa.
Caio: Contro?
Sandro: Bar Gino.
Caio: I xe boni?
Sandro: I ga sei punti meno de noi ma due partide in meno.
Caio: Bon meno mal che i xe più cisti de noi, dei. No go ‘sai voia de ciapar un sopa come l’altra volta.
Sandro: Sì ma varda che i devi recuperar coi ultimi e i penultimi, per cui se pol dir che i ga i stessi punti nostri perchè i vinzerà sicuro. Poi i ga perso un due partide perchè ghe mancava gente.
Caio: E chi xe che gioga con lori?
Sandro: Alora, davanti i ga Lorenzi.
Caio: Urca mare! Chi, Massimo?
Sandro: No, su fradel, Franco. ‘Ncora più bon de Massimo.
Caio: Su fradel? Ma no el zoga in prima categoria?
Sandro: El zogava se vedi, se ‘desso el xe qua vol dir che no’l zoga più.
Caio: Vaca mare! Quel el fa camera e cusina de noi.
Sandro: Bon dei, ghe piazemo Ciccio tacà come un francobolo tuta la partida. Ghe disemo de no molarlo mai gnanca co’l va a pissar e te vederà che la gaverà dura anche lui.
Caio: Ciccio? Ma cossa te son mona???
Sandro: Perchè?
Caio: Ma ara che el mato se lo magna a merenda. Lo go visto zogar.
Sandro: Ciccio xe ultimo omo per cui el se marca la loro punta, no xe che podemo inventarse ‘sai robe diverse.
Caio: Bon scolta, penseremo co saremo là. Xe altri fenomeni? Spero de no perchè za questo basta e vanza.
Sandro: In porta i ga un mato turco.
Caio: Ma chi? Quel picio e grosso che gavemo zogà contro st’estate?
Sandro: Esato.
Caio: Porca mare!!! Quel minimo zogava nel Galatasaray co iera zovine. Ma perchè un maritimo turco zoga col Bar Gino?
Sandro: No el xe maritimo, mona, el lavora de Bar Gino.
Caio: El turco? El portier?
Sandro: Sììì, dei!!! Lo go visto mi, iero a bever un cafè, l’altra matina.
Caio: Un cafè in bar Gino? E coss’te fazevi? Spionagio pre-partida?
Sandro: Ma no, mona. Passavo de là per caso. Fa conto, che co dovevo pagar, el turco ghe ga chiesto a Gino quanto vien un cafè normale. Se vedi che fin a quel momento gaveva fato solo cafè coreti.
Caio: Te credo! Bon giro de fenomeni in quel bar. Scolta, e chi zoga ancora con lori?
Sandro: L’unico ancora che so xe Rioda.
Caio: Rioda? Quel che zogava col San Luigi?
Sandro: No, che sapio mi el zogava col Ponziana.
Caio: Mmm... ma in campo a sete con chi el zogava?
Sandro: Con Feramenta Rizzi e con Pizeria El Covo me par.
Caio: Ma el xe de Servola?
Sandro: Nooo!!! Sangiacomin come mi. Lo vedo co vado a far la spesa in coop.
Caio: Ma el xe amico de Zana e Roby Timbro?
Sandro: Boh? Mai visto con lori.
Caio: Bon me arendo, dei. No go alba de chi che sia. El xe bon, o no?
Sandro: Dovemo sperar che prima de zogar el passi in bar Gino a beverse un diese spritz perchè se el xe sincero xe forte anche lui.
Caio: ‘Soma se zogavimo col Real Madrid iera meio, dei.
Sandro: No stà esagerar, insempià.
Caio: Ma parlemo de noi, piutosto. Chi semo? Mi, ti, Ciccio e... Roby el vien?
Sandro: No’l pol, el lavora.
Caio: Ma cossa el se ga messo de novo a far turni de note?
Sandro: Se vedi che el xe curto de pila.
Caio: Mario Ladro vien?
Sandro: No. Domenica el se ga stirado zogando a basket con su fio.
Caio: E vaca mare, ma semo almeno in sete?
Sandro: Tranquilo, forsi rivemo esser anche in oto, cussì rivemo far anche un cambio. Vien anche Biofa.
Caio: Biofa??? Ma se l’ultima volta che el ga zogà balon iera Obama presidente. El sarà in forma smagliante propio...
Sandro: Eh bon dei, un in più ne fa solo che comodo.
Caio: Ma sì te ga ragion. Te lasso che go de andar. Se vedemo in campo. Stame ben, ‘dio Sandrin!
Sandro: ‘Dio Caio e no sta far tardi come al solito. Me racomando.



Riverà Caio a no perderse la partida?
Questo e altri misteri del meraviglioso mondo del balon a 7 triestin su "Mati drio el balon", in tute le librerie e negozi più boba de Trieste e dintorni nonché online nela botega dei libri triestini.

 

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


martedì 20 aprile 2021

I personaggi del calcio a 7 triestino

Calcio a 7 a Trieste: quela roba che quasi tuti i triestini ga fato almeno una volta, de solito con risultati tragicomici.

E alora ne pareva giusto publicar un libro che parli propio de questo, ed eco "Mati drio el balon", de Giuseppe Vergara con pupoli de Chiara Gelmini, che trovè in libreria, nonché da Urbanwear, Tipicamente triestino e anche online nela nostra botega del morbin.

Bando ale ciacole! Eco una bela anteprima con (qualche) personagio tipico dei campi de balon!


EL ROVINÀ

Giocatore che riesce a stare in campo nonostante fumi due pacchetti di sigarette al giorno e beva spritz bianchi e/o birrette come se non ci fosse un domani. Non entra mai in campo se non adeguatamente dissetato, l’ultima sigaretta la fuma dopo l’appello dell’arbitro. Finita la partita se ne accende un’altra prima ancora di asciugarsi i capelli, meravigliandosi di aver resistito un’ora senza fumare. Si fionda in qualsiasi posto dove gli possano dar da bere e non ha mai capito che cosa ci sia dentro le bottigliette di Gatorade.

Fino ad una certa età, durante la partita, il fisico sembra non risentire della sua vita dissoluta. Con l’avanzare degli anni il fischio finale della partita diventa una specie di supplizio di Tantalo. Raramente riesce a disputare degnamente il torneo veterani se non ha precedentemente cambiato condotta di vita. I pochi che ce la fanno godono di ammirazione incondizionata condita da un pizzico d’invidia: “El gà 45 ani, el fuma come un camin, el bevi come un camel ma el riva ancora a zogar balon. Non so come che el fa”.

EL SCARPON

Giocatore non dotato tecnicamente a cui mancano le basi del calcio. Tipico di uomini che da bambini non hanno militato nelle formazioni giovanili e si sono avvicinati al football magari già in età adulta. Si riconosce da come stoppa un pallone, dalla sua postura e da come calcia. 

Rientra in squadra perché ha altre doti, come la velocità o la prestanza fisica o il fatto di aver praticato a livello agonistico altri sport. Talvolta però non ha nessuna di queste caratteristiche, è cioè uno scarpon puro e quindi se gioca è perché è lo sponsor della squadra (o parente dello sponsor) oppure è un amico buontempone che sta sempre in panchina ed entra solo a risultato acquisito per rallegrare la compagnia. 

Quando calcia in porta preferisce di gran lunga un bel puntalin piuttosto che un collo pieno e in caso di gol viene festeggiato con rituali studiati a tavolino. Sebbene sia considerato una mina vagante, talvolta tira fuori dal cappello, il più delle volte inconsapevolmente, delle giocate uniche che lasciano tutti a bocca aperta.

Fine anteprima!

E i altri? Ve disemo solo quai xe: el castron, el tecnico, el rissoso, dotor gekil e mister aid, el discontinuo, l'ubiquo, l'arbitro, el mister, el sponsor, l'organizator...
E dopo xe tuti i ruoli... e le telefonade...
E bon se sè curiosi andè cior el libro che merita! :)



E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



mercoledì 24 marzo 2021

El ristorante McSimilian's a Miramare

Va ben, visto che xe de atualità el ristorante nel Castel de Miramar, ne par giusto publicar sto toco de "Le disgrazie del tran de Opcina" in cui se parla propio de come che sarà le robe nel 2052, con el castel trasformado nel meraviglioso ristorante McSimilian's.
Per dar i giusti crediti (o le giuste responsabilità), l'idea del nome McSimilian's e el pupolo qua soto xe de Paolo Rovis, che ga ispirado el resto.



CAPITOLO 15. EL RISTORANTE McSIMILIAN'S

El McSimilian’s xe probabilmente el ristorante più famoso (e caro) de tuta la cadena furlana dei McFrico’s. Conossudo in tuto el globo, secondo la famosa guida Monely Planet xe una dele sete meraviglie del mondo moderno, insieme a:

- El stadio de s’cinche in salita de Rio de Cianeiro, l’unico a esser in salita contemporaneamente in tute le direzioni, grazie ala particolare rotazion centripetobalistica del sistema stantufedelico integrado;

- La cità russa de Mussato, sorta dopo la distruzion de Mosca nel 2037;

- Le tori gemele eterozigote de New Yorkamare, una longa e strenta e una picia e tracagnota;

- I giardini pensili de Babirogna, che no xe perchè te ga de pensarli ti;

- La statua de Madre Teresa d’Austria, con cui el scultor istroamerican Jim Sparagno ga dimezado i costi del progeto originale che prevedeva inveze due statue, una per Madre Teresa e una per Maria Teresa d’Austria;

- El termovalorizator Sbrovax 3000plus de Cicago, un’enorme costruzion a forma de condoto indove che tuto el mondo pol butar le propie scovaze scarigandole diretamente coi aerei C-130 ErCules.

Costruido drento del Castel de Miramar, el ristorante McSimilian’s ne mantien inalterada la memoria, alternando le portate gastronomiche a vere e propie visite guidade ai locai storici. La specialità nel menù xe oviamente el pesse, che i camerieri va a pescar fresco ogni matina intela riserva marina. La qualità xe quindi adiritura certificada del WWF (World Wildlife Food) e magnar qua xe un’esperienza indimenticabile. Solo una volta i ga gavudo rogne, per via che un cliente ghe xe morto el giorno drio pel mal de stomigo. Ma i potenti avocati del McSimilian’s ga gavudo vita facile a dimostrar che semplicemente el mato gaveva magnado cussì ben che el se gaveva rilassado tropo, e ala fine el gaveva deciso de farse una stricadina sul canapè de Carlotta, andando incontro ala famosa maledizion del Castel, che de secoli copa tuti quei che incautamente spava là.

Sentadi a un tavolo vicin de una finestra verta sul mar, i maestri, el Podestà e Chanel Nacici sta per ordinar, butando un cuc ogni tanto in direzion dela sfinge, per controlar che i muleti no sia nel fratempo rivai.

“Buonciorno signori, cosa portare a foi di buono da manciare?” ghe domanda el camerier, che per ricrear l’ambientazion asburgica parla con acento tedesco.

“Per me un McRibòn e un McTrevoltebon”, va sul sicuro el Podestà Teimbiavo.

“Kuesta essere ottima scelta. Possiamo acciuncere ottimo contorno di Ribaltafapori McNuggets”, rispondi el camerier.

“Io prenderei McAngusigolo Zum Teufel con cheesezievoli”, ordina el maestro Mandi.

“Anke kuesto ottimo manciare, sua essere scelta di crante intentitore”, disi el camerier.

[...] (e bon, miga podemo meter tuto el capitolo :D )



Trovè Le disgrazie del tran de Opcina in libreria, opur comodamente online a sto link (col sconto del 20% per tuto marzo).




E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:

giovedì 18 marzo 2021

Le parolaze del Porto de Trieste

 Alora, ogi 18 marzo, xe el compleano del Porte Franco de Trieste. E in libreria (ma anche da Urbanwear e da Tipicamente triestino) xe vegnudo fora el bel libro de Nereo Zeper sul particolare tipo de dialeto triestin parlado dai portuai, che se intitola apunto "Il dialetto nel Porto di Trieste, ieri e oggi".


Eh bon. Noi qua publichemo in anteprima mondiale un picio tocheto del libro, che sta giusto giusto a metà libro, e che tanto ne piasi: la parte dele parolaze che se usa in Porto :D

No xe tute vere e proprie parolaze, ma xe, come disi l'autor, "le voci volgari".
Qua qualchiduna con la letera P:

pintelcùl (a -) loc. avv. - a calci nel sedere.

piòmba - sbornia, ubriacatura solenne.

piòmbo - stronzo. Ma va a far un piombo! va a cacare! 

piòta (pc.) - piede.

pìpa (d.) - membro virile. 

pipàr la lònga (d.) - praticare la fellazione.

pipinòt (d.) - membro virile.

pìria - gran bevitore, ubriacone.

piriadòr - gran bevitore, ubriacone.

piriàr - tracannare (ossia bere come una piria).

pìriavez - ubriacone.

pis (d. pìsso) - piscio, orina.

pìsda - 1) vagina; 2) bella donna.

pìsda lèssa - bigotta.

pisdàica (pisdàuca) (d.) - pisciona, ragazza immatura, “lolita”.

pisdòn - donna (molto) avvenente.

pissadòr - orinatoio, vespasiano.

pissainbòca (pissinbòca) - (naso) adunco, la cui punta si incurva verso la bocca.

pissàndola (d.) - vagina.

pissàr - pisciare, orinare.

pissarèla (d.) - vagina.

pissariòla - pollachiuria (continuo bisogno di orinare).

pituràrse - spiaccicarsi, andare a sbattere con un veicolo.

pivìda - pipita (malattia dei polli) nell’invettiva che te vignissi la pivida! ti si seccasse la lingua!

placiàr - pagare, mettere il denaro per pagare.

polizài (d.) - poliziotto; polizia.

pòlpa - danaro, nella locuz. gaver polpa, avere soldi, esser ricco.

pomèla - bacca, nell’espressione andar a pomele, fallire, non riuscire a concludere nulla.

pomigadòr - chi se la prende comoda, lavativo, scansafatiche; temporeggiatore.

pomigàr - battere la fiacca, sfruttare la situazione; arrangiarsi.

pòmpa - (nl.) irrumazione, coito orale; (d.) membro virile.

pompàda - l’atto sessuale.

pompàr - 1) fottere; 2) darci sotto (col lavoro, con un esercizio ginnico ecc.); 3) filar via, svignarsela.

pompìn - irrumazione, coito orale, pompino.

pònga (d.) - profitto illecito; refurtiva.

pònta - annotazione d’un debito, il debito stesso.

pòrca (porcòna) - donna (molto) libidinosa.

pòrco - bestemmia. Tirar zo un porco, tirar giù un moccolo.

porconàr - imprecare, bestemmiare.

porzitèr (purziter) (d.) - norcino; salumaio, salumiere. Ancora vivo solo in senso spregiativo: te son onto come un porziter, sei unto come un salumaio.

pòta (d.) - potta, vagina.

potrèba (de la -) (d.) - per pura necessità, quindi di scarsa capacità effettiva (come attributo di persona assunta in quattro e quattr’otto, senza pensarci troppo).

pozàr - pagare, pagare subito.

pràssez (prassàz) - maiale; anche come spregiativo.

prèpo (de -) - di prepotenza, violentemente.

profòs (d.) - carceriere.

propùsniza (pc.) - vagina.

puf - 1) debito. El ga el puf in giro; 2) credito. Te me fa puf? mi fai credito?

pufetèr - persona usa a far debiti (e spesso a non pagarli).

pugnèta - atto di masturbazione.

pùlia - polizia.

puliòto - poliziotto.

pulisèra (d.) - pulciaio.

puntariòl (pontariòl) (d.) - membro virile.


E se volè altre... ciolè el libro ciò! :)
Lo trovè anche comodamente online qua -> Il dialetto nel Porto di Trieste, o volendo anche su amazon.




E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


domenica 7 marzo 2021

La musica del 2052

Niente, aprofitemo del'atualità del Festival de Sanremo per publicar questa anteprima de "Le disgrazie del tran de Opcina", che ne conta un poco come che sarà la musica nel 2052.


[...]Cap.11

La television del’osteria intanto xe sintonizada su Tele4, che un giorno ala setimana manda i video musicali del momento. Dopo l’esplosion tanti ani fa del periodo del rap e del trap, la gente se gaveva presto stufado de scoltar sti mati con sti nomi strani tipo Young Muleto, Cercioebbasta e Achille Alloro. I ultimissimi titoli de sucesso de sto genere iera tuti e tre propio de Achille Alloro, e iera:

“Te mazo, mazite”

“Te copo, copite” e

“Son carigo de pila”. 

Sta ultima in particolare iera considerada la sua hit, “quela bela” insoma, nonché la più ben studiada, arangiada e complessa, gavendo ben do acordi de pianola automatica ripetudi in sotofondo per tre minuti e un tiro de bateria pulito e preciso ogni quatro quarti, intanto che el testo ripeteva ad libitum:

“Son carigo de pila, son ulmo de pila
xe tuto ‘sai bel, de babe go la fila
magno pomidori, e cago tanti bori
xe tuto ‘sai bel, ma al cul me fa dolori.”


Dopo la fine del trap, iera tornada la passion per la musica dei ani ‘90. Ma sicome i grupi originali iera ormai tuti andai a sburtar radicio, le canzoni iera stade rifate de varie band locali, che le gaveva tradote. Cussì stasera su Tele4 i ga pena passado “Molila” dei Ajvar, remake dela originale “Give it away” dei Red Hot Chili Peppers, “Beco per bon” dei Ciapa Quel (Back for good - Take That), “Barcola” dele Buso (Malibu - Hole), “Viva l’A e po bon” dei Bacoli (Let it be - Beatles), “Picio mio cocolo” dei S’ciopi e stropacui (Sweet child of mine - Guns’n’roses), e desso quel che se senti xe l’inconfondibile tiro de bateria che fa partir la famosa hit dei Nirvana, “Smells like teen spirit”, che i triestini Osmiza ga tradoto in “Spuzon de scai”, inclusa intel album Gnanchepelcul (Nevermind):

Intel scuro xe meno ciodi
desso qua semo, tirine un viz dei!
Me par de esser mona e contagioso
desso qua semo, tirine un viz dei!

[...]


(Sì bon savemo, xe discorsi de veci, ma ne fazeva rider :P)
P.s. qua trovè el belissimo libro "Le disgrazie del tran de Opcina" in sconto al 20% per tuto marzo!


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



lunedì 15 febbraio 2021

Monon Behavior ga messo su botega!

Opalà! Gavemo messo su botega!
Finalmente gavemo anche noi el sito de e-commerce cove poderè cior i nostri libri e zoghi comodamente da tuta Italia.
Eviva!


Se volè subito curiosar, trovè tuto qua, nela pagina White Cocal Press.

Un poche de istruzioni e consigli: basta zontar quel che ve piasi nel carel, e dopo andar nel carel a confermar e meter l'indirizo de spedizion e el pagamento preferito, tra paypal (che funziona anche per le carte de credito senza dover farse l'acount) e bonifico. El costo dela spedizion via racomandata xe 5 euri, ma se fe un ordine de almeno 15 euri xe a gratis. La spedimo entro 3 giorni, ma disemo pur che de solito spedimo proio el giorno dopo.

Per tuto febraio, in più, visto che xe de festegiar, ogni ordine ciaperà in regalo el bel calendario A Trieste volentieri. Basta zontar el calendario nel carel e dopo scriver "CALENDARIO" come codice promozione. Ma se ve dimentichè, ve lo mandemo in omagio lo stesso.

In più gavemo anche le robe moderne, overo la loteria dei scontrini. Basta che metè el vostro codice per la loteria dei scontrini tra le note finali del'ordine, e noi faremo el resto, e speremo de vinzer ah!

Bon, cossa spetè? Andè a sbisigar nela nostra BOTEGA DEI LIBRI TRIESTINI!

 


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



lunedì 18 gennaio 2021

La famiglia media triestina: che longhi ara!

 Eh gnente ah, ogi importante lezion de GENDER.

Dal titolo "Il gender e la cultura popolare triestina". Il candidato risolva questo difizile pupolo.


Come se noterà, la mama triestina xe quela che lavora de più, la va in Jugo far la spesa, la ghe cori drio a Gigi Pirola, la se preocupa per Bertolin e intanto la ne difendi de tuti i toreri. Insoma la xe multiscarseling po.
El pare inveze fa giusto un do monade, con l'agravante de esser tre volte bon e quindi mona... d'altra parte un che sconfondi el merlot con l'inchiostro tanto ben no sta. E oltre a mona el xe anche beco intanto che el sta stravacado sul paion. L'americano zo in porton no perdona.
I fioi inveze come atività principale ga quela de copar zimisi col martel e sporcar la casa in clapa coi colombi (oltre a esser gobi anca lori come tuti i altri).
Insoma qua xe robe de servizi sociali subito, altro che!


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:





giovedì 7 gennaio 2021

Gli auspici triestini 2021

Come da tradizione, i dieci auspici per il nuovo anno triestino.
Normalmente tutto ciò avveniva grazie alla lettura del fumo della Ferriera, ma, come da auspicio numero 10 dello scorso anno (incredibilmente intivado), la Ferriera è stata dismessa, per cui la lettura quest'anno si basa sulla posizione delle mani drio la schena nella postura dei veci che varda i cantieri.


Come vedete, la postura del primo cittadino di Trieste è: mano destra che accoglie 3 dita della mano sinistra, con pollice della mano sinistra a chiudere il tutto.
Il 2021 sarà dunque sicuramente un ottima annata con 7 quintali di interessanti oggi che ci faranno innamorare.

Nello specifico, ecco i sette quintali di auspici:

  1. El tram de Opcina tornerà a funzionare. Ah ah, bela! Questo auspicio ovviamente è lo stesso auspicio 2017, 2018, 2019, 2020 e serve solo a far reclam del bellissimo libro Le disgrazie del tran de Opcina  :P
  2. Grande incertezza per le elezioni amministrative. Alla fine la spunterà al ballottaggio il candidato che prometterà de indrizar la cometa storta porta pegola.
  3. Cogoi abbasserà i prezzi e non sarà più caro. Di conseguenza la profezia perderà il suo basilare fondamento e quindi noi no saremo più cagai.
  4. A tempo record, verrà realizzata l'ovovia. A novembre Ciano Trapolezich, che con lungimiranza ha aperto un'osmiza abusiva a Campo Romano, viene eletto da Forbes "Omo più carigo de pila dell'anno".
    Furio Petess, disperso nei boschi, sarà invece eletto "Omo più carigo dell'anno".
  5. Realizzata anche la spiaggia a Barcola. Per tutto l'anno fioccano gli avvistamenti di clanfadori morti spiaggiati. Festeggia il Centro Operativo per la Friulana Egemonia (COFE), che si prepara alla conquista da Lignano, ora che la via è priva dei temuti scogli.
  6. De scondon, l'archistar Stelio Zaflaucich costruirà in Piazza Unità una serie di gigantesche montagne russe con carrelli a forma di cevapcici. "E cossa, poderò far una monada anche mi o no?", la sua dichiarazione.
  7. Partiranno i lavori della galleria di Piazza Foraggi. A metà tuttavia finiranno i soldi. Per recuperare fondi, su grande intuizione dell'assessore Duilio Risiebisi, a metà galleria verrà realizzato un negozio drive-through di souvenir con pezzo forte "La ioza in scatola".
    "Se stava meo co se stava pezo," il commento del pendolare Toio Cadena, "una volta la ciapavimo intel muso agratis e desso la gente paga 10 euri tuta contenta, bah."
E bon. Bon 2021 a tutti! Un anno da seguir rigorosamente col belissimo calendario a Trieste volentieri. lo trovè in libreria :)