'/>

martedì 19 gennaio 2016

L'origine del morbin

Per festeggiare la seconda edizione di Polska... rivemo!, acquistabile comodamente online a questo link, pubblichiamo la maldobria dell'origine della parola morbin, una delle dieci contenute nel libro ;)


EL MORBO DEL PROFESSOR MICHAEL MORE


Pupolo di Michele Zazzara



- Ah, che bei i tempi de co che se andava a scola, te se ricordi Ucio?
- Te sa sì, coss’che no se divertivimo noialtri, sempre a far gheto.
- E a farghe ciapar el futer ai prof! Me sovien de quela volta che gavevimo remenà la prof de latin contandoghe la storia del’orso. Ghe gavevimo fato creder che i voleva cavar via el latin dele scole, e che alora no gaveva più scopo che lo studiassimo, visto che iera l’ultimo ano.
- E la ve ga credù? Ma cossa, la iera insempiada?
- Ara che se la gavevimo studiada ben ben, ierimo professionisti dei fufignezi. Un de noialtri gaveva el pare che lavorava al Bugiardel, propio in tipografia. E alora cossa gavemo fato? El primo de april, per far el viz, gavemo stampà una copia tarocada del giornal, con bela in prima pagina la notizia che el ministero gaveva deciso che del’ano drio el latin saria stado mandà a remengo, per via che el iera una lingua morta, vecia, che nissun se fazeva più gnente de ela.
- Che vuol ch’io faccia del suo latinorum!
- Cossa nassi? Con chi te la ga? Perchè te parli par talian desso?
- Ma moniga, xe un toco dei Promessi Sposi. Ah, cossa perdo tempo con ti che a scola te studiavi solo che el modo per ficarghela più meo ai prof.
- E me vegniva anca ben! Speta che te conto vanti che merita. Alora, su sto giornal dopo gavevimo anca zontà che al posto del latin ghe saria stada una nova materia, le clanfe, che iera una roba ‘ssai più moderna e ‘ssai più utile per la muleria.
- Su questo no go dubi, vara.
- E insoma, sta tululù de prof ghe xe cascada come un perognoco, e la iera tuta disperada. La ga tacà lamentarse che la gavessi perso el lavor, e che no la gavessi più gavù cossa darghe de magnar ai fioi. E la iera propio incativida, sul pie de guera, come. Me sovien che la ga propio dito: “Basta, cussì no se pol andar avanti, desso ghe penso mi a sistemar sta roba. No i pol mandar a remengo el latin!”.
- E cossa la ga fato? La xe andada del ministro a parlar? Del sindaco? La ga ciamà el Presidente dela Republica?
- No, la ghe ga scrito a Segnalazioni.
- Come dir che la ga ciapà in man la situazion, insoma.
- Ha ha ha, te sa sì! Bon, ma la gavemo ciapada in man ben noialtri. Ghe gavemo dito che no la se staghi a preocupar, che se i voleva zontar sta nova materia sicuro ghe saria stado bisogno de prof, e che se la voleva ghe podevimo dar una man noi, per impararghe come che se fa ste clanfe, aciò che la sia pronta per co che ghe sarà el concorso de assunzion.
- E cossa la ve ga dito?
- La ga acetà po’, squasi comossa de quanto cocoli che ierimo. E cussì i ultimi mesi gavemo passà le ore de latin, inveze che sui banchi, a Barcola a farghe el corso de clanfe ala prof. E ala fine per ringraziarne la ne ga promosso a tuti cola media del’oto, pensa ti.
- Go capì, ma l’ano dopo la se gaverà inacorto del futiz no?
- Ah, te sa ti, noi ormai gavevimo finì la quinta, chi la ga più vista dopo!
- Ben cazada! Bela Ciano. Squasi bela come quela del morbo del professor Michael More.
- Che morbo? No la so questa, contime, cossa gavè combinà?
- Miga noi! Questa xe una storia che gira de ani anorum po’. La xe vecia, ‘ssai vecia. Robe che ghe iera ancora la Defonta, per capirse.
- Bon, indiferente, contime.
- Alora, ghe iera sta scola, qua a Trieste, indove che de un pochi de ani iera ospite un professor de chimica ‘ssai ma ‘ssai famoso in tuto l’impero, el professor More. Sto mato iera un inglese, e el iera qua per via che el se gaveva inamorà de Trieste po’, e alora el gaveva deciso de continuar le sue rizerche qua. In cambio, el ghe fazeva lezion ala muleria.
- Me par giusto. E cossa el rizercava?
- El iera drio a trovar la formula dela felicità, del’alegria.
- Adiritura!
- Eh sì, lui diseva che cussì come che esisti la malatia dela depression, alora ga de esister anca la malatia del’alegria. Pulito. Anzi, el morbo del’alegria lo ciamava. E lui zercava come farte vegnir sto morbo, aciò che tuti possi esser sempre alegri.
- E mai passion, viva l’A e po’ bon!
- Propio quel.
- Go capì. E come el te conzava sto morbo? Con una sponta? Con un pirolozo? No sta dirme con una suposta, te prego.
- No, no, tranquilo. In pratica el stava lavorando a un liquido, una soluzion, come. Ti te se fazevi una flebo de quel e tac, te ciapavi el morbo e te diventavi alegro per sempre.
- E funzionava?
- No gaver furia, lassa che te conto. Insoma, una volta al’ano vigniva la comission per valutar come che andava avanti la sua rizerca, per decider se darghe ancora bori o no, se capissi.
- Giusto come l’oro. Tante volte se buta via fliche per gnente con sta rizerca. Go sentì presempio de zerti sienziati desso che ciapa soldi per studiar come che cambia la pression dela vessiga drio de quel che te bevi, per calcolar pulito quanto lontan te pisserà. A cossa servi, digo mi? Quei xe bori butai via.
- Bon, ma pol servir per co che te fa le gare de pissade de molo San Carlo, no? No sta esser vecio po’. So che tanto ormai ti oltre le scarpe no te rivi più, ma magari ai altri ghe pol esser utile. Ma no ga importanza desso. Insoma, te disevo che anca quel’ano iera rivai a Trieste sti mati de sta comission de valutazion. Tre de lori, bruti che no te digo, scuri in muso, seri ciò, i pareva squasi dei bechini.
- Altro che morbo del’alegria, orco tron!
- Eh, ma iera propio quel el bel. Apena che el professor More li ga visti, el ga subito pensà che la roba più meo de tute iera propio de usarli lori come cavie. Se funzionava con quei musi de pizigamorto, alora el podeva dir de gaver trovà de sicuro la riceta pe’l morbo.
- E ghe gavessi fato anca ben a lori, tuti sa che ogni ridada ghe cava un ciodo ala bara.
- Ben dito. Insoma, el giorno del test i se gaveva messo d’acordo che solo un dei tre gavessi fato de cavia, aciò che i altri do podessi capir se la roba funzionava per bon o meno.
- Ah, cussì, i ga acetà? E se ghe fazeva mal?
- Cossa te vol, a quei tempi no iera tute ste loiche per la sperimentazion. In tre i iera, se qualcossa andava mal, i restava in do e po’ bon.
- Go capì. No son ‘ssai convinto che te me la conti giusta, ma te scolto.
- Xe cussì, fidite. In più, a seguir tuto l’ambaradan, ghe iera anca tuta la muleria dela scola, per via che el professor More ghe gaveva dito che ghe saria sta’ utile per imparar qualcossa de novo.
- Me par giusto, iera una bela ocasion per tuti.
- Ecolo. E insoma, dopo un do ciacole de presentazion dela rizerca, l’assistente iera andà int’el laboratorio a cior sta soluzion per farghe la flebo al mato.
- Anca l’assistente el gaveva, ciò.
- E se capissi, te go dito che iera un professor ‘ssai importante. James Bean se ciamava l’assistente. Anzi, dotor James Bean, po’.
- E i ghe ga fato la flebo al pizigamorto?
- Se capissi, miga i iera là per zogarse! I lo ga fato distirar su un letin, i ga preparà tuto bel pulito e zac, i ghe ga messo l’ago int’el brazo e sta soluzion ga tacà a calar pian pianin, finchè in diese minuti no la xe finida tuta. E tuti spetava de veder coss’che nasseva. Se el mato se alzava tuto contento o se inveze no el se gavessi alzà mai più.
- Vie de mezo no tegnimo... Va ben, e cossa xe nato?
- Xe nato che el se ga tirà su, el se ga vardà intorno, el ga vardà i do dela comission e el ga tacà a rider come un mona. “Ara che bruti che sè ciò!”, el ghe ga dito, “El morto dove lo gavè lassà, a casa? O la bara ve la tignì per voi per andar a spavar co xe tropo sol?”, e zo a rider come un mato.
- Ha ha bela ciò, li remenava. E lori cossa i ga fato? I se la gaverà ciapada col professor More imagino.
- Coss’te scherzi? Lori iera seri po’, come sempre. E cussì no i ga podù far altro che convalidar l’esperimento. La soluzion funzionava, el morbo esisteva e el professor More lo gaveva trovà. Insoma, i ghe ga firmà tute le carte per ciapar avanti bori per tuta la vita. Solo che i ga volesto provar anca lori, che in fondo i iera stufi de esser cussì musoni. E come che i ga sentì sta roba, ga volesto provar anca tuta la muleria dela scola.
- Tuti voleva el morbo insoma.
- Coss’te vol, a tuti ghe piasi esser alegri. Alora l’assistente Bean xe andà a cior le altre fiasche dela soluzion, e i se ga fato tuti una bela flebo, e ala fine iera tuti che rideva come lole, e i ga messo su una festa granda in quatro e quatro oto, bali, ridade, cantade, un carneval che no te digo. E ala fine, co che iera ora de saludarse, a un dei pizigamorti ghe xe vegnù in amente che iera de darghe un nome a quel morbo, che ancora no el gaveva.
- Giusto. E come i lo ga ciamà?
- I se ga parlà un salto e i ga pensà che ciamarlo morbo iera un poco bruto, per via che in fondo iera una malatia positiva, una roba cocola, eco. Alora i lo ga ciamà picio morbo, morbin insoma. E i ghe ga dà el nome de quei che lo gaveva trovà po’, come che se fa sempre, quindi del professor More e del dotor Bean. El morbin de More-Bean, insoma dele some. E cussì fra l’altro xe nata la parola “morbin” come che la intendemo desso.
- Quante che te sa, ciò. Va ben, ma con sta soluzion poi come xe finida? I ga continuà le rizerche? I la ga miliorada? I la ga venduda in giro pe’l mondo e i xe diventai tuti richi?
- El giorno drio i se ga sveià tuti con un mal de testa numero uno. El professor More ga pensà che iera un efeto colateral de sistemar, e xe andà de balin in laboratorio a lavorarghe su. E insoma, el ga verto l’armeron indove che el tegniva le fiasche cola soluzion e le ga trovade tute ancora là, tute intiere e sigilade.
- Ostregheta, come xe possibile?
- E qua vien el bel. Alora ghe xe vignù un bruto dubio, el ga verto l’armeron vizin e lo ga trovà svodo, tuto svodo. E sa coss’che el tigniva là fin el giorno prima?
- No stame dir...
- El teran. Un armeron pien de teran iera. L’assistente gaveva sbaià armadio e i se gaveva fato tuti una bela flebo de teran.
- Ah! Bela questa, ostregheta, eco perchè i iera cussì alegri, altro che morbin de More-Bean! Ma quindi no el gaveva scoverto gnente? E alora i ghe ga cavà tute le fliche?
- E no, ormai i pizigamorti gaveva firmà, el professor More gaveva bori fin che no el moriva e el morbo esisteva ufizialmente col suo nome. El ga alzà le spale, el ga serà l’armeron, el ga ciamà l’assistente e tuti i muli dela scola e li ga menai in osmiza, a ciaparse ancora un poco de morbin.
- Ah ben. Insoma bela rizerca dei, podevimo farla anca noi. Squasi squasi xe più meo quela dela pression dela vessiga per pissar più lontan del molo San Carlo.
- No brontolar sempre. Dei, legi vanti e intanto ciapa, sluchite un poco de morbin che te fa ben.

Nota:
So che no ghe credeva nissun, ma, a scanso de equivoci, la parola morbin oviamente ga tuta altra origine. Sul Nuovo Doria xe scrito che la vien del venezian “morbio”, che vol dir rigoglioso.

Eh bon, se volete ridere ancora ordinate Polska... rivemo!
E anche Zinque bici, do veci e una galina con do teste :)
Daghe!





Nessun commento:

Posta un commento

Disi la tua, ale!