'/>

domenica 31 agosto 2014

Veci a Trieste: l'elisir di lunga vita

Vecia in via genova, età stimata 82.

- Mia fia ga messo l'auto in seconda fila che no posso caminar tanto. Alora ghe gavemo domandà ai vigili se i ne dà la multa o no.
- E cossa i ghe ga dito?
- I ga dito che dipendi del vigile che trovemo.
- Ah beh sì, su ste robe se pol anche serar un ocio in fondo...
- Eh no, no va miga ben. O xe una lege, o no la xe.
- Eh ma la sa, qualche lege xe fata cussì, xe elastica...
- Sì ma no va ben. Mi son nata soto l'Austria, se vedi subito che son de un'altra scola.
- Come soto l'Austria?
- 1917 po', Austria ierimo!
- La xe del 1917? Orca, complimenti ciò.
- Grazie cocolo. Cossa te vol, magnavimo genuino, no come quel che vedo magnar desso i fioi...
- Eh, imagino...
- Solo che robe de casa po', che te savevi de dove che le vegniva...
- Ma de dove la xe esatamente?
- Roian son nata! Son nata che gavevo 1 chilo e un quarto. E son vegnuda su senza incubatrici, senza monade. Late de mia mama po', figurite che tetone che la gaveva.
- Posso provar a imaginar, sì, tettone (con due t, fa più massa).
- E cussì son vegnuda comunque su ben. E gnente, cussì el primo anno de vita in pratica go dormì.
- Come dormì?
- E coss'te vol che fazi una creatura de 1 chilo e un quarto? Dormi po'.
- Me par giusto.
- E dopo i me dava i ovi de casa, ogni giorno, diretamente dele galine.
- Ah sì anche mia nona me sbateva un oveto ogni matina me ricordo...
- Sì, sì, quei bei ovi de casa. E mi no xe che magnavo un solo. Un ciolevo, magnavo, dopo fazevo finta che se gavessi roto e ghe domandavo un altro. Cussì tre ovi magnavo. E no go mai gavù colesterolo o trigliceridi sa! Dio, go qualche altra magagna, ma coss'te vol, a 97 anni va ben cussì!
- Sì, sì, metessi la firma.
- E insoma sti oveti ne li portava ogni giorno una siora de Basoviza, ovi boni, de casa, del Carso.
- Boni boni quei. Bon dei se trova ancora in osmiza i ovi boni de casa del Carso.
- Ah sì eco bravo, osmiza. Bon cocolo, adesso andarò.
- Arivederla, grazie dela compagnia!
- Ciau bel, alora se vedemo fra un zinque anni dei.

E la vardo andar via.
E penso che la ga 97 anni e la xe lucidissima, e chissà quante che ghe ne ga passade.
E alora ripenso a cossa go imparà ogi, a quale in pratica xe l'elisir de lunga vita triestina che me ga sugerì la siora.
Rielaboro el dialogo, filtro le parole chiave, salvo quel che servi.
Eco. La riceta de lunga vita xe:

Tettone (rigorosamente quele con due t), dormir e osmiza.

No se finissi mai de imparar.

(P.s. Va ben, va ben, a onor del vero no la ga dito "tettone". Disemo che iera sotinteso. O forsi go imaginà mi. Tuto el resto xe vero però, anche e sopratuto el "se vedemo tra un zinque anni". Super veceta.)


martedì 26 agosto 2014

Veci a Trieste: sfide al semaforo

Agosto 2014. Vecia in bici, sui 80 anni, semaforo rosso, ferma.

Rivo anche mi, sula mia bici Arlandria, me fermo al suo fianco.  
Sguardo de intesa.
Xe bel andar in bici per Trieste. Anche i veci par aprezar, a quanto par se pol.
Se soridemo. Generazioni diverse ma stessi ideali.  
Nei sui oci azuri e sereni se legi tante storie de vita vissuda. Volessi che sto semaforo duri quanto basta per scoltarle e farle mie.
Ma so che diventerà verde tra poco. E so che son più veloce, e se parti prima ela dopo doverò passarla, e in ste strade strente e carighe de auti sarà dura.
Lo sguardo de intesa diventa sguardo de sfida. Rombo virtuale de motori.
I auti diventa spetatori, semo davanti, nissun pol fermar la nostra singolar tenzone.
Pronti.  
Scata el verde.
Coi oci puntai sul'asfalto, fazo partir l'onda energetica che inonda el pedal destro, Arlandria rispondi, partimo con leggendario scatto felino.
Alzo i oci.
La vecia xe za zinque metri avanti.  
Maledete bici a pedalata assistita.

No xe più i veci de una volta.

martedì 12 agosto 2014

La leonessa e la gazzella diet

Prima puntata della nuova rubrica "Psicologia umana applicata alle bestiuzze", serie che ha come fine ultimo dimostrare scientificamente che l'omo xe mona. 
Ecco la storia della leonessa e della gazzella diet.  

La leonessa si svegliò, come ogni giorno.
Accese la televisione per tenersi aggiornata sulle news dalla savana. Situazione delle pozze d'acqua, colori alla moda nel 2014 per le zebre, la giraffa nel guinnes dei primati per il collo più lungo, la segnalazione degli scimpanzè che se il guiness è veramente dei primati allora la giraffa non c'entra un zocca, solite robe insomma.
Finchè non cominciò la pubblicità. Lima-unghie elettrici, spuzze flit per marcare il territorio in maniera più efficace, arriccia criniere per maschi fashion-latacu. Solite robe insomma.
Finchè non arrivò l'ultimo spot: un primo piano di una gazzella anoressica rincorsa da una leonessa dalla silhouette invidiabile. "Dalla ricerca CopaSavana, Gazzelle BioDietZero, da oggi con ancora meno calorie!", questo l'accattivante claim.  
La leonessa spense il televisore, esclamò un "macheccazzo! La psicologia umana me magni una fetta de cul!", e assieme alle compagne tese un agguato a un branco di gazzelle, puntando la più sbonfa.  

Morale: vero progresso sarà quando i tic-tac gaverà 1000 calorie, non 2. Ostregheta!


lunedì 11 agosto 2014

Le dieci trasgressioni must della movida triestina

Finalmente xe rivada l'estate.
Per via che finalmente xe caldo e xe rivà el sol? No, quele xe monade.
L'estate a Trieste riva co finalmente se torna a parlar de ela.
De quela.
Quela quala?
La temibile Movida Triestina™
Per il questore, ormai la xe FUORI CONTROLLO®.

I ricercatori del Monon Behavior Research Department no podeva esimerse dal far una ricerca sul campo per schedar le dieci peggiori trasgressioni dela muleria degradatamente degradante che bagola per le pericolose zone dela Movida Triestina™. I iera in dieci, purtropo a causa dela Movida Triestina™ FUORI CONTROLLO® xe morti tuti e xe tornà solo un, che ga rivà a lassarne l'elenco prima de morir anche lui per le ferite riportate.

Ecco le dieci trasgressioni must della Movida Triestina™
  1. Sconderse int'el zaineto una boza de bira portada de casa per no spender int'ei locai, gesto che mostra sprezzo per el normale sistema consumistico capitalistico o pericolosa istrianità sovversiva.

 2. Impinir i scovazoni fin l'orlo, e se no xe più spazio lassar là vicin le boze, ma fora del scovazon, causando apositamente degrado. Testimoni oculari disi che i ga visto muli spetar apositamente che i scovazoni sia pieni per poder pozar la boza fora.
La foto de Bruni che testimonia la pericolosa usanza de impinir i scovazoni de scovaze.
In sto caso i muloni se iera portai un sacheto pien de Lasko svode e i ga spetà che el scovazon fussi pien per poderlo tacar sul scovazon impunemente. Maledeti ciò.
.



  3. Star sentai sul marciapie a ciacolar bevendo birete o altre bevande dissidenti. E no solo su un, su tanti marciapie! Ciaro gesto de derision verso chi se limita a caminar nela sua banalità borghese.

  4. Parchegiar sule rive ala cdc con sommo sprezzo dell'ordine costituito del paese ordinato che ierimo.

  5. Pastrociar su muri e in giro, lanciando ambigui e criptici messaggi di finto collaborazionismo anti Movida Triestina™.

Grazie a Andrea Tinis per la foto

  6. Pissar dal Molo Audace. Ma no come che fazeva i nonni, che pissava del Molo San Carlo. Quele sì che iera minzioni d'onore. Quei iera altri tempi. Desso i lo fa propio con quel'anda arogante tipica dela movida. E anche el nome "audace" fa più aroganza.

  7. Portar strumenti sul Molo Audace per far casin. I gaveva incomincià anni fa cole chitare. Dopo xe rivadi i tamburi bum bum bum e i bonghi bam bam bam. E desso, nela Movida Triestina™ ormai FUORI CONTROLLO®, semo rivai a portar pianiforti. Tuto solo che per far ancora più casin e degrado.

No bastava chitare e bonghi, desso anche pianiforti.
  8. Magnar el parsuto senza mastigarlo. Sì, anche questo i fa. I xe stadi visti, fora de Marino. Come gesto de ribelion nei confronti dele none che ghe diseva che i muleti mori se no mastiga el parsuto per via che el ghe va per tresso.
Oviamente dopo i xe morti, le none ga sempre ragion. E i cadaveri ga aumentà el fator de degrado.

  9. Cucar el lato babe del Pedocin del mar, oltre el muro. Trasgression a sfondo sessuale anche gavemo, la temibile Movida Triestina™ no se fa mancar niente.

  10. Ultima, la più pezo de tute perchè subdolamente avalada dal Comun, che dovessi invece combater questo degrado: ocupar la ex pescheria, logo dove un tempo se lavorava sul serio, con eventi-inni al fancazzismo. Mostre de magnar, mostre de bever, dove i movidari apunto magna e bevi e perdi el contato col sano mondo del lavoro. E desso là cossa ghe xe? El Salotto Vienna. Salotto! Salotto! "Salotto" Vienna. No "cucina", dove che se lavora e se cusina. No "studio", dove che se lavora e se studia. No "sala riunioni", dove che se progeta lavori. No, proprio "salotto", la parte dela casa dove che no se fa mai un cazzo! Solito po'.

Visti questi dieci punti, xe evidente che Trieste sta diventando veramente una città dove la gente ga paura a girar de sera e anche de matina.
La foto de Andrea Rodriguez ben evidenzia la pericolosità dela situazion. Semo cagai.


venerdì 1 agosto 2014

Olimpiade dele clanfe, la diretta

L'Olimpiade dele Clanfe in diretta mondiale, universale, paralelluniversalitstica in streaming, ciò. Eccola, grazie al bel lavor del mulo Antonio Giacomin de Fluido Tv e de Cisar Synapse El tuto dovessi tacar per le 13, l'inizio del'Olimpiade xe previsto ale 14.
Se per caso qua no funzia, provè sul sito del Piccolo o su quel de Spiz.



Broadcast live streaming video on Ustream


http://www.amazon.it/s?_encoding=UTF8&field-author=Diego%20Manna&search-alias=digital-text