'/>

domenica 28 settembre 2014

Care segnalazioni: i compiti

 E anche oggi le segnalazioni del Piccolo ne regala una perla. De solito se parla de scovazoni spostai de qualche metro, de deiezioni canine, de degrado de Grado, de se stava meo co se stava pezo.
Finalmente ogi un problema che riguarda i giovani, ostregheta!
Tra l'altro ottimo l'uso del doppio "volentieri" ;)




Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.

venerdì 26 settembre 2014

Care segnalazioni: Trieste città dele nagane

Dopo la leggendaria segnalazione di Franca C. Porfirio, che definiva Trieste come una suburbia dionisiaca, ecco la spiegazione storica del perchè Trieste non avrà mail il rigore asburgico, ma sarà per sempre una città de bobe, marzi, nagane, strafanic e marantighe.


Care segnalazioni, la rubrica con le segnalazioni più cool di Trieste.

mercoledì 24 settembre 2014

Veci a Trieste: la bissa soto el cuor

Vecia in via Mazzini, età stimata 84. 

- Ara che mi son de Servola sa! Miga monade. Dopo go dovesto andar a Fogliano perchè mio marì gaveva trovà mestier là e ciò... volevo morir.
- Orca, adiritura!
- Sì, sì, per fortuna sia a lui che a mio fio ghe gaveva ciapà alergia ai ulivi, ciapa! Ben petada.
- Quindi sè tornai tuti a Servola.
- Esato, tuti, mi, mio marì, mio fio, can, gato e usel. Che se i me manda in canon l'Enpa me ga dito che go de portarli con mi, se no xe abandono de animale.
- Ah no savevo sta qua ciò...
- Eh, co i ga de magnarte bori tute i se le inventa. Ara, desso me xe rivai i 80 euri de Renzi, ma i me ga za dito che co fazo el 730 i me li porta via.
- Eh za, xe cussì, de qualche parte i dà e de altre i ciol...
- Ah no sa, a mi no i me la peta! Mi so che ghe xe una lege che quel che i te dà no i pol cior.
- Sì, sì, la conosso, la disi "chi che dà, chi che ciol, ga la bissa soto el cuor"
- Ah ah, propio quela! Bon ciau stela, stame ben!

Eco. La vardo andar via e penso ala biologia dela bissa. Ciò, quante bisse bagola in Italia desso? E che bale, no se riva sterilizarle un pochetin?


lunedì 15 settembre 2014

El Pedocin, ciacole dal lato babe

Aprile, parcheggio davanti al Pedocin, una turista ferma una signora all’uscita, una tipica bagnante over 70, che presenta già un colorito tra il bronzo e la carbonella.

Turista: mi scusi, è questo il famoso stabilimento Lanterna?
Anziana: si si questo, ma lo ciamemo Pedocin
Turista: ah capisco, l’ho letto su una guida, come particolarità di Trieste
Anziana: ma lei la xè foresta? Se vuole le spiego come funzia
Turista: si grazie mi piacerebbe. C’è un biglietto? si entra divisi uomini e donne subito?
Anziana: allora lei la entra, paga il biglietto, poi lo deve fraccare in te la macchinetta che lo timbra. E va dalla parte delle donete.
Turista: ci sono sdraio? è attrezzato?
Anziana: no, le consiglio di portarsi una roba morbida da mettere sotto perché se no i saseti ghe rovina il cul
Turista: ma è un bagno naturista?
Anziana: no, non ci sono sai piante e no xè alberi
Turista: intendevo se è un bagno naturista, cioè se si fa nudo integrale
Anziana: orca no dei. Siamo in tante in topless, ma teniamo sempre coperta la parussola!

Questo uno dei pezzi di El Pedocin, libro di Micol Brusaferro a cui abbiamo dato una mano, perchè merita 'ssai.
C'è poi la sezione tettometro, abbigliamentometro, ciabattometro, gli sport, i tatuaggi e tanto altro ancora... insomma grasso el dindio!

Il libro si trova su amazon in formato ebook e costa 2,99 euri, scaricabile strucando il botone del mouse a questo link.

La roba boba del libro xe che finalmente anche i mas'ci poderà capir e farse un'idea dela situazion che xe drio quel muro.
Robe che nissun volerà più scavalcarlo, altrochè! :D