mercoledì 24 giugno 2020

Sport al tempo del coronavirus

La notizia di oggi è che Novak Djokovic ha preso un poco troppo ala legera (nel senso triestin) il coronavirus e ora è positivo a causa del torneo di tennis organizzato negli ultimi giorni.


Urge quindi fare chiarezza sulla sicurezza degli sport estivi, cossa se pol e cossa xe meo no far. Eco qua la lista (Grazie a Davide Stanic per i punti 11-14):

  1. Balon: il giuoco del pallone (vedi serie A) è sicuro basta che non ci siano contrasti, tackle, scivolate, placcaggi, spudoni, toccaballe, cazzaniga, suplex, copini, sotomayor e altri tipi di contatto diretto. 
  2. Balon: ciaparse un balon si può, essendo alcol disinfetta tutto.
  3. Tennis: visto il precedente sarebbe meglio di no, anche la foto qua sopra è abbastanza chiara.
  4. Lavre: va benissimo ma ogni giocatore deve avere le proprie lavre personalizzate col nome.
  5. Porton: stesso discorso. Ognuno col proprio sassetto.
  6. Clanfe: nessun problema ed è possibile anche schizzare le vece per farle rabiar.






  7. Birra pong: va benissimo visto che la pallina finendo nei bicchieri si disinfetta. Ma va versata almeno birra doppio malto.
  8. S'cinche in salita: pericoloso perché le s'cinche, tornando indietro, potrebbero colpire qualche altro giocatore.
  9. Darsela: vietatissimo anche se molto educativo per lo studio delle dinamiche del contagio.
  10. Sesa: possibile solo la variante "la sesa la ga el coronavirus".
  11. Ciclismo: solo se a tappe (in osmiza)
  12. Hula Hop: ottimo per garantire il distanziamento sociale.
  13. Snorkeling: consigliato con la maschera del Decathlon, eventualmente pronta per essere modificata in terapia intensiva per la ventilazione
  14. Materassining extreme: la pratica di addormentarsi sul natante in mezzo al mare facendosi trasportare in Dalmazia dalla corrente con ustione solare e rientro pagaiando con le mani per evitare di attraccare con natante senza targa in terra covid.
  15. Lettura: certo che sì, magari del bel libro de Nella Ulcigrai "Meio un omo ogi e uno doman" :)

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



giovedì 11 giugno 2020

I nuovi comandamenti per passare i confini

Confini aperti. Ma nissun sa ben cossa se pol e cossa no se pol far. Ecco però che grazie alle nostre intercettazioni al Ministro degli esteri sloveno Igor Gostilna siamo in grado di fornirvi in anticipo il decalogo di quali saranno gli obblighi da rispettare:


  1. La carne va messa nel regipeto e la trapa nel baul.
  2. Ocio che se ve trema un poco el cul i ve beca subito.
  3. I pupoti dele caramele Pez gaverà tuti la mascherina.
  4. Poderè far benzina ma sicome gaverè tocado cole man la manigheta dopo doverè darghe fogo al distributor per disinfetar.
  5. Controlo dei documenti sul confin a rigorosa distanza de 2 metri. Sarà preparade dele speciali propusnice a forma de aroplanin (aparechio) de carta.
  6. Se rivè in bici dala ciclabile gaverè l'obligo de incanfararve de bire de Flora per disinfetarve prima de rientrar.
  7. Obligo de scarigar la app Immononi.
  8. Per quei che se ferma a magnar, obligo de condir con zivola e ajvar tuto, anca el cafè, sempre per disinfetar.
  9. Se dovè andar a far plin plin, prima de entrar in condoto doverè lavarve le man col disinfetante gel (una volta finido quel, poderè usar l'ajvar anche qua).
  10. In via del tuto ecezionale al posto dela propusnica podè presentar sul confin el belissimo libro "Meio un omo ogi e uno doman", de Flavio Furian e Massimiliano Cernecca. (Sì, questa iera reclàm :P). Lo trovè in libreria o comodamente online qua.

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



lunedì 1 giugno 2020

Regolamento Movida 2020

Visto che la movida triestina è ritornata al suo antico splendore nonostante il pericolo coronavirus ancora incombente e soprattutto visti gli ultimi episodi di pupoli e longhi durante le notti brave della muleria, ecco che finalmente abbiamo disposto la nostra proposta di regolamento per ovviare a tutti i succitati problemi e magari zontare qualche virgola in questa lunga frase.

movida triestina
Solita immagine della movida rubada a Andrea Rodriguez

  1. Accesso alla movida triestina permesso solo con mascherine con certificazione very cool. Ocio a quelle futizzate che hanno invece la certificazione very cul.
  2. Se volete fare pupoli, prima munitevi di guanti mono-uso. In caso di pupoli per futili motivi, si possono usare anche quelli mona-uso.
  3. Per limitare gli accessi al cesso che solitamente è luogo angusto e di facile assembramembro, è meglio che i maschietti facciano pissin dal Molo Audace (aka San Carlo).
  4. Per incentivare il punto 3, i locali sono invitati a organizzare delle gare per chi pissa più lontan con in premio spritz, bira e quant'altro.
  5. Vietato tirar sardoni che possono portare a possibili missiamenti che possono portare a possibili contagi. E' permesso tirar sardoni solo se la probabilità di ciapare un due di picche (o un volentieri) come risposta è maggiore del 95%.
  6. Su proposta dei residenti che non vogliono sentire scagazz, in via Torino è vietato parlare con la mascherina tirata su.
  7. La mascherina si può tirare giù solo per bere piccolezze o cordiali acquistati nei locali.
  8. Unendo i punti 6 e 7, in via Torino in pratica dovè star sempre ziti.
  9. Per questioni di sanificazione, possibile bere solo piccolezze con gradazione alcolica maggiore di 60°
  10. Per evitare assembramembri lungo la via, ogni 30 minuti i gestori dovranno organizzare un round del gioco della carega: chi non trova una carega libera dove sedersi alla fine della canzone "Mona sentite, mona sentite!" dovrà andare a casa.
  11. Unico look ammesso quello suggerito da Nella Ulcigrai nel suo bellissimo libro "Meio un omo ogi e uno doman", che si trova in libreria e negozi di souvenir nonché online qua. (E anche ogi gavemo messo la reclàm :D )

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



mercoledì 27 maggio 2020

Vacanze: i consigli di Nella Ulcigrai


Tratto da "Meio un omo ogi e uno doman", bellissimo nuovo libro di Flavio Furian e Massimiliano "Maxino" Cernecca che trovate in libreria, negozi di souvenir oppure online qua, ecco le mete perfette per le vacanze, consigliate da Nella Ulcigrai po! Qua l'altra anteprima, el kamaresutra.

VACANZE
Una roba che tanto ne piasi a noi babe xe le vacanze. Xe el momento in cui te pol tirar fora tuta ti stessa, e anca un poca de più, se no te se ga depilado tanto ben.
Ghe xe oviamente dele mete più indicade de altre, quele più rilassanti, quele più inebrianti, quele tonificanti e quele pepificanti.

  1. Una volta me ricordo che ierimo in un posto zo per l’Istria dove i te dava de magnar qualsiasi roba. Ma propio robe ufo, con la piria, i fracava. E mi me son trovada tanto ben, per le strade iera sto tiro de fritolin che me pareva de esser a casa. Consiglio vivamente a tute le mie letrici una setimana ale Isole Incoconate.
  2. Un poco fora man, fin in Giapon, me ricordo po de sta cità dove che iera sempre ‘sai ma ‘sai caldo. Per fortuna el mar iera vicin e quindi iera tuti che apena i gaveva un atimo i se butava drento a ciapar un poco de fresco. Mi digo che xe per questo che i la ga ciamada Tokkyo.
  3. Po ghe xe quela tera là in Turchia centrale, sai bela, un poco umida e piovi sempre in realtà. E po co te passi el confin per andar via xe sempre tuti sai servizievoli che i te regala anca la vestaia per sugarte. D’altra parte tuti sa che co te esci dala Capadocia te ga de meterte l’acapatoio.
  4. Ma la più bela meta xe sicuramente quela bela cità in America, granda, che la ga un poca de scontrosa grazia propio come Trieste anca ela, solo rivolta sempre ale mame. Quanti bei ricordi a New Yorkamare


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



martedì 26 maggio 2020

Trieste, regolamento fioi 2020

E' uscito il divieto per i fioi di giocare nelle aree gioco di parchi e giardini e la gente già brontola.
Allora dopo aver fatto chiarezza sul regolamento de Barcola, eccoci qua a fare chiarezza anche sul regolamento fioi 2020 valevole in tutto il territorio del Comune di Trieste.
I mujesani invece (oltre a ciapar el sol al contrario e a no gaver el bunigolo) pol far quel che i vol. Idem anche i altri comuni, ma lori almeno ciapa el sol giusto e i ga el bunigolo.



1. Voio xe morto, ma questo za savevi. Solo che prima pensavimo che el fussi morto in guera cole mudande in tera. Desso inveze gavemo controlado e xe morto de covid anca lui.
2. Nosepol andar in giro sbudelai. Za infati ve gavemo dito al punto 1 che Voio sbudelado cole mudande in tera ga ciapado el covid e xe morto.
3. Nosepol magnar el parsuto in tochi grandi che dopo ve va per tresso e morì. Ma nosepol gnanca tocarlo cole man oviamente. Quindi gnente parsuto. Marenda solo con panin de fritaia.
4. Nosepol zogar coi zoghi. E per controlarve meteremo dele fete de parsuto sui zoghi, che come dito sora al punto 3 no podè tocar, cussì xe dopio controlo (e dopia multa).
5. Nosepol sugar coi sughi. No vol dir gnente ma stava ben subito soto al punto 4, ga bastado scambiar "zo" con "su".
6. Chi che dà e po che ciol el ga la bissa soto el cuor. Nosepol darse robe perchè oviamente entrè in contato e saria agregamento nonché agregazione nonché tumaregregazione. Al limite podè tirarvele. 
7. Nosepol zogar al zitolo zotolo, perchè chi che va colo zotolo impara a zotolicare, che no savemo cossa vol dir ma sicuro no xe una roba bela zotolicar.
8. Porton se pol zogar ma: chi che pupola el porton prima ga de lavarse le man. I altri ga de gaver ognidun el propio scoio personale. Poi saria importante anca trovar chi che ga le ciave del porton per no dormir in strada.
9. Se pol zogar anche a "el frate ga perso la zavata", che xe "contactless", basta che no zighè.
10. Nosepol ciapar né el tran né l'ovovia. Però podè leger el belissimo libro "Le disgrazie del tran de Opcina", che conta propio la storia de 5 muleti nela Trieste del futuro dominada dai furlani (momento reclàm finale hehe). Se trova in libreria o anche online qua.


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



venerdì 22 maggio 2020

Barcola, regolamento 2020

Finalmente pronto il regolamento per andare a ciapare il sole a Barcola nella fase 2.
Eccolo qua in 13 comodi punti e quant'altro. Ricordiamo comunque che ovviamente restano in vigore anche i punti del decreto decoro Franca Porfirio.



  1. Più importante di tutti: attraversare la strada con abbigliamento adeguato: minimo braghe (anche con cavaloto basso), blusa e soprattutto mascherina, come mostrato col dito in foto (dito precedentemente lavato adeguatamente prima di toccare il foio).
  2. Divieto di assembramembro alla fermata dell'ovovia.
  3. Niente scoresete in acqua perché ancora non si sa bene se le bollicine risalendo porta via tutto o se rilasciano qualche virus che potrebbe diritura andare a influenzare la fauna dei pessi.
  4. Sugamani a distanza minima di un metro. Supervisionerà Toio del lato omini del Pedocin, che vanta anni di esperienza nel distanziamento balneare.
  5. Non superare la massima quantità di ciacola personale permessa di 50 parole/minuto. Supervisionerà Jole del lato babe Pedocin. Chi le supererà sarà considerato automaticamente pusher de monade e in quanto tale denunziato.
  6. Permesso il gioco delle lavre solo ai veci che dimostreranno di avere la propria lavra individuale personale.
  7. Vietato prendere il ragno nel orticciolo.
  8. Obbligo di ciorsi un spritz o birra per disinfettare e rilanciare l'economia.
  9. No spudar in acqua, sì pissar in acqua. Se proprio dovete sputare, farlo con la mascherina e poi procedere a sua disinfezione (anche con piss in acqua).
  10. Si può giocare a palla ma da soli. Una ricerca psicoscientifica ha dimostrato tra l'altro che ciò giova all'autostima, visto che si vince sempre.
  11. Sì cichini e spagnoleti per tera, meglio se ancora impizati. In questo modo sarà più facile individuare i sovversivi dissidenti che vanno in giro scalzi, roba ovviamente proibita.
  12. Concessa la lettura solo del libro "Meio un omo ogi e uno doman". Lo trovè in libreria o qua. (reclam, hehehe).
  13. In caso abbiate qualche dubbio su qualche comportamento non citato: nosepol e quant'altro.

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



martedì 19 maggio 2020

Riaprono i locali: il nuovo menù turistico triestin patoco

In occasione della riapertura dei locali, ecco che tornano di attualità i menù e tutte le robette bone.
Tratto da quel gran bel libro dal titolo Le disgrazie del tran de Opcina (reclàm, ovio), ecco quindi l'offerta turistica della cucina triestina.
Il libro lo trovate in libreria, nei negozi di souvenir e anche comodamente online a questo link.

MENU TURISTICO TRIESTIN PATOCO

- Millesimato di baguette con vellutata di rafano su sfoglia adagiata di rosato suin insaporita d’ocra pietanza
(panin de coto senape e cren).

- Vernissage di dischi speziati microtomati circondati da garantiss d’arom
(salame de porco za taià col pevere drento e ocio la scorza).

- Futuro concerto di flati in combinè con coriandoli di glutine
(pasta e fasoi).

- Bastoncelli dei balcani in consommé di scaglie di cipolla cipollinata
(civa cola zivola).

- Riduzione lipidica affogata in mélange di solanacee e liliacee essenze 
(patate in tecia cola panzeta taiada in tocheti).

- Delicatesse noblige in ritratto d’autunno sugli alberi le foglie
(matavilz).

- Arrotolè cusinè senz’albumè ciapaquè con chocolat o marmelat
(palacinke).

- Calicetto centellinato d’annata milenovecentoeciapilato
(vinaza).

- Spirito artemisiato di futìo d’erbe
(pelinkovac).


menu triestin patoco



E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



lunedì 11 maggio 2020

Sesso triestino moderno: il kamaresutra

Ogi parlemo de argomenti usel. No, argomenti osè volevimo dir.
In anteprima mondiale universale, trato da "Meio un omo ogi e uno doman", el novo libro de Flavio Furian e Massimiliano Maxino Cernecca che trovè in libreria, da Urbanwear e Tipicamente Triestino, nonché online qua (el libro, no lori), eco el KAMARESUTRA, le lezioni de kamasutra de Nella Ulcigrai.




MISSIONARIO
Xe un poco el grande classico po. Gnente, co ve riva gente in casa, no so, l’idraulico, l’omo del late, quel dela caldaia, o persin i testimoni de Genova, insoma tuta gente che ga una mission de svolger, voi ghe dovè dir che el loro capo ga cambiado ordini, e che la mission che i ga desso xe un’altra. Insoma che i xe stadi promossi a tapabusi.

CEVAPCICIO (COLA ZIVOLA)
Questa ga bisogno de un poca de preparazion: dovè prepararghe una bela ceneta, voi magnè cevapcici con ‘sai ma ‘sai zivola e per lui invece un qualcossa de più legero, un brodeto con però drento una picia zonta de viagra gratugià.
Dopodichè (dopo che gavè magnado TUTI i cevapcici cola zivola) ghe molè un bel baso in boca.
A quel punto lui cascherà per tera e la sola roba che resterà in pie... sarà l’unico cevapcicio avanzado.

MUSSATO TIGRE
Questa xe ‘sai sporcaciona per cui ve la lasserò imaginar più che contarvela. Quel che xe ‘sai importante xe che no sbaiè le parti: dovè vestirve de tigre e far quel che fa i mussati. Qualche volta per sbaio invece me son vestida de mussato e go fato come le tigri. Povero, el iera tuto pien de sbreghi e sgrafoni ala fine!

INDIANA JONES E EL TEMPIO MALEDETO
Sta qua sai ghe piasi ai omini, li fa sentir propio come Erison Ford. No xe gnanca sai de impegnarsi eh, basta che no ve depilè a sud del bunigolo per un per de mesi e vederè che el vostro partner diventerà un vero e propio esplorator sconto de qualche parte intela foresta. Solo feghe meter un capelin de quei colori arancioni o giali come i operai in strada se no ris’cè de no trovarlo più.

11
Sta qua xe indicada col passar del’età. Xe un poco l’evoluzion del 69, ma cola veciaia. No xe ‘sai dificile, basta star in pie un di fronte al’altro e no far gnente. Guai a moverse che no se sa mai, el colpo dela striga xe sempre in aguato. Più meo ancora se restè vestidi che altrimenti xe facile ciapar un giro de aria e restar duri (dapertuto meno do che servi).

PINGUIN
Questa xe un poco de crodighe ma in amor va ben tuto. In pratica dovè far in modo che l’omo el se tiri zo le braghe co el ga ancora su le scarpe. A quel punto scampè via fazendoghe l’ociolin in modo che el ve vegni drio, e lui cole braghe calade el caminerà propio come un pinguin!

BRODO DE BECHI
Sta qua iera famosa za co iero picia mi. Tute sa che el brodo de bechi se ciama cussì per via che le done co le tradiva i propi omini dopo no gaveva tempo per farghe el brodo vero e ghe fazeva quel de bechi. Eco, xe importante invece farghe el brodo de bechi prima, subito, apena che lo conossè. Cussì, per meter subito in ciaro le robe. Insoma un brodo de bechi preventivo, dei.

COCAL
Brazi ben larghi come le ale de un cocal. Zigar in modo più fastidioso che podè. Po bechè la rincorsa, fe un bel salto e ciapè el volo. E via drite a cascar come un perognoco con tuto el vostro peso indosso de l’omo. Che resterà incocalido per almeno un do orete. E voi poderè andar a zercar un più bel.

PRECAUZIONI
Me par giusto serar el kamaresutra racomandandome che ciolè sempre le giuste precauzioni. No poche, no trope, le giuste. Per esempio, tante go sentido che se afida a sto metodo Ogino-Knaus. Eco, no xe sicuro, ste tente. Ghe xe tropa incerteza, voi dovè esser più precise: O Gino, o Knaus. Un dei do. Ma no tuti e do, fa solo che casin.

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



mercoledì 6 maggio 2020

I sardoni al tempo del coronavirus

Tuti che ciacola de come sarà la scola a Setembre, i esami, le interogazioni, la disposizion dei banchi, la conession internet ecc...
Ma nissun ga ancora afrontado el vero drama: tirar sarde ai tempi del coronavirus.
Voi ridè e scherzè coi vostri 2 chili ciapadi per via dela quarantena e del no poder far sport... ma nissun pensa ai muleti! Da marzo che no i pol tirarse sardoni. Questo xe el vero drama.
E lora eco che el nostro Research Department ga za elaborado la simulazion de come che sarà le nove proposte via bilietin dela muleria moderna.


Tra l'altro gira za le prime legende metropolitane. Una volta iera quela dei due muleti col'aparechio che iera rimasti incastrai e i li ga portadi in pronto socorso.
Desso invece par che un muleto gabi ciapado la scossa intela presa usb del computero intanto che el provava a missiarse via skype cola moroseta
Tempi moderni ah.

Ben bon alora forsi xe meo che anche i muleti passi el tempo legendo quel bel libro che xe "Le disgrazie del tran de Opcina", che se trova in libreria opur online qua. E che parla propio de muleti nel 2052, quando che del coronavirus ghe sarà solo che un lontan ricordo (ma no del tran, che sarà ancora là :D )

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



martedì 28 aprile 2020

Arriva la app Immononi che ci salverà dal coronavirus

Da un'idea della ricercatrice Federica Sgorbissa, a cui con l'inganno ne abbiamo sottratto la proprietà intellettuale al costo di uno spritz deaperolizzato, nasce la app Immononi, fondamentale nella prevenzione del coronavirus. In realtà no centra un clinz, ma ormai per attirare l'attenzione del pubblico bisogna parlar solo che de quel. La app è stata realizzata con la medesima tecnologia mona con cui avevamo realizzato anche la app Pokemonon Go.
La app in realtà serve per localizzare con sicurezza i mononi per tenercivisicivi al largo oppure, se te son mona anche ti, per andarci vicino e esser mona in compagnia.



Come funziona?
Come ben esplicato nella immagine esplicativa, una volta installata la app incomincia a sondare il comportamento dell'utente. Posizione (per veder se andè in posti mona), messaggi inviati e ricevuti (per veder se inoltrè cagade) e commenti su facebook (per veder se parlè monade, se sè odiatori seriali ranzidi e se ghe credè ale feik nius ecc). Il tutto nel massimo rispetto della privacy ovviamente, no come quele app del governo che ve instala automaticamente el 5G e anca el 6G e le 7 Fighters.
Da tutti questi dati raccolti, la app (oltre che venderli sottobanco a Soros per finanziare le scie chimiche) calcolerà un indice di monaggine del proprietario del cell e lo segnalerà a tutti: rubrica, contatti facebook, mail, via bluetuth, greentuth, yeloowtuth e cooldetuth. Sempre nel massimo rispetto della privacy.
Una volta che tutti saverà che te son mona, i poderà evitarte come la peste.

Ocio: la app è in grado di discriminare al 100% anche chi fa el mona per no pagar el dazio.

La app ha superato la concorrenza della app rivale Immonadesumare, che era già stata lanciata da tempo ma no se ga capido dove, forse qua.

La app sarà installata obbligatoriamente a tutti a fine lettura di questo articolo con la nuova tecnologia del silenzio assenzio. L'unico modo per non scaricarla automaticamente è leggere quel bel libro che xe "Le disgrazie del tran de Opcina". Podè scarigarlo diretamente dal link. Sì, questa iera reclam, ovio. Miga podemo scriver monade senza publicizar un poco le nostre monade :)

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



lunedì 20 aprile 2020

Bora vs coronavirus: le otto differenze

Ogi ne par la giornata ideale per far sto importante confronto tra bora e coronavirus, che xe una roba utilissima che tuti no spetava altro che de poderla leger.


1. El coronavirus riva dal'est.
La bora da est-nord-est.

2. El coronavirus te obliga al distanziamento sociale ma te ga de spostarte ti da solo.
La bora te distanzia diretamente ela sufiandote via a remengo.

3. Al coronavirus te ghe la cazi metendote una mascherina.
Cola bora te pol gaver anca la mascherina ermetica che ela troverà sempre quel buseto per infilarse e rivarte fin intel daur.

4. El coronavirus te obliga a star casa a vardar dela finestra quei che va in giro per lofiarli su facebook.
La bora no te obliga a gnente, ma xe sai bel star casa a vardar dela finestra quei che se capota a ogni refolo.

5. El coronavirus la ga solo che coi omini (e qualche barbastel de Wuhan).
La bora xe democratica, la fa ribaltar tuti, cocai compresi.

6. El coronavirus no lassa entrar le navi da crociera in porto.
La bora fa scampar l'Ursus dal porto.

7. El coronavirus no ga nissuna canzon a lui dedicada, che disgrazià.
La bora ga el tran de Opcina. Che però xe nato disgrazià.
Momento reclam: no gavè ancora leto el belissimo libro "Le disgrazie del tran de Opcina"? Lo trovè in libreria opur online qua.

8.. El coronavirus ga fato el giro del mondo in sete mesi.
La bora a 200 km/h la fa el giro del mondo in 8 giorni.


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



martedì 7 aprile 2020

I dieci must della Pasqua triestina 2020

Ridendo e scherzando xe za Pasqua ciò. Come che cori el tempo co se se diverti ah.
Alora eco qua i dieci must dela Pasqua triestina, come passarla in maniera serena e felice.

  1. Far el pranzo via wazap e inacorzerse che se pol far massimo in quatro. Alora scarigarse zoom che xe per famiglie più numerose, meter el filtro col sfondo de una spiagia dei Caraibi e far incazar tuti i parenti contandoghe che i ve tien in quarantena là.
  2. Tirar bidon al pranzo via zoom de Pasqua perchè dovè star in finestra a controlar che nissun se movi de casa per andar al pranzo de Pasqua. In caso, fotografarli e meterli su fb.
  3. Darghe ai ovi la forma del coronavirus.
  4. Incoconarve e impetessarve come non mai, tanto no gavè de guidar e doman bruserè tuto fazendo un do giri de corsa in più tra divan e televisor.
  5. Andar a far un bel giro sul tran de Opcina. Ah no, no se pol. E anca se se gavessi podudo, no se gavessi podudo comunque perchè el xe roto.
  6. Telefonarghe a Zazzeron per veder se xe verto sia a Pasqua che a pasqueta e se fa consegne a domicilio.
  7. Tirar el viz che Gesù no pol vegnir fora del sepolcro perchè ghe se ga incugnado la stampante coi foi dela terza version del'autocertificazion.
  8. Notar che sto giro xe un sol che spaca le piere perfeto per... star casa.
  9. Spinti dal clima pasquale, provar a ciamar qualche bela colomba butando intel pergolo un do fregole de titola, col risultato de esser atacai e scagazai dai cocai.
  10. Reclam: farve rivar comodamente a casa el zogo Barkolana completo de espansion + una titola dela Pasticceria Liberty per soli 13,50 euri.
    E no solo, anche altri dolci e altri zoghi e libri! Basta ciamar el 0402460879 dalle 8 alle 18. A sto link tute le oferte :)
Pupolo de Chiara Gelmini


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



venerdì 3 aprile 2020

Arriva la quarta stagione della casa de carta (triestina)

Oggi finalmente arriva un grande svago per questa quarantena. Torna la casa di carta, alla quarta serie.
Per chi ha comprato e attiverà il Decoder Monade, le puntate saranno in triestino ambientate a Trieste e un poco in furlania.
Questo il cast.



Dove eravamo rimasti:
Carighi de bori, tuti iera contenti.
Barcola e Via Torino iera impegnai a far movida al Bivio, ma dopo i ga fato casin e tuto xe andado a remengo.
Dipi ga riciamado quindi tuta la clapa e tuti xe vegnudi a dar una man, anca Cerolje che in realtà ga dito che stava 'ssai ben su in Carso e gaveva verto un'osmiza senza più trope roture de balotole.
Borgo no vedi l'ora de menar le man e se ga leto tuto el manuale dela boba de Borgo, Valmaura ga dito giusto ben che cussì co torno i ga dispicado la Feriera e el picio Giarizole respirerà aria più salubre.
Dipi ghe afida in prinzipio el ruolo de capo a San Giovanni ma el mato se dimostra un poco mato per bon e quindi Melara aprofita per impor el suo matriarcato, serandose idealmente in una forteza a forma de quadrilatero.
Muja xe un poco gelosa de Dipi perchè ala fine ela xe stada el suo primo amor da Sindaco e desso no la ga più 'ssai pel cul.
Resta Longera e Roian, che i xe un poco periferici e no se ga capido ben cossa i gabi fato fin desso. Sarà lori la sorpresa de sta quarta serie.
Daghe!


P.S. (parte seria): vista l’importanza di restare nelle proprie case e vista la concomitante chiusura delle scuole, abbiamo deciso di attivare, per chi lo volesse, la consegna a domicilio del gioco BARKOLANA, completo di espansione MATI PER BARKOLANA, al prezzo “d’emergenza” di 10 euro (il prezzo normale dei due giochi è di 30 euro), pagamento in contrassegno. Chi fosse interessato a riceverlo a domicilio scriva una mail a manna@bora.la indicando l’indirizzo di consegna. Consegneremo tendenzialmente la mattina dopo. L’offerta è valida solo all’interno del Comune di Trieste. Attiva anche la consegna a domicilio di tutti gli altri libri. Trovate l'elenco completo qua.


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



venerdì 27 marzo 2020

The real origin of Coronavirus

Niente, in tuta sta scienza aplicada al coronavirus, no podeva mancar el studio del Monon Behavior Research Department sula vera origine del coronavirus. Per evitar pupoli e gomblotismi vari (no dovessi servir, ma no se sa mai), disemo subito che XE UNA MONADA, XE UN VIZ, NO XE VERO, XE PER RIDER, NO GA BASI SCIENTIFICHE, NO XE STADO PUBLICADO SU LEONARDO SU RAITRE :P


THE REAL ORIGINS OF CORONAVIRUS
Diego Manna
Monon Behavior Research Department

Abstract
We live in a period of great longhi, in which a lot of people is obligated to stay at home fancazzing. For a great number of triestins this is a dream that is just avveranding, but however comunq some syntoms of malcontent are coming out and a lot of people is searching the origins of coronavirus to give them sazie lignade. We investigate all this great scagazz in order to give an answer to this question.

Key words: Leonardo, Caro Cogoi, furlans, Conte, frico

Introduction
We live in time of quarantene causated by the worldwide scagott for coronavirus (Conte, 2020). The first days were not so bad, spaving a lot, gratanding the balotoles and watching pornhub that was a gratis (Burlasconi, 2020). However, now, at the third week of reclusion, people begin to diventar cofe of staying home, inventing a lot of unuseful activities just to make something, like alenanding his dog to ciapar the coronavirus (Fig. 1).

Fig. 1. A dog that have ciapated a fake coronavirus
Also, people begin to search for the real origins of the coronavirus, reading a lot of sazie monade and bufales on the internet and cascanding to them as peragnocks (Salveenee, 2020).
The aim of this study is to give the final answer to preocupated people in order to:
1. understand who must be inbiavated;
2. understand when the quarantene will finish.

Material and method
To obtain our data, we decided to monitorate the situation in the streets of the desert city of Triest. However, even if we were in possess of the autocertificazion version 14 written on the carta de cul to give it more valor, a lot of people from the windows send us to remengo ziganding "stè casa", fotografanding us and metending us on the faceboog group "Diventa anche ti un scerifo de facebook", so we ciapated a vagonade of damer that even our golden reserve of carta de cul did not bastar (Iaspi, 2020) (Fig. 2).

Fig. 2. Facebook's sceriffs in action.

So, we decided to use the sbisiganding and cucanding on the social method, also known as making the cazzs of the other method, obviously focusing our attention on Triest because other cities we don't have pel cool and who key himself - chi se ciava.

Results
As a first result, we found that people reacted in different ways to the quarantene.
At the iniz, people simply decided to not gaver too much pel cool and just wash their hands, eat more radic' and less looganighes (also because there are less looganighes than days), condir all the magnar with the kren and missiate all the bever with a bic' of brinjavec.
Then, with the increment of the CCSC (Caro Cogoi Semo Cagai) index, triestins became everyday more cagated and stufadizs. So they began to write more to Segnalazioni, to make longer tours with the dogs and to activament zercar more cantiers where they could scassate the marons to the workers. Then, when they noticed that there were everyday less workers in the cantiers and that the dogs of Triest were always all sad because the bar were closed (Lutazzi, 1957), they began to invent new occupations at home.
At first these occupations were innoque things like remenghing each other on facebook groups, making flashmobs from the windows like singing all together "La scoresa", or sbisighing with pornhub premium a gratis domandanding themselves what is the difference with normal pornhub: maybe the babes have bigger tetons.
Then, these occupations became everyday things very similar to new type of jobs, like social influencer in potato-strucker (strucapatate-pigiamone), oste of the osmizainpergolo (Fig. 3), first magazinier specialized in gestion of the carta de cool, contadin piantanding matavilz, youtuber ginnast with the panza and even artigian making fantasious quarantene temathic lavorets (Fig. 4).


Fig. 3. The osmiza in pergolo of Beatrice


Fig. 4. The artistic lavorets of the triestins ispired by the quarantene
Adiritur, some triestins are now saying that they want to get back to their normal work as soon as possible (promising that this time they will work per bon).
In pratic, with the increment of the CGSC index and the passar of the quarantene, the triestins loose their innate scazzo attitude and have a great impenade of the FRIUL (Furlan Ricercante Insaziabilmente Un Lavor) rate, that at great valors lead to a psycological disturb also known as FURLANITE (Codroipo, 1998).

We found a second important result in our microscopic analysis of the coronavirus. Nobody noticed it before, but the coronavirus is praticament identic to a frico (Fig. 5).

Fig. 5. The coronavirus (left) vs frico (right).

Discussion
Somanding all our results and fazending 2+2, it seems clear that the coronavirus is a evil furlan creation, invented to increase the FRIUL rate of the triestins until they will be all ciapated by the FURLANITE and will begin to work as a furlan.
Probably something went wrong in the laboratory where the furlans were sbisiganding with this coronavirus, and someone sconfonded it with a frico, magnated it and diffused it in all the world.
The situation seems to be very longhi, as can be seen in this highly professional graphic.

If the Caro Cogoi Semo Cagai index continue increasing at the normal ritm, we will reach the FURLANITE on 13/4, pasqueta. 
It seems very important instead to sbassar the ritm of the CCSC index in order to sbassar also the curve of the FRIUL rate and normalizate the triestin scazz at a VDFSI (Voia De Far Saltime Indosso) level.

Conclusion
The coronavirus is clearly a furlan experiment gone to remengo from a laboratory in Friul. Now it is very important to stay calm and to regulate the Caro Cogoi Semo Cagai index in order to evitar of being ciapated by bad acute FURLANITE.
Triestins: just stay home and don't make a clinz.
And about the revenge on furlans... just think that also them must stay at home without working, one of the worst torture for a furlan.

References
Burlasconi S. 2020. Remengo Gheddafi, viva la Gafi. Better a durex than a dura lex ediction.
Codroipo D. 1998. Alore, vonde monadis.
Conte G. 2020. 50 sfumature di decreto.
Iaspi G. 2020. Runner de damer. The manual of the lofio from the window.
Lutazzi L. 1957. Solo davanti a un fiasco de vin quel fiol de un can fa le feste. Can de Trieste records.
Salveenee M. 2020. Papete cocktails menù: the Leonardo (mojito and corona beer). Food ricetts for influencer 49: 4-9

Furlan advisory: se scherza, ve volemo ben :)

 P.S. (parte seria): vista l’importanza di restare nelle proprie case e vista la concomitante chiusura delle scuole, abbiamo deciso di attivare, per chi lo volesse, la consegna a domicilio del gioco BARKOLANA, completo di espansione MATI PER BARKOLANA, al prezzo “d’emergenza” di 10 euro (il prezzo normale dei due giochi è di 30 euro), pagamento in contrassegno. Chi fosse interessato a riceverlo a domicilio scriva una mail a manna@bora.la indicando l’indirizzo di consegna. Consegneremo tendenzialmente la mattina dopo. L’offerta è valida solo all’interno del Comune di Trieste. Attiva anche la consegna a domicilio di tutti gli altri libri. Trovate l'elenco completo qua.


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


mercoledì 25 marzo 2020

25 marzo: San Mona, patrono dei disoccupati

Forse non tutti sanno che il 25 marzo c'è San Mona, patrono dei disoccupati.
Grandi festeggiamenti a Trieste, patria del fancazzismo inoperoso.
San Mona fu vescovo di Milano all’inizio del III secolo e morì, appunto, il 25 marzo del 250 o 251. Viene ricordato sia dal calendario Martyrologium Romanum, sia in quello liturgico ambrosiano il 12 ottobre, anniversario del riconoscimento delle reliquie conservate dal 1576 nel duomo di Milano.
Veniva anche ricordato molto spesso da Germano Mosconi. Che sia dunque il Santo "quel mona che bate la porta e chiude urlando"?

Pupolo di Erika Ronchin, dedicato a San Giusto ma che sta ben con tuto :)



E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


martedì 24 marzo 2020

Il toast casca dalla parte del burro, lo dimostra la scienza

Niente, volevimo meter anche noi un titolo che finissi con "lo dimostra la scienza".



Comunque, in questo importantissimo studio


el mulon RAJ Matthews dimostra che efetivamente xe vero che el toast casca con più probabilità dala parte del buro.
Tuto questo per darve importanti spunti per esperimenti altamente scientifici in sti giorni de quarantena obligatoria.
No so, tipo valutar con che maiete se forma la lana intel bunigolo e calcolar se a fine clausura riveremo farse un maionzin.



E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter: