mercoledì 27 maggio 2020

Vacanze: i consigli di Nella Ulcigrai


Tratto da "Meio un omo ogi e uno doman", bellissimo nuovo libro di Flavio Furian e Massimiliano "Maxino" Cernecca che trovate in libreria, negozi di souvenir oppure online qua, ecco le mete perfette per le vacanze, consigliate da Nella Ulcigrai po! Qua l'altra anteprima, el kamaresutra.

VACANZE
Una roba che tanto ne piasi a noi babe xe le vacanze. Xe el momento in cui te pol tirar fora tuta ti stessa, e anca un poca de più, se no te se ga depilado tanto ben.
Ghe xe oviamente dele mete più indicade de altre, quele più rilassanti, quele più inebrianti, quele tonificanti e quele pepificanti.

  1. Una volta me ricordo che ierimo in un posto zo per l’Istria dove i te dava de magnar qualsiasi roba. Ma propio robe ufo, con la piria, i fracava. E mi me son trovada tanto ben, per le strade iera sto tiro de fritolin che me pareva de esser a casa. Consiglio vivamente a tute le mie letrici una setimana ale Isole Incoconate.
  2. Un poco fora man, fin in Giapon, me ricordo po de sta cità dove che iera sempre ‘sai ma ‘sai caldo. Per fortuna el mar iera vicin e quindi iera tuti che apena i gaveva un atimo i se butava drento a ciapar un poco de fresco. Mi digo che xe per questo che i la ga ciamada Tokkyo.
  3. Po ghe xe quela tera là in Turchia centrale, sai bela, un poco umida e piovi sempre in realtà. E po co te passi el confin per andar via xe sempre tuti sai servizievoli che i te regala anca la vestaia per sugarte. D’altra parte tuti sa che co te esci dala Capadocia te ga de meterte l’acapatoio.
  4. Ma la più bela meta xe sicuramente quela bela cità in America, granda, che la ga un poca de scontrosa grazia propio come Trieste anca ela, solo rivolta sempre ale mame. Quanti bei ricordi a New Yorkamare


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



martedì 26 maggio 2020

Trieste, regolamento fioi 2020

E' uscito il divieto per i fioi di giocare nelle aree gioco di parchi e giardini e la gente già brontola.
Allora dopo aver fatto chiarezza sul regolamento de Barcola, eccoci qua a fare chiarezza anche sul regolamento fioi 2020 valevole in tutto il territorio del Comune di Trieste.
I mujesani invece (oltre a ciapar el sol al contrario e a no gaver el bunigolo) pol far quel che i vol. Idem anche i altri comuni, ma lori almeno ciapa el sol giusto e i ga el bunigolo.



1. Voio xe morto, ma questo za savevi. Solo che prima pensavimo che el fussi morto in guera cole mudande in tera. Desso inveze gavemo controlado e xe morto de covid anca lui.
2. Nosepol andar in giro sbudelai. Za infati ve gavemo dito al punto 1 che Voio sbudelado cole mudande in tera ga ciapado el covid e xe morto.
3. Nosepol magnar el parsuto in tochi grandi che dopo ve va per tresso e morì. Ma nosepol gnanca tocarlo cole man oviamente. Quindi gnente parsuto. Marenda solo con panin de fritaia.
4. Nosepol zogar coi zoghi. E per controlarve meteremo dele fete de parsuto sui zoghi, che come dito sora al punto 3 no podè tocar, cussì xe dopio controlo (e dopia multa).
5. Nosepol sugar coi sughi. No vol dir gnente ma stava ben subito soto al punto 4, ga bastado scambiar "zo" con "su".
6. Chi che dà e po che ciol el ga la bissa soto el cuor. Nosepol darse robe perchè oviamente entrè in contato e saria agregamento nonché agregazione nonché tumaregregazione. Al limite podè tirarvele. 
7. Nosepol zogar al zitolo zotolo, perchè chi che va colo zotolo impara a zotolicare, che no savemo cossa vol dir ma sicuro no xe una roba bela zotolicar.
8. Porton se pol zogar ma: chi che pupola el porton prima ga de lavarse le man. I altri ga de gaver ognidun el propio scoio personale. Poi saria importante anca trovar chi che ga le ciave del porton per no dormir in strada.
9. Se pol zogar anche a "el frate ga perso la zavata", che xe "contactless", basta che no zighè.
10. Nosepol ciapar né el tran né l'ovovia. Però podè leger el belissimo libro "Le disgrazie del tran de Opcina", che conta propio la storia de 5 muleti nela Trieste del futuro dominada dai furlani (momento reclàm finale hehe). Se trova in libreria o anche online qua.


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



venerdì 22 maggio 2020

Barcola, regolamento 2020

Finalmente pronto il regolamento per andare a ciapare il sole a Barcola nella fase 2.
Eccolo qua in 13 comodi punti e quant'altro. Ricordiamo comunque che ovviamente restano in vigore anche i punti del decreto decoro Franca Porfirio.



  1. Più importante di tutti: attraversare la strada con abbigliamento adeguato: minimo braghe (anche con cavaloto basso), blusa e soprattutto mascherina, come mostrato col dito in foto (dito precedentemente lavato adeguatamente prima di toccare il foio).
  2. Divieto di assembramembro alla fermata dell'ovovia.
  3. Niente scoresete in acqua perché ancora non si sa bene se le bollicine risalendo porta via tutto o se rilasciano qualche virus che potrebbe diritura andare a influenzare la fauna dei pessi.
  4. Sugamani a distanza minima di un metro. Supervisionerà Toio del lato omini del Pedocin, che vanta anni di esperienza nel distanziamento balneare.
  5. Non superare la massima quantità di ciacola personale permessa di 50 parole/minuto. Supervisionerà Jole del lato babe Pedocin. Chi le supererà sarà considerato automaticamente pusher de monade e in quanto tale denunziato.
  6. Permesso il gioco delle lavre solo ai veci che dimostreranno di avere la propria lavra individuale personale.
  7. Vietato prendere il ragno nel orticciolo.
  8. Obbligo di ciorsi un spritz o birra per disinfettare e rilanciare l'economia.
  9. No spudar in acqua, sì pissar in acqua. Se proprio dovete sputare, farlo con la mascherina e poi procedere a sua disinfezione (anche con piss in acqua).
  10. Si può giocare a palla ma da soli. Una ricerca psicoscientifica ha dimostrato tra l'altro che ciò giova all'autostima, visto che si vince sempre.
  11. Sì cichini e spagnoleti per tera, meglio se ancora impizati. In questo modo sarà più facile individuare i sovversivi dissidenti che vanno in giro scalzi, roba ovviamente proibita.
  12. Concessa la lettura solo del libro "Meio un omo ogi e uno doman". Lo trovè in libreria o qua. (reclam, hehehe).
  13. In caso abbiate qualche dubbio su qualche comportamento non citato: nosepol e quant'altro.

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



martedì 19 maggio 2020

Riaprono i locali: il nuovo menù turistico triestin patoco

In occasione della riapertura dei locali, ecco che tornano di attualità i menù e tutte le robette bone.
Tratto da quel gran bel libro dal titolo Le disgrazie del tran de Opcina (reclàm, ovio), ecco quindi l'offerta turistica della cucina triestina.
Il libro lo trovate in libreria, nei negozi di souvenir e anche comodamente online a questo link.

MENU TURISTICO TRIESTIN PATOCO

- Millesimato di baguette con vellutata di rafano su sfoglia adagiata di rosato suin insaporita d’ocra pietanza
(panin de coto senape e cren).

- Vernissage di dischi speziati microtomati circondati da garantiss d’arom
(salame de porco za taià col pevere drento e ocio la scorza).

- Futuro concerto di flati in combinè con coriandoli di glutine
(pasta e fasoi).

- Bastoncelli dei balcani in consommé di scaglie di cipolla cipollinata
(civa cola zivola).

- Riduzione lipidica affogata in mélange di solanacee e liliacee essenze 
(patate in tecia cola panzeta taiada in tocheti).

- Delicatesse noblige in ritratto d’autunno sugli alberi le foglie
(matavilz).

- Arrotolè cusinè senz’albumè ciapaquè con chocolat o marmelat
(palacinke).

- Calicetto centellinato d’annata milenovecentoeciapilato
(vinaza).

- Spirito artemisiato di futìo d’erbe
(pelinkovac).


menu triestin patoco



E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



lunedì 11 maggio 2020

Sesso triestino moderno: il kamaresutra

Ogi parlemo de argomenti usel. No, argomenti osè volevimo dir.
In anteprima mondiale universale, trato da "Meio un omo ogi e uno doman", el novo libro de Flavio Furian e Massimiliano Maxino Cernecca che trovè in libreria, da Urbanwear e Tipicamente Triestino, nonché online qua (el libro, no lori), eco el KAMARESUTRA, le lezioni de kamasutra de Nella Ulcigrai.




MISSIONARIO
Xe un poco el grande classico po. Gnente, co ve riva gente in casa, no so, l’idraulico, l’omo del late, quel dela caldaia, o persin i testimoni de Genova, insoma tuta gente che ga una mission de svolger, voi ghe dovè dir che el loro capo ga cambiado ordini, e che la mission che i ga desso xe un’altra. Insoma che i xe stadi promossi a tapabusi.

CEVAPCICIO (COLA ZIVOLA)
Questa ga bisogno de un poca de preparazion: dovè prepararghe una bela ceneta, voi magnè cevapcici con ‘sai ma ‘sai zivola e per lui invece un qualcossa de più legero, un brodeto con però drento una picia zonta de viagra gratugià.
Dopodichè (dopo che gavè magnado TUTI i cevapcici cola zivola) ghe molè un bel baso in boca.
A quel punto lui cascherà per tera e la sola roba che resterà in pie... sarà l’unico cevapcicio avanzado.

MUSSATO TIGRE
Questa xe ‘sai sporcaciona per cui ve la lasserò imaginar più che contarvela. Quel che xe ‘sai importante xe che no sbaiè le parti: dovè vestirve de tigre e far quel che fa i mussati. Qualche volta per sbaio invece me son vestida de mussato e go fato come le tigri. Povero, el iera tuto pien de sbreghi e sgrafoni ala fine!

INDIANA JONES E EL TEMPIO MALEDETO
Sta qua sai ghe piasi ai omini, li fa sentir propio come Erison Ford. No xe gnanca sai de impegnarsi eh, basta che no ve depilè a sud del bunigolo per un per de mesi e vederè che el vostro partner diventerà un vero e propio esplorator sconto de qualche parte intela foresta. Solo feghe meter un capelin de quei colori arancioni o giali come i operai in strada se no ris’cè de no trovarlo più.

11
Sta qua xe indicada col passar del’età. Xe un poco l’evoluzion del 69, ma cola veciaia. No xe ‘sai dificile, basta star in pie un di fronte al’altro e no far gnente. Guai a moverse che no se sa mai, el colpo dela striga xe sempre in aguato. Più meo ancora se restè vestidi che altrimenti xe facile ciapar un giro de aria e restar duri (dapertuto meno do che servi).

PINGUIN
Questa xe un poco de crodighe ma in amor va ben tuto. In pratica dovè far in modo che l’omo el se tiri zo le braghe co el ga ancora su le scarpe. A quel punto scampè via fazendoghe l’ociolin in modo che el ve vegni drio, e lui cole braghe calade el caminerà propio come un pinguin!

BRODO DE BECHI
Sta qua iera famosa za co iero picia mi. Tute sa che el brodo de bechi se ciama cussì per via che le done co le tradiva i propi omini dopo no gaveva tempo per farghe el brodo vero e ghe fazeva quel de bechi. Eco, xe importante invece farghe el brodo de bechi prima, subito, apena che lo conossè. Cussì, per meter subito in ciaro le robe. Insoma un brodo de bechi preventivo, dei.

COCAL
Brazi ben larghi come le ale de un cocal. Zigar in modo più fastidioso che podè. Po bechè la rincorsa, fe un bel salto e ciapè el volo. E via drite a cascar come un perognoco con tuto el vostro peso indosso de l’omo. Che resterà incocalido per almeno un do orete. E voi poderè andar a zercar un più bel.

PRECAUZIONI
Me par giusto serar el kamaresutra racomandandome che ciolè sempre le giuste precauzioni. No poche, no trope, le giuste. Per esempio, tante go sentido che se afida a sto metodo Ogino-Knaus. Eco, no xe sicuro, ste tente. Ghe xe tropa incerteza, voi dovè esser più precise: O Gino, o Knaus. Un dei do. Ma no tuti e do, fa solo che casin.

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:



mercoledì 6 maggio 2020

I sardoni al tempo del coronavirus

Tuti che ciacola de come sarà la scola a Setembre, i esami, le interogazioni, la disposizion dei banchi, la conession internet ecc...
Ma nissun ga ancora afrontado el vero drama: tirar sarde ai tempi del coronavirus.
Voi ridè e scherzè coi vostri 2 chili ciapadi per via dela quarantena e del no poder far sport... ma nissun pensa ai muleti! Da marzo che no i pol tirarse sardoni. Questo xe el vero drama.
E lora eco che el nostro Research Department ga za elaborado la simulazion de come che sarà le nove proposte via bilietin dela muleria moderna.


Tra l'altro gira za le prime legende metropolitane. Una volta iera quela dei due muleti col'aparechio che iera rimasti incastrai e i li ga portadi in pronto socorso.
Desso invece par che un muleto gabi ciapado la scossa intela presa usb del computero intanto che el provava a missiarse via skype cola moroseta
Tempi moderni ah.

Ben bon alora forsi xe meo che anche i muleti passi el tempo legendo quel bel libro che xe "Le disgrazie del tran de Opcina", che se trova in libreria opur online qua. E che parla propio de muleti nel 2052, quando che del coronavirus ghe sarà solo che un lontan ricordo (ma no del tran, che sarà ancora là :D )

E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter: