venerdì 19 aprile 2019

Porconare è indice di onestà, lo dice la scienza

Gnente, sai ne piasi scominziar i articoli con un bel "lo dice la scienza".
Insoma dele some ogi gavemo trovado sto papero scientifico:


in cui i muloni dimostra che ghe xe una corelazion positiva tra l'onestà e el tirar porconi. Podè legerlo tuto strucando sul titolo. Noi gavemo leto solo l'abstract e se fidemo.
Sto studio fa el paio con quel che dimostrava che tirar porconi rilassa.
Eh gnente, bela scoperta ara. Bastava far un salto oltre Isonzo.
I furlani, popolo efficiente, lavoratore e onesto, za saveva de secoli sta roba!
Ben bon, reclam finale: a proposito de "profanity", ricordeve che xe in libreria el belissimo manuale dela boba de Borgo!


mercoledì 3 aprile 2019

La tecnica MONA è il futuro: lo dice la scienza

Niente ah, su segnalazione di Michele Zazzara che su segnalazione di Daniele Stradi ci ha segnalato sto articolo, segnaliamo anche noi che:
finalmente anche la scienza ufficiale ha sdoganato la MONA TECHNIQUE come il futuro o presente di un qualcossa che no gavemo capido ben ma no ga importansa.
Qua la prova e il link, se volete leggere voi che sè più studiai ah.



Noi ci limitiamo semplicemente a dire che sta MONA TECHNIQUE non è niente di nuovo, era già ben conosciuta fin dall'antichità qua a Trieste come semplice soluzione a tutti i mali applicabile in ogni situazione di pericolo e riassumibile nella banale formula:

"FAR EL MONA PER NO PAGAR EL DAZIO"

Abbiamo già dato istruzioni al nostro Dipartimento Legale per far causa agli scienziati che volevano brevettare questa Mona technique pensando de far i mone per no pagar el dazio. 
Ah! Ve xe andada mal!

Momento reclam finale: Ou! Ricordeve che xe pena vegnudo fora nele librerie più bobe el belissimo libro "Libero libera tutti". Lo presentemo martedi 16 aprile ale 17.30... da Libero po, in via della Risorta 7/a.
Opur podè passar sta domenica a trovarne al mercatin Barbacan Produce in Piaza Barbacan dale 10:00 ale 18:30. Gaveremo tuto con super sconti primavera: tuti i libri a 5 euri, Barkolana+Mati per Barkolana a 20 euri... festa! :)

martedì 26 marzo 2019

Babe moderne vs Quel che se ciama

Torna Franca Porfirio su Segnalazioni, con un'importante invettiva contro la dissolutezza della muleria moderna, in contrapposizione all'amor cortese della Trieste Teresiana e del poco de quel che se ciama.


giovedì 21 marzo 2019

Il nuovo piano del traffico di Trieste

Grazie al nostro dipartimento di ricerca avanzata, che ricicla i tochi che ghe vanza ai altri e no se buta via niente, siamo già in grado di pubblicare in anteprima il nuovissimo piano del traffico di Trieste, elaborato dopo aver analizzato il lavoro degli intervistatori, il cui compito era di sondare il volere popolare dei cittadini del capoluogo giuliano.
Eccolo! Ovviamente in triestino, perchè cussì ga risposto i intervistai.



1. No pedoni che i va in giro col'aquilon e i se buta in mezo ala strada come mone.
2. No bici che Trieste no xe per bici.
3. No scooter che i te passa sula destra e i se infila in tuti i busi.
4. No moto che le se porta via tropo spazio co i parchegia.
5. No auti che no i se ferma mai sule striche e i xe aroganti.
6. No furgoni che dopo i se ferma par tuto e i bloca tuto e che i vadi a remengo.
7. No camion che i xe pericolosi e po che i vadi sui treni dei.
8. No coriere che dopo i muleti va su col ruksac e i intriga, i muloni no se lava, i veci ghe la buta ale mulete e i migranti se ruba el wifi.
9. Sì tranvai ma xe sempre roto quindi no tranvai.
10. No parchegi a pagamento.
11. Sì parchegi a gratis per tuti. Ma senza che dopo la cità diventi un unico grande parchegio. El giusto, in modo che se trovi parchegio. Ma no per i altri. Per mi co devo andar zo in cità. Che sia parchegi, ma che i sia sempre liberi, insoma.
12. Sì multe per chi no rispeta i 11 punti precedenti. Ma multe dade con testa, no che i me multi a mi se fazo una dele monade qua de sora.

Ben bon, finalmente un piano del traffico voluto dalla popolazione! Ma funzionerà? Bu. La risposta al libro dele risposte triestine (reclam subliminale): se stava meo co se stava pezo!


mercoledì 13 febbraio 2019

Come diventar una boba de Borgo: abbigliamento

Finalmente xe in libreria el manuale dela boba de Borgo, de quele legere (ah no! de quele bobe!) de Flavio Furian e Maxino e con la copertina boba de Paolo Pascutto.
Se pol ciorlo anche comodamente online sula botega boba.
La presentazion sarà martedì 19 febbraio, alle 18, presso il Thelma Louise Bar in Piazzale Rodolfo Sartori, 7 a Borgo San Sergio ( e dove se no?).

Eco un'anteprima ah ciò! :)

ABBIGLIAMENTO

Per diventare una vera Boba de Borgo, il vestiario è un punto cruciale. Nessuna boba è alla moda. La boba è sopra la moda.

VESTIARIO INVERNALE
Occhiale a goccia, nero, leggermente unto. Non tanto da precludere la vista del mondo esterno, ma sufficiente da essere apostrofato con “Ara! Che onti!”.
Giubbotto in simil-pelle marrone logorato dal tempo e dall’esperienza. Le movenze spesso rigide della boba dipendono anche dalla durezza ormai raggiunta dall’indumento.
Maglietta o camicia assolutamente a casaccio. La boba quando si trova davanti al suo armadio esclama “Me meto un random” ed estrae ciò che capita.
Pantalone scuro per prevenire eventuali minzioni involontarie durante l’assunzione di bevande.
Scarpa alta di qualità. Gli unici soldi posseduti dalla boba vengono spesi in stivaletti tutti uguali. Unica variabile accettata è la lunghezza della punta. Anche per questo motivo, spesso, il reparto “stivaletti bobe”, si trova vicino al reparto pinne nei negozi sportivi.

VESTIARIO ESTIVO
Vedi vestiario invernale.
N.B. Se il caldo risultasse eccessivo, a malincuore, la boba può rinunciare al giubbotto in pelle. Anche se, per codice deontologico, ha comunque l’obbligo di averlo a portata, nel raggio di massimo 200 metri. Che no se sa mai.


giovedì 7 febbraio 2019

Nasar scorese fa ben ala salute

Va ben, come titolo xe un poco forte. Ma xe el risultato de un importante studio scientifico internazionale de cui ne par giusto dar notizia.



In questo importante paper dal respiro internazionale, el mulon disi che in pratica un componente presente nele scorese, l'acido solfidrico (o H2S o idrogeno solforato o solfuro di idrogeno o insoma come che volè, femo de desso in poi "Toio", che xe più facile) imboreza i mitocondri e li fa andar a tuto gas, portando più energia, visto che xe quel che i fa. E quindi fa ben un poco per tuto. 




Eco la dichiarazion uficiale del Dr. Mark Wood: “Although hydrogen sulfide is well known as a pungent, foul-smelling gas in rotten eggs and flatulence, it is naturally produced in the body and could in fact be a healthcare hero with significant implications for future therapies for a variety of diseases.”
Che tradota in triestin sona più o meno cussì:

"Anche se savemo che Toio ga sai tiro de nera e de ovi marzi, el xe una roba natural e chi che mola la scoresa el se libera de (più de) un mal".

A ocio ne par un clamoroso caso de plagio scientifico e semo za in causa per dimostrar che sta scoperta salvavita la gaveva za fata l'autor de la canzon "La scoresa", de cui riportemo parte del testo:


La scoresa la scoresa xe una roba natural
chi che mola la scoresa el se libera de un mal
ma per far la scoresa ghe vol ben tegnir el fià
perchè se no vien fora meza, resta in cul l'altra metà.

Bon, comunque desso me racomando co ve tien de scoresar in coriera no stè esser egoisti e tegnirvela per voi, ma fè del ben per el prossimo. 
Ricordeve: Un sorriso e una scoresa xe gratis e pol migliorar la giornata de tuti.


Ben bon, e a proposito de scienza mona, momento reclam: ricordeve che xe pena uscido "THE ORIGIN OF NOSEPOLIS", aka Monon Behavior 4, nele librerie più bobe nonchè comodamente online qua!
E tuti i misteri de Trieste, dala maledizion de Miramar al Nosepol, dal Quel che se ciama ala movida, dai cocai ale Lasko ve sarà finalmente riveladi!




martedì 5 febbraio 2019

I 15 compagni de classe che no manca mai

Gnente, giusto un'altra anteprima da "The Origin of Nosepolis", che trovè nele librerie più bobe e anca comodamente online qua.
Diretamente del'importante studio scientifico "The triestin muleria: going to school is cool", eco estrato el toco dedicado ai compagni de classe che tuti gavemo gavudo.


In every class there is always some fixed categories of schoolmates.
These are:
The paiazo: the one who always makes the mona. After some years, he can evolve and become a legera or he can remain proudly moneto forever. Mona a 20, mona avanti (Stanese, personal communication).
The lofio: dangerous category, this mulo is schierated by the dark side of the forz, i.e. the teachers. He will always lofiar everyone, but he will also ciapar a lot of sazie leegnade.
The fumigador: he will pass all of his Oberdan years fuming spagnolets in every place, class, condot, parchegg and stairs. Before the no-smoking edict of 1995, a lot of fumigadors used to smoke inside the atrio of the school, creating a big black fog in which you could even hide yourself to make lipe without fadiga.
The okkupador: you don’t know the existence of this schoolmate in your class until there is odor of okkupation. Then he magically materialize himself, and magically he will disappear again after the end of the okkupation.
The croomeero: the complementar of the okkupador. He never makes sciopers or other form of protest. The okkupation is his worst enemy.
The nerd: no need of description. Everybody have a nerd in class dei, no stè far finta de no. E se no ve vien in mente alora ieri voi. However, the nerd is informatically talented and can easily napar which professor watched pornazzees in the informatic aule.
The giustificator: the king of paraculs. He has a entire catalogue of exscuses to not be interrogated when it’s his turn. These comprends: 5 grandmothers, 8 grandfathers and an esercit of uncles ready to die the day before of the interrogation; an afamated dog/cat/cocal/ceenghial/sorz that magnated his appunts so he wasn’t able to study; a perfectly timed headache/mal of panz/garbing that appears exactly during the hour of the interrogation; a certified dangerous allergy to the inchiostr of the book; some aliens that frequently rapiss him (fig. paracul).

Fig. Paracul. Just a real justification.

The cocol secion: a sgaious mulo with very high votes and very altruistic manner, so you can copiate everything from him. Usually during the compitinclasse the class assumes a “christmas tree” disposition, with the cocol secion on the top, two muli behind him that copiate from him and three or four other muli behind them that copiate from them. So the optimal proportion in a class is 1 cocol secion every 6 muli.
The stronz secion: high votes but totally estraneous to the social life of the class. He doesn’t let you copiate nothing. Sfigà.
The nagana: the one who doesn’t have pel cool the school, makes a lot of lipe, takes a lot of picons and is involved in every situation of longhee. The nagane were characterized by the use of Fifty and Oxford in the 80’s and by the use of Zip or Phantom F12 in the 90’s. Can evolve in legera, gencon, tara or simply in mulon.
The pH2: schoolmate characterized by his gratuit ranzidume with everybody. His contemporary presence with a nagana is highly sconsigliated.
The guitarist: he’s the one that bring with him the guitarin in every party. If he’s good and plays Nirvana and Pearl Jam, it’s a figade. If he likes Giggi D’alessio, it’s very longhee.
The nana tetona: mula that svilupped more in the x coordinate than in the y. Usually her arrive is anticipated of some seconds by the manifestation of her tetons.
The high CTF rank mula: the pataton of the class. If you haven’t this one in the class, change sezion!
The boocal: the lowest CTF rank mula of the class. It’s not finger that she will not become beautiful in the years, like in the typical american filmazz in which the ugly protagonist will molate her cavei, will cavars the machinet from the dents, will cavars the ociai and improvisament will become a pataton. Eh sì.