'/>

venerdì 17 gennaio 2014

Triestini a Roma per la giornata dei dialetti

Al Campidoglio per il secondo posto nel Concorso Nazionale "Salva la tua lingua locale", dedicato ai dialetti di tutta Italia, il giorno prima della giornata nazionale dei dialetti, oggi.
Quindi de desso se parla in triestin.
La spedizion incomincia mercoledi matina, ore 7:21, sul tren dela speranza Trieste-Roma. La rapresentativa Mononica xe el scrivente Diego Manna, Chiara Gelmini e Paolo Stanese. Grande assente l'altro autor Michele Zazzara, che se sta specializando in pupoli e grafica granfica in Svezia.
38 euri a testa andata e ritorno in supereconomy, che vanzada! E che spavada. Riveremo per le 15:20. E cossa faremo? Vedemo. Parti el giro de messagi fb e sms. Figon, gavemo anche un'intervista. Bon, alora femo cocktail de contati. Ghe demo apuntamento a tuti ale 18:40, super aperitivo triestin.
La stanza la gavemo al B&B Maggiore, in Piaza Santa Maria Maggiore. Sora el teatro romano tipo. Tripla a 11 euri a testa. Semo pronti a tuto. E invece no trovemo nè bacoli nè trapole nè gente che ne vol portar via reni. Figada. Bon muli, xe sol, femo un giro? Sì dei. El leto però xe 'ssai comodo. Riveremo a andar fora solo coi colori del tramonto.
Al'aperitivo triestin semo in 8, poi 9, poi 10, poi 8. Chi che xe là per studio e poi xe restà, chi perchè se ga inamorà dela cità, chi per seguir el moroso, chi per el dotorato. Una bela clapa acomunada del spritz. Andemo de Panella, bel posto. Vin a 15 euri. Figada, una boza a 15 euri, se pol far.  E el calice? Perchè no xe i prezi dei calici? Speta. Bira de 33 cl a 18 euri. Quindi 15 xe i calici de vin, no le boze. Bon muli, chi simula un malor? Ghe disemo che la nostra religion ne vieta de spender 18 euri per una bira. I xe cocoli, i capissi. No rivemo convertirli al'istrianesimo però. Cambiemo posto, za meo. Ciacole, ridade e spritzeti. Xe propio una bela serata. Sì, ma l'intervista? Orpo, xe vero! In ristorante indian, mi e Paolo se metemo drio la porta, seguindo le diretive dele super Martina Seleni e Lucia Cosmetico. Se divertimo.
Qua un picio toco del'intervista per el Piccolo.

El toco completo lo trovè sula pagina de Martina.

Esploremo ancora i locali romani. Una vineria e in ultimo un posto 'ssai particolare, musica in vinile e calceto gratuito.E sul'ultimo gol riva presto le 2.
Dismissiarse ale 8 no xe cussì facile. E gnanche magnar quela specie de krapfen che go ciolto per colazion. Pien de Nutela. Ma pien nel senso ulmo. Cioè tipo che iera mezo baratolo de Nutela dentro. Bomba.
Coremo in Campidoglio. Coi zaineti in spala, se sentimo 'ssai in gita scolastica. Ou, mi go ancora le due latine de Union dentro. No xe che i ne controla i zaini e no i ne fa entrar? Dei, no podemo ris'ciar. Eh bon ah, toca beverse la Union fora, che no se sa mai. Ecoli. Dentro par tuto 'ssai serio. Semo nela sala dela Protomoteca, per esser precisi. Fila per l'atestato, fila per i acrediti stampa. Figon ciò. Nela sala dela premiazion, l'età media ne fa sentir a casa, nela nostra bela Trieste. Escludendo una scolaresca, semo i più giovani. Sbisighemo l'antologia del premio coi nomi e le bio dei premiai. Inutile dir che la pagina più importante xe questa.



Anche là semo i più giovani. Che un podessi anche farse un do conti: concorso sui dialeti + publico diversamente giovane + vincitori diversamente giovani = i giovani no ga pel cul i dialeti.
Incomincia la cerimonia, un pochi de convenevoli, e subito un video sula situazion atuale dei dialeti. Ioze de aqua che casca, e poi el deserto. Pessimismo cosmico ciò. E forsi sarà per bon cussì, a Trieste in fondo semo un poco un'isola felice. E de altre parti? Eco, quel che forsi xe mancà, xe che a quei che xe stai premiai ghe se podeva domandar come xe la situazion del suo dialeto. Cussì, giusto per farse un'idea.
Se va avanti fin le 13, la sezion libri editi xe l'ultima. Le poesie vien adiritura lete. I libri oviamente no, tropo longhi. Vien leto giusto un abstract e poi la motivazion del premio. La motivazion.
Figada! E quela de Polska... rivemo! quale xe? Eco, sicome iero emozionà come un pampel, iero impegnà a pensar a quale pie ga de star un poco più avanti rispeto al mignolo dela man sinistra che sta gratando i pei dela barba nela zona centrale del mento, e no go scoltà gnente e no me ricordo. Eh bon, capita ah! Comunque iera bela, sicuro ;)
Torno sentarme. Nela nostra ala triestina, vien a presentarse el signor Roberto Pagan, triestin del '34 a Roma del '69. El me regala un suo libro, "Robe de no creder". A Trieste, el me disi, lo conossi in pochi. Ma el tornerà in primavera. Xe un scritor e critico, ma sopratuto poeta. Con diversi libri e diversi premi ale spale, anche. E ameto la mia mussagine, fazo parte dela Trieste che no lo conosseva. Ma bel, desso lo conosso, vedi ti se un ga de andar a Roma per conosser un poeta triestin. Me fa 'ssai piazer che el sia vegnù a saludarne, e che el sia sta' visibilmente contento del nostro premio. Anche altre signore ne saluda e se complimenta per la nostra cità. Tuti ghe vol ben a Trieste, ciò.
Sì ma speta un atimo, parlemo dela roba più importante: el buffet! Eco. El buffet no iera. Delusion fotonica. No solo perchè ne piasi magnar e sbecolar agratis. Ma perchè el buffet ga propio una funzion sociale. Me gavessi piasso ciacolar un poco de più con Roberto, o coi altri premiai, domandar come xe coi dialeti, gaver un scambio. Invece, senza buffet, co le robe finissi xe tuto un fuggifuggi generale, e i dialeti se disperdi e ognidun torna verso i propri lidi.
Val anche per noi, che col tren dele 15.40 tornemo verso casa.
Sì ma ou, e Roma? No te ga qualche foto? Per cossa te mandemo in giro?
Giusto. Eco le foto che me piasi mi. La vita de strada de Roma.


 Non sostare senza te. E subito dopo questo.


Vietato parcheggiare. Eh beh, tuti ga 'ssai pel cul vedo :D
Come me xe parsa Roma? Ve dirò: el nostro ragio d'azione xe stado due chilometri. Ma se li semo godudi sempre a pie. Il che te fa aprezar l'aria che tira. E tirava aria de provincia, almeno, questo xe quel che sentivo mi. Una provincia 'ssai grande, ma con l'empatia dela provincia.
Il che, oviamente, xe positivo.

Nessun commento:

Posta un commento

Disi la tua, ale!