'/>

lunedì 20 gennaio 2014

I gatti pensano che l'uomo sia come loro: e i triestini?

L'importante studio internazionale che sta girando oggi è quello del  biologo inglese John Bradshaw, che ha scoperto che i gatti pensano che l'uomo sia come loro.
Figon.
Ma questo studio vale anche a Trieste?
L'abbiamo chiesto direttamente a Bradshaw, che ci ha svelato che il suo  studio si basa su una serie di interviste a tutti i gatti del mondo, quindi anche a quelli triestini. Gentilmente è andato a cercare i file riguardanti la nostra città, ed ecco cosa ne è saltato fuori.
Alla domanda di rito, fatta a tutti i felini "Ma pensate che l'uomo sia come voi?", i gatti triestini hanno risposto: "Mah. I xe sempre là stravacai, no i ga voia de far un clinz e no i ga pel cul nissun. Sì, i triestini xe decisamente come noi".

Anche culinariamente i gatti la pensano come i triestini. Nella foto, Capitan Harlock esprime dissenso dietetico.
Concludiamo con questo importante studio sull'etologia del gatto e del cane tratto da zinque bici, do veci e una galina con do teste:

Cani vs gati. Xe el più classico dei dualismi, insieme forsi a Union vs Laško. I cani te scolta, i gati no te ga pe’l cul. I cani xe tui amici, i gati no te ga pe’l cul. I cani speta che te ghe disi ti cossa far, i gati no te ga pe’l cul. I cani te vol ben, i gati no te ga pe’l cul. Tipiche argomentazioni antropomorfetologiche. Mi go sempre tifà pei gati: autonomi, autopulinti, no i sporca, no i frizi, no i inquina, no i xe castroni, i zoga e i fa le fusa che te rilassa e te concilia el sono. Dopo, visto che no i xe computeri, tanto dipendi del caratere individuale. Se te capita el gato che no te ga pe’l cul, xe poco cossa far, no el te gaverà pe’l cul. Ma pol anca capitarte el can che te rosiga el popoci a tradimento. Quando vado in giro in bici, le mie simpatie le sburta ancora de più in direzion dei gati. I gati no te ga pe’l cul, ben dito. Te ghe passi vizin e lori i xe là, ciapai int’el far le propie robe. Dormir, zogar con un sorzo, meditar sul’infinito leopardiano (ai oci de un gato, un leopardo pol per bon sembrar quasi infinito). Ti te fa parte del contesto, te passi, lori te varda, magari i se fa un do ridade drio de ti, i filosofegia sul significato recondito del tuo passagio in questi zinque secondi dela loro vita, ma i resta fermi a far avanti le robe che i stava fazendo e no i te ga pe’l cul. I cani no. I cani vivi int’un continuo stato de ansia e cinciut. Ciò xe de far qualcossa. Ciò riva ciclisti. Ciò el mio paron cossa faria. Ciò el mio paron cossa volessi che fazo. Ciò no so, no el me sta dando nissun ordine. Ciò alora forsi no va ben quel che fazo. Ciò alora cossa go de far. No so. Orca. Ciò. Bu, de solito abaio. Bon provemo. Bau. Nissuna reazion del paron. Ciò alora forsi son nel giusto. Bau bau. Orca el me ga zigà, forsi devo star zito. Ciò mi però sti mati in bici no li go mai visti ciò. Sa cossa, nel dubio abaio e rugno cussì movimentemo un poco la giornada, no come quei mone de gati che sta distirai a filosofegiar sui misteri del’universo. ‘Ssai pochi misteri xe: qua xe casa nostra, quei xe ciclisti che mi no go mai visto e che xe vizin de casa nostra. Nissun mistero, no xe ‘ssai de pensar, xe tuto ciarissimo. Quindi bau! Anzi, bau bau bau! Son in piena! Bau bau sbarabau bau bau!
Eccheccoioni!
Differente predisposizione caratteriale del canide e del felide. L’individuo a sinistra è concentrato e pronto all’azione al minimo cenno del padrone, mentre l’individuo a destra… no ga pe’l cul.


4 commenti:

  1. E, sì no i te ga pel cul, però gratitudine i ga, e risentimento mai. e co te ghe zapi la coda i sa che no iera aposta. I cani, go un do boni amici cani, ma oltra de lori no conosso sai

    RispondiElimina
  2. Infati el massimo xè veder un can e un gato insieme. El can tuto imborezà che'l salta, el cori, bau, cos'te fa la fermo? Te zoghi? Zoghemo? Ah? Alo, corime drio. Bau. Alora? Te me guardi, ah? No? Bau. El gato.. no lo ga pe'l cul.

    RispondiElimina
  3. Ma i gati, davanti a un fiastco de vin, i te fa le feste??

    RispondiElimina

Disi la tua, ale!