'/>

mercoledì 22 gennaio 2014

Le scie chimiche esistono, ma sono buone

Finalmente il Monon Behavior Research Department ha indagato su uno dei grandi misteri complottistici moderni: le scie chimiche, da molti considerate responsabili di questo inverno così caldo.
I nostri ricercatori sono giunti alla conclusione che sì, le scie chimiche esistono e servono proprio a modificare il clima.
Ma sono buone. Ecco chi le ha introdotte e perchè.

Le scie chimiche sono la risposta di un'organizzazione umanitaria no-profit per combattere la crisi.
L'associazione si chiama Crosi alla Crisi (da non confondersi con la perfida organizzazione anticesotta Crisi alle Crosi, da anni in combutta con le associazioni Cloro al Clero e Carie alla Curia per la riconversione delle Chiese in centri benessere termali all'acqua santa), e dopo anni e anni di sperimentazione, grazie ai fondi lasciati in dono dalla benefattrice Madre Teresa d'Austria, è riuscita dal 2013 nel suo intento di far risparmiare ai poveri grazie al controllo climatico.
Vi ricordate l'estate de merda 2013? Quante volte non siete andati al mare a causa del freddo e della pioggia? Provate a calcolare quanti spritz avete risparmiato, e ringrazierete Crosi alla Crisi.
Ed ora l'inverno 2014, mai così caldo. Quanti non hanno ancora acceso il riscaldamento, risparmiando così sulla bolletta? Tutto merito di Crosi alla Crisi e delle sue scie chimiche.

Prossima mission dichiarata? Pioggia ogni week-end, per evitare le costose scampagnate enogastronomiche domenicali.
Il nostro Dipartimento di ricerca si sente in dovere di ringraziare di cuore questa organizzazione umanitaria così altruista, con un bel mazite.



4 commenti:

  1. ah ah ah vero, grazie a crosi alla crisi questo inverno risparmio sul gas e poderò bever più spriz!

    RispondiElimina
  2. si e che danni fanno alla salute ??? risparmiamo sul riscaldamento e spendo in medicine.. bravi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma le medicine fanno girare l'economia.

      Elimina
  3. a questo punto è probabile che crosi alla crisi sia finanziata da qualche multinazionale farmaceutica...

    RispondiElimina

Disi la tua, ale!