'/>

giovedì 6 febbraio 2020

Sanremo nel 2052

Gnente, visto el periodo ne par giusto dar un anticipo de come sarà la scena musicale triestina del 2052, con questa anteprima da Le disgrazie del tran de Opcina.



[...]
Dopo l’esplosion tanti ani fa del periodo del rap e del trap, la gente se gaveva presto stufado de scoltar sti mati con sti nomi strani tipo Young Muleto, Cercioebbasta e Achille Alloro. I ultimissimi titoli de sucesso de sto genere iera tuti e tre propio de Achille Alloro, e iera:
“Te mazo, mazite”
“Te copo, copite” e
“Son carigo de pila”.
Sta ultima in particolare iera considerada la sua hit, “quela bela” insoma, nonché la più ben studiada, arangiada e complessa, gavendo ben do acordi de pianola automatica ripetudi in sotofondo per tre minuti e un tiro de bateria pulito e preciso ogni quatro quarti, intanto che el testo ripeteva ad libitum:

“Son carigo de pila, son ulmo de pila
xe tuto ‘sai bel, de babe go la fila
magno pomidori, e cago tanti bori
xe tuto ‘sai bel, ma al cul me fa dolori.”

Dopo la fine del trap, iera tornada la passion per la musica dei ani ‘90. Ma sicome i grupi originali iera ormai tuti andai a sburtar radicio, le canzoni iera stade rifate de varie band locali, che le gaveva tradote. Cussì stasera su Tele4 i ga pena passado “Molila” dei Ajvar, remake dela originale “Give it away” dei Red Hot Chili Peppers, “Beco per bon” dei Ciapa Quel (Back for good - Take That), “Barcola” dele Buso (Malibu - Hole), “Viva l’A e po bon” dei Bacoli (Let it be - Beatles), “Picio mio cocolo” dei S’ciopi e stropacui (Sweet child of mine - Guns’n’roses), e desso quel che se senti xe l’inconfondibile tiro de bateria che fa partir la famosa hit dei Nirvana, “Smells like teen spirit”, che i triestini Osmiza ga tradoto in “Spuzon de scai”, inclusa intel album Gnanchepelcul (Nevermind):

Intel scuro xe meno ciodi
desso qua semo, tirine un viz dei!
Me par de esser mona e contagioso
desso qua semo, tirine un viz dei!
[...]



E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


Nessun commento:

Posta un commento

Disi la tua, ale!