'/>

martedì 21 aprile 2015

Care segnalazioni: i veci senza un poco de quel che se ciama

Veci a Trieste: scontrosa grazia o mancanza de un poco de quel che se ciama?
Ecco una segnalazione che cerca di fare chiarezza :D



1 commento:

  1. Cossa volè che ve digo? A setanta ani sonai xe ora che zerco de esser almeno un fiatin obietivo (che me staghi scuminziando l'Alzheimer?).
    Xe mia meditada opinion che la bifolcheria no gabi età: un nassi bifolco (e magari anche un pochetin mona, perchè se no prima o dopo el se impara che no merita), cressi bifolco, ghe fracassa le bale al suo prossimo per una vita e po' finalmente, graziando Idio, el va a fracassarghele ai vermi.
    Solo che sto 'comportamento peculiare' (giusto per dirla col Poeta) se nota de più in un vecio che un un mulon: del mulo un se lo speta, del vecio inveze un se spetassi - almeno secondo i archetipi che i ne ga cazà in testa a scola - sageza, pazienza, benevolenza e tute quele altre robe che scriveva De Amicis dopo verse fato una cana.

    Me torna inamente, no so perchè, la scatoleta de un farmaco, el Geroletal (o iera Euthanax? Ah, la memoria!), che tra le indicazioni gaveva anche "prepotenza senile". In alora iera solo che un viz publicà in t'un libreto poco serio, ma magari un dò iozete podessi anche risolver el problema...

    Ciao

    Chiron

    RispondiElimina

Disi la tua, ale!