'/>

lunedì 11 agosto 2014

Le dieci trasgressioni must della movida triestina

Finalmente xe rivada l'estate.
Per via che finalmente xe caldo e xe rivà el sol? No, quele xe monade.
L'estate a Trieste riva co finalmente se torna a parlar de ela.
De quela.
Quela quala?
La temibile Movida Triestina™
Per il questore, ormai la xe FUORI CONTROLLO®.

I ricercatori del Monon Behavior Research Department no podeva esimerse dal far una ricerca sul campo per schedar le dieci peggiori trasgressioni dela muleria degradatamente degradante che bagola per le pericolose zone dela Movida Triestina™. I iera in dieci, purtropo a causa dela Movida Triestina™ FUORI CONTROLLO® xe morti tuti e xe tornà solo un, che ga rivà a lassarne l'elenco prima de morir anche lui per le ferite riportate.

Ecco le dieci trasgressioni must della Movida Triestina™
  1. Sconderse int'el zaineto una boza de bira portada de casa per no spender int'ei locai, gesto che mostra sprezzo per el normale sistema consumistico capitalistico o pericolosa istrianità sovversiva.

 2. Impinir i scovazoni fin l'orlo, e se no xe più spazio lassar là vicin le boze, ma fora del scovazon, causando apositamente degrado. Testimoni oculari disi che i ga visto muli spetar apositamente che i scovazoni sia pieni per poder pozar la boza fora.
La foto de Bruni che testimonia la pericolosa usanza de impinir i scovazoni de scovaze.
In sto caso i muloni se iera portai un sacheto pien de Lasko svode e i ga spetà che el scovazon fussi pien per poderlo tacar sul scovazon impunemente. Maledeti ciò.
.



  3. Star sentai sul marciapie a ciacolar bevendo birete o altre bevande dissidenti. E no solo su un, su tanti marciapie! Ciaro gesto de derision verso chi se limita a caminar nela sua banalità borghese.

  4. Parchegiar sule rive ala cdc con sommo sprezzo dell'ordine costituito del paese ordinato che ierimo.

  5. Pastrociar su muri e in giro, lanciando ambigui e criptici messaggi di finto collaborazionismo anti Movida Triestina™.

Grazie a Andrea Tinis per la foto

  6. Pissar dal Molo Audace. Ma no come che fazeva i nonni, che pissava del Molo San Carlo. Quele sì che iera minzioni d'onore. Quei iera altri tempi. Desso i lo fa propio con quel'anda arogante tipica dela movida. E anche el nome "audace" fa più aroganza.

  7. Portar strumenti sul Molo Audace per far casin. I gaveva incomincià anni fa cole chitare. Dopo xe rivadi i tamburi bum bum bum e i bonghi bam bam bam. E desso, nela Movida Triestina™ ormai FUORI CONTROLLO®, semo rivai a portar pianiforti. Tuto solo che per far ancora più casin e degrado.

No bastava chitare e bonghi, desso anche pianiforti.
  8. Magnar el parsuto senza mastigarlo. Sì, anche questo i fa. I xe stadi visti, fora de Marino. Come gesto de ribelion nei confronti dele none che ghe diseva che i muleti mori se no mastiga el parsuto per via che el ghe va per tresso.
Oviamente dopo i xe morti, le none ga sempre ragion. E i cadaveri ga aumentà el fator de degrado.

  9. Cucar el lato babe del Pedocin del mar, oltre el muro. Trasgression a sfondo sessuale anche gavemo, la temibile Movida Triestina™ no se fa mancar niente.

  10. Ultima, la più pezo de tute perchè subdolamente avalada dal Comun, che dovessi invece combater questo degrado: ocupar la ex pescheria, logo dove un tempo se lavorava sul serio, con eventi-inni al fancazzismo. Mostre de magnar, mostre de bever, dove i movidari apunto magna e bevi e perdi el contato col sano mondo del lavoro. E desso là cossa ghe xe? El Salotto Vienna. Salotto! Salotto! "Salotto" Vienna. No "cucina", dove che se lavora e se cusina. No "studio", dove che se lavora e se studia. No "sala riunioni", dove che se progeta lavori. No, proprio "salotto", la parte dela casa dove che no se fa mai un cazzo! Solito po'.

Visti questi dieci punti, xe evidente che Trieste sta diventando veramente una città dove la gente ga paura a girar de sera e anche de matina.
La foto de Andrea Rodriguez ben evidenzia la pericolosità dela situazion. Semo cagai.


5 commenti:

  1. Tuto bel, tuto vero! ma volemo anche meter la muleria che gà la pretesa de zogar balon in campeto vizin l'osmiza, dove la gente per ben se bevi in pase un quartin de nero e no ga voia de sentir zigar "passimela!" o "iera fora!" o "no la gò tocada"?
    Ah, ancora una roba... se no volè che Angelo Cecchelin, Calcagno, Sinalco e Bronzi vegni fora dela tomba per protestar, vedè de no scriver "riempir" ma "impinir"...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. orca! non sia mai, la movida no ga de disturbar anche lori!
      coreto, grazie! :)

      Elimina
  2. giusto per farghe la punta...
    El sacheto a Trieste saria la giacca.
    Quel che se dopra per le scovaze se ciama scartozo (anche so no el xe de carta).

    RispondiElimina
  3. Volemo parlar dei bulli che aumenta la paura a barcola e che -come scrivi sul piccolo che ga sempre ragion- i buta le mule in acqua?? Delinquenti!
    [Mi go quaranta ani, co' gavevo sedise gaveria podu denunciar meza cità per bullismo e aggressioni, de tante volte che i me ga svodà zò del moleto. :-) ]

    RispondiElimina

Disi la tua, ale!