'/>

venerdì 26 giugno 2015

I timbri al Pedocin

Per chi ancora non sa, è uscito da pochissimo il libro El Pedocin di Micol Brusaferro con pupoli di Chiara Gelmini, un vero e proprio viaggio nel lato babe dello storico stabilimento triestino. Robe de gaver paura.

Lo trovate in tutte le librerie più bobe di Trieste a 5 euri, nonchè online su Botega.La, nonchè in formato ebook a questo link.
Il libro ha già venduto 1000 copie in una settimana ciò! :)

Ecco un estratto, i timbri del Pedocin :D


Grazie al nude look che imperversa al Pedocin i tatuaggi sono evidenti, molto evidenti... e non sempre ben riusciti.

Giovani festaiole: “Dopo una notolada volevo tatuarme el nome del mio can Fritz, ma me son indormenzada e i me ga scrito Spritz.”

Seguendo le mode: “Go scelto la farfalina come Belen, sula coscia, ma go messo su qualche chilo e desso sembra un’enorme luganiga con due ali.”

Quarantenni all’arembaggio: “Son andada in vacanza a Ibiza e ghe go dito al tatuador “Fame una sariandola”, no so perché ma no el ga capì... no xe italian sariandola?”

Anziana pentita 1: “Anni fa me son tatuada una margherita sula teta, poi le me xe scese e desso sembra una palma con un tronco che non finissi più.”

Anziana pentita 2: “Quando me son sposada me son tatuada el nome de mio marì sul fianco, Livio mon amour, ma dopo xe rivade mulze e rughe, e desso se legi solo Livio mona...”



Nessun commento:

Posta un commento

Disi la tua, ale!