'/>

lunedì 1 dicembre 2014

Trieste città friulana: le quindici regole

Ciò. Sembra proprio che Udine abbia appena superato Trieste nella classifica della qualità della vita.
Longhi e pupoli.

Ma sarà veramente così? Proviamo a immaginare una Trieste sotto il dominio lanfur.
Come cambierebbe la nostra vita? Quali sarebbe il quindicicalogo impostoci dai friulani?

Questo:

  1. Da oggi la lingua ufficiale della città è il marilenghe e sarà insegnata in tutte le scuole, asili nidi compresi. I cagainbraghe che pretenderanno un cambio di pannolino dovranno imparare da subito a chiedere par plasê
  2. Obbligatori anche corsi di dizione per eliminare quel'acentaz tremendo che gavè. 
  3. “Ailo”, “Ulo”, “Ecolo”, “Ecoci” saranno sostituiti inderogabilmente da “Mandi”. 
  4. No se pol dir “No se pol”. Al suo posto subentra “Cumbinin”. 
  5. Fuorilegge anche monadis come “Volentieri”, “No tegnimo”, “No i fa più”, “Gavevimo ma no andava”, “Podessi ordinar ma no savessi se rivassi”, “Saria de dar un cuc in magazin, ma no posso desso” e “La provi in Friul”. 
  6. Gli intercalari “Ciò” e “Dei” andranno sostituiti da un bel bestemmion
  7. Restando in tema: basta con sta bora in scatola. Il nuovo souvenir della città sarà ”Bestemis in scatolutis”. Aprendola, al posto di venir spettinati da un refolo di bora, si sarà travolti dalla voce di Germano Mosconi, cittadino friulano emerito. 
  8. Dio xe furlan, fatevene una ragione. E paga sia oggi che domani. E anche ieri. Egli riceverà inoltre il marchio di “Tipicamente Friulano”, con somma celebrazione nella Cattedrale di San Just. 
  9. Il Tokaji ungherese è satana. Chi sarà sorpreso in suo possesso sarà giustiziato tramite coma etilico irreversibile di Tavernello. 
  10. Tutte le galline con due teste trovate a scorazzare libere, o peggio ancora a svolazzare sopra i coppi di Triest, saranno decapitate di una delle due teste, riportandole così a una forma più in linea con la sacra bandiera del Friul. 
  11. La squadra della Triestina Calcio verrà fatta fallire e che vada a remengo. Ah, ma a questo ci avevate già pensato da soli, bravi. La squadra del vostro cuore da oggi sarà l'Udinese. Tutti i cittadini dovranno recarsi in pellegrinaggio obbligatorio ogni domenica allo stadio al grido di Ale' Udin, vestiti da Zico col cappello di alpino. 
  12. Mikeze e Jakeze saranno sostituiti da Florean e Venturin. 
  13. Il pontone ruzzine Ursus diventerà un ripetitore di Radio Onde Furlane
  14. Basta con le case di riposo, è finita la pacchia per la quale tutti in questa città no vedi l'ora de diventar veci. Verrano trasformate da subito in case di lavoro
  15. Il principe dei simboli del cazzeggio triestino, el tran de Opcina, sarà obbligato a funzionare 366 giorni l'anno senza romper i coioni. 
Il quindicicalogo è tratto dalla maldobria della Trieste furlana de Polska... rivemo! 
Un 'ssai bel libro nonchè ebook ;)
Prossimamente: il quindicicalogo de Udine triestina.


1 commento:

Disi la tua, ale!