'/>

mercoledì 20 dicembre 2017

I dieci must del Natale triestino 2017

Eh niente, come ogni anno (no xe vero) ricordiamo le dieci cose da fare assolutamente a Trieste a Natale. Con la solita immagine del presepe alla triestina rubada dal web:


  1. Scrivere una lettera a Segnalazioni lamentandosi degli alberi di Natale. Se avete finito la fantasia, ricordiamo la mitica dell'albero furlan e l'altra degli alberi salami.
  2. Scrivere a Boba Natale o Babbo Nagana o Babbo 'NaTara lamentandosi che San Nicolò no xe passà, evidentemente sequestrato in baretto. Ricordiamo i sette punti della triestinità di San Nicolò.
  3. (Per i più attivi): Andare a lamentarsi direttamente da San Nicolò in baretto e prenderlo per il bavero che desso va 'ssai de moda.
  4. Lamentarsi che una volta gavevimo meno ma se lo godevimo de più (e tra l'altro no xe gnanca più la bora de una volta).
  5. Essere più buoni, ma con discrezione: sì alla scontrosa grazia, no alla remenghitudine, sì regali ai furlani, no ai mendicanti.
  6. Andare in osmiza e proclamare a gran voce che "Poco de far, le osmizade più bele xe quele de Nadal!" (assieme a quele estive, de primavera, de Feragosto, dei primi de genaio, de carneval, de pasqua, de pentecoste, de Festa de Ciano e de funeral de Toio).
  7. Fare un bel giro sul tran de Opcina. Ah no, volentieri.
  8. Regalare BARKOLANA, el zogo più bel del mondo (reclàm ciò!). Poi sfidare tutti la sera di capodanno e finire lanciandovi veramente bozze de vin perchè no gavè leto ben el regolamento.
  9. Regalare una bozza di tocai ungherese a un furlan e veder se la ciapa ben.
  10. Andare a Messa, ascoltare attentamente tutta l'omelia, e uscire con ancora il millenario dubbio se Dio xe o no xe furlan. Ma in fondo l'importante è che paghi lui el puf che gavè lassado in osmiza al punto 6, ogi o doman.

Nessun commento:

Posta un commento

Disi la tua, ale!