mercoledì 2 ottobre 2019

Il ritorno del tram di Opicina

BUM! Torna il tram... bon... solamente in versione letteraria ma meglio che niente!

Venerdì 4 ottobre alle 17.30 presso la Biblioteca il tram dei Libri, a Opicina in via Doberdò 20/3, la presentazione de “Le disgrazie del tran de Opcina”, ultimo libro di Diego Manna


Trieste, anno 2052. La città è sotto il controllo del Centro Operativo per la Friulana Egemonia, il COFE, che nel tempo ha esteso la sua influenza su tutta la regione. L'unica realtà che potrebbe tenere testa al COFE è il MONA, Movimento Organizzato per la Nazione Alabardata, ma di esso si sono perse le tracce da anni. Ma una nuova speranza sta per nascere. Cinque ragazzini della Scuola Elementare James Joyce, durante l'ora di frico e cotecio, scoprono un'antica profezia chli porterà a diventare i protagonisti di una esilarante corsa contro il tempo, recuperando il tram e attraversando addirittura i gironi dell'inferno triestino e friulano, per ridare la libertà alla propria città, inseguiti dai perfidi maestri Loris Mandi e Gianni Bastonich, dagli agenti Copotutti e Xeciodi e dal Podestà Furio Teimbiavo con la sua vice Chanel Nacici.
Il tutto in dialetto triestino, ciò.
Un'avventura alla Goonies ambientata in una Trieste distopica, dove Piazza Unità è da molti anni Place Piciule Patrie, ma conserva ancora i suoi alberi di Natale, dei pini marittimi presenti per editto del podestà per tutto l'anno e addirittura piantati a terra per scelta della nota botanica Rosa Canina, conosciuta anche come “Stropacul”. Con difficoltà riconosceremo la spiaggia del Pedocin, trasformata dai friulani in una piccola Lignano dal nome “Budiese”, cimice, o il rione di San Vito, divenuto nella nuova toponomastica friulana San Zico. Oltre alla messa al bando dello spritz, del capo in b, del nero e del “volentieri”, un altro duro colpo alla triestinità sarà la trasformazione del tram di Opicina in un “barachin per petessoni” all'Obelisco, con un menù di cocktail decisamente etnico: si va dall'Havara e Cola istriana al Gin Lemononon bisiaco alla Gubana Libre friulana.
Ma è proprio dal Tran de Opcina che i nostri cinque giovani eroi partiranno per la riscossa triestina. Un viaggio esilarante e letteralmente senza freni, tra scienziati inventori di improbabili macchine del tempo, sfingi logorroiche, ristoranti McFrico's di lusso e tanti, tanti dannati triestini e friulani, persi nei vari gironi delle bobe, delle commesse ranzide, dell'ozio e persino dell'Udinese in B.
Riusciranno i cinque ragazzini ad interpretare correttamente la profezia e a far regnare nuovamente il MONA?
A dialogare con l'autore ci sarà Ivan Lo Vullo.
Entrata libera. Ve spetemo!
Il libro, edito da Bora.La, si trova già in libreria nonché online.

lunedì 16 settembre 2019

I dieci consigli per l'Oktoberfest triestina

Giovedì 19 settembre alle ore 18 al Buffet Al Vecio Canal in Piazza Ponterosso 2 presenteremo "Trieste città dell'Oktoberfest", libro di Dino Bombar (hehehe) che racconta il diario di quella che è una giornata a dir poco fora come un pergolo. Siateci! Il libro si trova già nelle librerie più bobe nonché comodamente online qua in tutto il mondo.

Ed ecco in anteprima il decalogo del compagno di viaggio Robi:



1. A PIE O IN BUS.
Come pensè de ‘ndar zo in cità? Miga ciolerè l’auto o el motorin, no? Ciò, no stè far i mone, vardè che gavè de bever, per cui no stè ris’ciar, ché se ve beca i puloti o i tubi, i ve fa novi. I ve ciol via la patente e i fa coriandoli de ela, perchè a una certa el tasso alcolemico xe de un livel che se te sufi su un impizin te fa tipo mangiafuoco. Quindi: per ogi se va a pie o in bus, se propio no gavè voia de caminar. El ritorno podessi esser dramatico, per cui saria el top gaver una morosa, un parente o qualchidun che ve porti casa; l’importante xe che no i gabi fato festa con voi, perchè se no no xe el caso de montar in auto con lori.

2. OVI DURI.
Prima de andar fora de casa, feve un per de ovi duri. No xe fastidiosi de portar in giro, perchè i sta comodi in scarsela, ma sopratuto i ve torna sai utili per amortizar le prime bire. Ocio perchè le prime bire xe quele che te stonfa! Ti te son là tuto figo e te bevi come un mona, ma te devi star atento perchè se no te son abituado a bever de matina, le prime bire te tira una steca de quele. E alora eco che te torna utile gaver i ovi duri in scarsela: te se li magni e i te iuda a sugar le bire, cussì te pol bever avanti come un drago. Dopo però te ga de magnar comunque qualcosa ah.

3. BLANDI.
Co te rivi zo, no sta gaver furia de bever. Ok, xe figon, xe pien de gente, tuti che bevi come ludri, ma voi stè boni e zerchè de bever con criterio e no spararve bire drio man. Anca perchè ad una certa sarè comunque stonfi e impetessadi, xe solo question de tempo. Per questo, ricordeve che no xe una gara e che, anca se fussi, no xe da vantarse de esser el primo che se imbalina. Te bevi el tuo, col tuo ritmo, zercando de star in controlo più che te pol, cussì te se godi el clima, la compagnia, l’ambiente e te son in grado de far un do discorsi senza spudar parole a caso. Poi, co sarà ora, te gaverà una mina che meza bastassi, ma quel xe un altro discorso.

4. MAGNAR LEZERO.
Va ben bever, ma saria cocolo anca magnar qualcossa, se non altro per evitar de rivar ala meza con una piomba indosso. A parte el discorso dei ovi duri, che resta sempre valido, xe comunque el caso de assumer roba solida, che però no ga de esser esagerada. Se te se magni un stinco intiero con una de patate in tecia, moniga, no te ga spazio per bever ‘vanti e se per caso co te magni te son za carburado, pol esser che magnar come un ludro te fazi mal. Morale: per darghe contro al’alcol evitando de gaver problemi al stomigo, più che magnar saria de sbecolar. Un poco de qua, un poco de là: un panineto, una polpeta, robete cussì, che i te stagna el giusto. Fideve.

5. NO BABE.
Messa cussì podessi crear confusion e atirar el futer dele feministe, quindi vedo de spiegar meo el conceto: le babe va ben, anzi, Dio dassi! Le babe che bevi ga pien dirito de eser presenti e portar el contributo ala festa; lore xe le benvenude, anzi, se le ga un per de amiche, che le porti pur. Quel che voio dir xe che la testa del mulon da Oktoberfest ga da esser sgombra, per un giorno, da fastidi: quindi no morose/mogli/amanti/conviventi cugni, perchè i xe solo che una enorme pigna intel cul, che distrai l’omo e impedissi de bever come che saria de far. E ti, omo, me racomando: xe tuto l’ano per tirar sardoni, quindi per un giorno te ga de concentrarte sula bira e possibilmente solo che su quela. Poi te tornerà a corerghe drio ale babete.

6. NO MISSIAR.
Se ciama Oktoberfest e xe la festa dela bira. Desso spiegheme perchè gavè de missiar el bever? I veci in casa no i ve ga insegnà gnente? Mai missiar l’alcol, quindi se te bevi bira, e ogi ti te ga de bever sai bira, no te se meti a cior trapete o porcherie de superalcolici perchè i te fa malon. L’Oktoberfest xe una question de coerenza: te ciol bira avanti, dala matina ala sera. Se poi te son omo de sprizeti, ciò per una volta te poderà far ecezion, no? Te cambi ristorante e te bevi bira, che xe comunque meio del’acqua e no fa ruzine.

7. NO FIGHETI.
L’Oktoberfest xe una festa per muloni, me par ovio. Per divertirse veramente te devi esser un filin morbido, no digo che te se devi ridur come un dispossente, ma gaver un tiro sbriso saria l’ideale, eco. Quindi, se te son un figheto de quei che va a veder la lochescion o segui el trend (mi al massimo perdo el tren), diria che no xe roba tua: per quei come ti esisti via Torino, te va là e te sta coi tui simili, a bever drinks che costa come un rene e a ciacolar de telefonini e autoni. No voio dir che una roba xe meio e una pezo eh, mi digo solo che xe do robe diverse, per gente diversa, che ga el steso dirito de divertirse e impetessarse come che i preferissi.

8. NO SOMMELLIER.
Podessi sembrar una continuazion del punto precedente, ma penso che sta roba merita un discorso a parte. Ga ciapà pie nei ultimi tempi sta tendenza dela bira ricercada, co’ sti nomi che no capisso: ipa, apa, neipa. No so. Una volta iera le lipe de scola, mi al massimo ve posso contar de quele. Pareria comunque che esisti mile tipi de bire, coi gusti strani o cossa so mi: eco, anca qua no xe questa l’ocasion per zercarle, perchè al’Oktoberfest se bevi un tipo de bira e xe quela ciara, punto. E no stè far i schizignosi: ve ordinè la bira, la ciolè e la bevè tuta, senza far el sommelier dela bira o meterse a far la punta al quel.

9. VESTIRSE COMODI.
L’Oktoberfest xe sempre de sabato, ma se te se vesti in tuta de lavor diria che va ben; qualchidun riva vestido de lavor perchè el scampa propio del lavor, ma xe un altro discorso. El punto xe che ve consiglio de vestirve morbidi, perchè beverè come camei e a una certa - fideve - i movimenti podessi diventar dificili e alora l’abito comodo xe prezioso per star in pie e agevolar la mobilità. Gavè per forza de meterve una camisa indosso perchè xe sabato e volè esser eleganti? Alora ciolè una de quele camise a quadretini, tiro tedesco, che al’Oktoberfest ve farà ingrumar de bruto.

10. ALENARSE.
Te ga davanti una zornada che xe un tour de force de bevude. Te se svei e bim bum te son là che te bevi bire, no xe propio per tuti. Eco alora che ocori rivar alenadi! Se ti te son un de quei che bevi una bira a setimana, magari de scondon che no te sgami la morosa, lassa star: l’Oktoberfest no xe per ti, perchè là te bevi e zito. Dopo te ga tuto el tempo che te vol per far Ramadan o far creder che te sta fazendo Ramadan, no xe problemi, però in quel zorno te devi guantar, per cui preparite!

11. NO BIRE PICE.

Sul serio go de spiegarve questa?

Ah, se volete il cappellino come l'autore, li trovate da Urbanwear in via Torino 13 :)

Ve spetemo giovedi 19 ale 18 al Vecio Canal!


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


giovedì 12 settembre 2019

Il vate curto e l'omo che va longo

In diretta dai nostri inviati al cantiere Ucio, Ciano e Toio, ecco già la prima proposta per risolvere il problema del Vate Curto e dela "zonta segiolon", com'è stata ribattezzata dai veri veci de cantier la zeppa necessaria a far toccare terra alla statua di D'annunzio. Per altri è semplicemente una "pietra d'inciampo" nel senso letterario del termine.
E quindi Ciano, il più propositivo del trio dei veci de cantier, propone di completare l'opera aggiungendo un secondo personaggio, da lui ribatezzato "l'omo che va longo".
L'opera completa così si chiamerebbe "il vate curto e l'omo che va longo" e sarebbe sicuramente una gran figada ciò.

Nel rendering, il Sindaco Dipi avvisa "l'omo che va longo" della presenza del scalin, ma l'omo che va longo fa il suo dovere e va longo istesso.




A proposito de veci e cantieri: ricordeve che xe in libreria el belissimo libro INPS FACTOR - I veci de Trieste, de Micol Brusaferro con pupoli de Chiara Gelmini. O anche comodamente online a questo link.
E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


venerdì 23 agosto 2019

A Trieste nasce la Festa del Quant'altro

Siamo lieti di comunicare (per primi perchè semo bobe) che la città di Trieste, da oggi, ha una festa in più: La festa del Quant'altro. Fortemente voluta dal Comune, è una festa che celebra questo elemento comunicativo utilizzato molto spesso per rendere più efficaci i discorsi rivolti alla popolazione.
"Fin desso iera tuti boni de usar el 'quel' nei propi discorsi", commenta Dipi, "ma è solo grazie a noi che le possibilità di parlare alla cittadinanza si sono moltiplicate in maniera esponenziale, grazie al 'quant'altro'. Questa festa è dedicata a tutti i modi di dire triestini, che sia el quel, el voio, el volentieri, el quant'altro e quant'altro."

Il quant'altro nell'epica omerica classica.

"Per accontentare tutti," continua il Sindaco, "quindi giovani, vecchi, medi e quant'altro, la festa è stata fissata il 30 febbraio, così nessuno protesterà dell'eventuale casino dei botti, mortaretti, fuochi artificali, falische e quant'altro".

Nel nostro piccolo il Monon Behavior Research Department sta già lavorando allo studio sul corretto utilizzo del quant'altro, che seguirà quello già pubblicato sull'utilizzo del quel, che è compreso nel bellissimo libro "The Origin of Nosepolis" che si trova in tutte le librerie bobe nonché online qua.
(Sì, gavemo fato reclàm za che ierimo hehehehe :D )


E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


lunedì 22 luglio 2019

Barcola: già pronti i nuovi cartelli estivi ad alto sparagno

Ignoti vandali senza un poco di quello che si chiama hanno strappato i cartelli del divieto anti-degrado a Barcola, nonostante fossero stati installati con i più moderni sistemi anti-taccheggio.
Ma poco male, anche gli eventi traumatici possono nascondere delle grandi opportunità.
Così ecco già pronti questi nuovi cartelli che proponiamo per sparagnare:
oltre al richiamo al buon costume, ecco anche la pubblicità della mostra di D'Annunzio.
Un esempio di guerrilla marketing co-branding e co-brandining che tutta Italia ci invidierebbe.
Ovviamente si possono aggiungere delle modifiche, come altre pubblicità ad amache, baveri e quant'altro.


Per evitare il danneggiamento, suggeriamo di fissarli con speciale nastro tacamachico lidl che xe in oferta sta setimana a 2,99 euri.




E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


domenica 21 luglio 2019

Decoro a Barcola: i minishorts inguinali e i top francobolli

Finalmente interviene anche Franca C. Porfirio sul tema caldo dell'estate: el poco de quel che se ciama a Barcola.
"Ai lati della scaletta, appostati sugli scogli, sadici clanfisti attendono al varco ignare signore per inondarne le acconciature quando entrano o escono dall'acqua". Ma chi xe Alberto Angela in confronto! :)





E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter:


venerdì 12 luglio 2019

Decoro a Barcola: nuove disposizioni

Interessante oggi sul quotidiano locale la notizia dei nuovi cartelli con la raccomandazione del comune di vestirsi bene a Barcola quando si attraversa la strada.


Nonostante la primaria importanza della tempestiva azione, è probabile tuttavia che ciò non basterà a risolvere del tutto i problemi del rione.
Perciò si sta lavorando all'ordinanza per garantire il decoro della zona, ciò.
Abbiamo in anteprima i punti di quella che sarà chiamata:

ORDINANZA FRANCA PORFIRIO


  1. Nosepol andare a ciorre il gelato in costume, come da raccomandazione precedente. Questo divieto viene esteso anche a chi che vuole ciorsi il gelato dal furgoncin de Zoldana o nei baracchini o quant'altro.
  2. Nosepol disporre i sugamani alla pene di segugio ma bisognerà seguire un ordine certificato dall'ufficio del decoro urbano, con zone riservate ai singoli colori. Solo sugamani a tinta unita quindi, gnente sghiribizi pupoloti e quant'altro.
  3. Nosepol esibirsi in tuffi che schizza, tipo clanfe, kamikaze, bombe americane e quant'altro. Se pol solo a piron, testa e, in caso di errore, panzada. Ma in questo caso serve il certificato del medico che attesta che no te son bon de far un piron o un tufo a testa altrimenti xe ciodi.
    Deroga solo per chi deve allenarsi per l'Olimpiade dele Clanfe del 27 luglio (qua le iscrizioni), ma rigorosamente solo tra il settimo e ottavo Topolino.
  4. Nosepol bevere acque gassate tipo radenska, rogaska e quant'altro per via che le fa tirar rutoni e no xe bel de sentir.
  5. Nosepol magnare robe tipo jota, fasoi, capuzi e quant'altro per via che le fa far rumori simili a quei dela radenska e rogaska solo del daur e no xe bel de sentir.
  6. Nosepol magnare di sera sentati per terra pizza, kebab, civapcici e quant'altro per via che non è decoroso magnare per tera e po ciama colombi e pantigane dei.
  7. Nosepol ciapare troppo sole o lampade o quant'altro perchè se no dopo xe longhi capire chi che ga de essere ciapato per il bavero e chi che no.
  8. Nosepol zogare al zogo dele lavre, briscola, tresete e quant'altro per via che dopo i fioi imparano brute parolaze dai veci che perdi e che non hanno un poco di quello che si chiama.
  9. Nosepol pissar intel'aqua del mar, dela fontana e quant'altro per via che meteremo quel cloro come intele piscine che co te pissi se colora de blu e tuti vedi e disi che no xe bel.
  10. Per garantire decoro e continuità con la precedente, anche questa ordinanza sarà graficamente sai elegante e stampata su carta di formaio certificata e plastificata e quant'altro, e tenuta suso sui pali con fascette serracavo di color bianco sobrio. Sarà raccomandato di tagliare el toco dela fascetta che vanza che se no xe bruto de veder.
Quanti nosepol ciò :)
Eh bon ah, certi di aver fatto un ottimo servizio per la cittadinanza, vi ricordiamo che il segreto dell'origine del Nosepol si può trovare nel bellissimo libro "The origin of Nosepolis" (momento reclàm), in tutte le librerie più bobe e online qua!
E per restar agiornado cole monade, iscrivite ala monadesletter: