lunedì 3 dicembre 2018

San Nicolò: le 10 lettere imperdibili

Bon ah, manca 3 giorni a San Nicolò. Ricordeve che xe sceintificamente dimostrado che a Trieste xe San Nicolò che porta i regali, e no Babbo Natale :D
Gavè za scrito la leterina? El nostro dipartimento de intercetazion ghe ne ga za becade un 10 al volo. Ecole!

  1. Caro San Nicolò, portime un pochi de panolini, che gavemo bisogno. [C. Cogoi]
  2. Caro San Nicolò, te prego, basta toponi de gomma. [Mustaca]
  3. Caro San Nicolò, me servissi una scorta de altri 100 di questi giorni. [Roby Ofsquare]
  4. Caro San Nicolò, se te rivi portime una zavata che la go persa e mia mare xe anni che me cori drio come mata. [Gigi Pirola]
  5. Caro San Nicolò, te me rispondi sempre volentieri, ma dopo no te me porti mai un clinz.. Dei, almeno un poco de carbon dela Feriera. [Paul Noseh]
  6. Caro San Nicolò, portime quel zogatolo cola caseta a forma de panocia. [Un furlan]

  7. Caro San Nicolò, portime un do botoni novi per la camisa perchè i me se ga sbregado tuti. [Marisa]
  8. Caro San Nicolò, portime le pirole che xe anni che me trema sempre un poco el cul. [V. Busani]
  9. Caro San Nicolò, portime quel belissimo zogo BARKOLANA con anche l'espansion MATI PER BARKOLANA perchè bevo 'ssai lasko e go sentido che anca ai velisti ghe piasi 'ssai lascar. [G. Reclam]


  10. Caro San Nicolò, portime The Origin of Nosepolis, el novo belissimo libro dela serie Monon Behavior. Te prometo che anderò ala presentazion uficiale martedì 4 dicembre ale 18.30 al MushrooM Bar, in via San Maurizio 4/b a Trieste!

11. Caro San Nicolò, se proprio te me vol regalar altro... beh, xe Sisì, Ottone e la cantina musicaletriestini e napoletaniFRICORadiodrammi di coppiaL'osmiza sul mareel pedocin, Mirella Boutique, L'amor al tempo del refosco, Tergeste, El libro dele risposte triestine, quel dele risposte furlane... :)





mercoledì 28 novembre 2018

La vera origine del NOSEPOL

Prima anteprima dal nuovissimo The origin of Nosepolis, capitolo conclusivo della saga Monon Behavior in cui tutti i segreti di Trieste verranno rivelati. Il libro si trova già nelle librerie e negozi di souvenir più boba di Trieste e dintorni, nonché online qua.
Presentazione ufficiale martedì 4 dicembre alle 18.30 al MushrooM Bar, in via San Maurizio 4/b.

E si parte quindi subito con uno dei misteri più antichi della città: dove nasce il NOSEPOL? C'è sempre stato? Keep all dear!

The real origin of Nosepol

DIEGO MANNA
Monon Behavior Research Department

Abstract
Trieste is often indicated as the city of Nosepol. Nobody knows why nosepol, but everybody knows that efetivament nosepol. We indagated this negative attitude of the city in search of its ancient origins.

Key words: volentiering, nogascopo, nosegamaifato, Nosepolis, Paul Noseh

Introduction
Nosepolism is a very well known characteristic of the city of Trieste. It consists in the fact that nosepol. Sometime it is so strong that it is very difficult, anzi, nosepol propio, saver why nosepol. Because nosepol, and basta.
Nosepolism has been studied by a lot of researchers (Zaflaucic, 1976), but the results were never publicated because nosepol. However, tracces of nosepolism have been found in long and larg in the history of Trieste, even in recent scaves that have revelated the shape of the city during the roman age (Fig. Vilevampi).
Fig. Vilevampi. The old giant NOSEPOL of Triest. 
This particular shape of the ancient Tergestum saved the culattes of the  tergesteenees behind hand (drio man), because when the barbarees, the longobards, the lanfurs, the quei and the queialtri tried to conquistar the city, they read “nosepol” za from lontan and so they molate the colp, because if nosepol then nosepol, pochi longhi.
Tergestum was defeated only when tergesteenees decided to make too much the bobazze building, vizin of  NOSEPOL, another giant dichiaration: MAGNENE LE CULATE. Napoleon, that was french and so very finoto, didn’t apreciate this, attacked Tergeste and made a big scagazz. As in his army there was also a big nagana called Remì, who made a lot of pupoli, from that time a big scagazz in Triest is called “Remì Tour”, or remitur (Dialetich. 1954).
Bon, all this introduction just to say that nosepolism is insite in triestins from centuries, so the aim of this study is to understand its origins and to evaluate if it’s possible to do something or if nosepol.

Material and methods
Searching for a method to analyze the nosepol, the first question we affrontated was if se pol studiar the nosepol.
It is a sort of biss that eat its tail, because if se pol than it’s not true that nosepol so our study subject was inesistent and our job finished. But, as we wanted to ciapar the scheis of our research, we ragionated for absurd and dichiarated that se pol studiar the nosepol.
So, we used the first person scoionament nosepol ciaping testanding how many nosepol we could ciapate in one month, and we categorizated them.

Results
From our scazanting experience, we found that nosepolism is well spread in the city with various forms, that we elencate here from the most gentle to the most ranzid:

VOLENTIERI
This is the softest form of nosepolism. Volentieri is an educated nosepol, a nosepol missiated with scontrosa grazia.

LAPROVINFRIUL
Another soft nosepol. Educatament it gives you a geographic alternative.

NOXESTAGION
Similar to laprovinfriul, but in this case the alternative is stagional. However, probably also in the other stagions it will not be stagion. And also there are no more the half stagions, so it’s very longhi.

LAZERCHININTERNET
Kind nosepol mixed with modern solution.

LAPROVISTOALTRO
Again a soft nosepol, with a pratic alternative.

SARIADEINVENTAR
Soft and positive nosepol that stabiliss that the richiest in effect could be useful. But however nosepol.

GNANCAZERCAR
Sort of friendly premonition, to make you sparagnar fadiga. Because the nosepol is in agguate, and if you begin to zercar, it will reach you and you will butar your time. Take a spritz instead.

NOESISTI
Similar to gnancazercar, but without the friendly advice. Key yourself, ciavite, insoma.

NOSEDOPRA
Even worst than noesisti. What you need exists, but it is a thing totally inutil that nobody use or ga pel cool. So: nosepol and you are mona.

NOSEPOL
Classic and most diffused negation of possibilities. It doesn’t need a reason. Remengo Obama’s “Yes we can”, the answer is nosepol!

PITOSTO-CHE-FAR-MAL-MEO-NO-FAR
Nosepol clearly motivated with scarse fiduce on your abilities. Obviously it’s not important if in reality you are the best in the world in doing that thing, because there is always at least a 0,001% of possibilities that you will fail. So, pitosto che failar mal, meo no far.

UNAVOLTANOIGAVESSILASSÀ
Nostalgic nosepol. In a sibylline way it attest that now se podessi, but it’s better not poder because sestavameocosestavapezo.

NOSEGAMAIFATO
Again a nostalgic nosepol, but without the sibylline riferiment. In this case it is clear that nosepol, in the past, now and forever, otherwise qualchidun gavessi za fato.

NOIFAPIÙ/GAVEVIMO MA NO ANDAVA
More powerful than nosegamaifato because basated on an active bad experience. It introduce the next and most powerful nosepol with this logical deduction:
Once se fazeva → No andava → Now no i fa più →  NOGASCOPO

NOGASCOPO
The supreme one, it ridiculize the nosepol. Infact, it is based on the idea that it is not important if se pol or nosepol, because even if se podessi, nogascopo.

Discussion
As you can see, the city of Trieste is oberated by nosepolism, so tanton that there is a proposal to change her name in NOSEPOLIS (Tanze, personal communication).
This richness in nosepol forms and the historic testimoniances made us think that the origin of nosepolism must be very very antic.
In particular, we hypothize that there must have been a traumatic event in the oldissim Trieste that decretate this big change in people’s attitude. A terrible thing like a big-bang, or a big-s’ciop, or a tsunami, or a deeluvio, or the meteorite for the dinosaurs, or Gigi D’alessio for the music.
Fig. Voio. Voio’s grave. By Erika Ronchin
We are nearly sure that this dramatic event was the Death of Voio, a casinaz of years ago.
After his death, when people asked for something, the answer became always “Voio is dead. He is dead in guera, with the mudand in tera.” (fig. Voio). This answer is clearly a form of Nosepol. An educative Nosepol for fioi that soon began the brain lavagg of triestins’ minds.
Then, but pochi sa, after some years also his sister Voleria died. And also his brother Volessi. Only one member of the family survived: his cousin Volentieri. Which, as we wrote in the results, is a soft form of Nosepol. So, things degenerated rapidament and the Nosepol soon enlarge his influence to all the city of Trieste, spreading in all its different forms.
However, other researchers think that these are all monades and that all the nosepol begins after the second world war, when in Trieste arrived the aleati (and also the cats were gobs) (Gobon, 1945).
In the allied office of “thing to do”, where all the triestin citizens used to portar their requests for the reconstruction, there was an impiegat called Paul Noseh. He put his firma on all the requests with a smile, but the triestins, not very able with languages, simply read always “Noseh Paul”, thinking it means Nosepol (they were also incazated because they thought “Ciò ma cossa ga de rider sto mona a dirne nosepol, ma el ne ciol pel cul?”). From that day the nosepol became unstoppable, even after the death of Paul Noseh (Hesser & D’arseh, 2013)

Conclusion
Nosepolism and Trieste seems to be an inscindible binomio, and the origin of this attitude resulted to be very ancient.
Nothing can be done to solve the situation, because if you try to impose a positive “se pol”, it will be soon annichilited by the nosepol, just following this simple commutative dimonstraction:
Sepol Nosepol = Se pol non poder, quindi Nosepol.
Nosepol Sepol = Nosepol poder, quindi Nosepol.
So, the only thing that we propose is to incentivate the use of the softest forms of nosepol, like volentieri.
We propose to be fully finanziated to open the Volentieri High School. Obligatory school book: el libro dele risposte triestine (Praselj, 2017).
However, it is clear that all this study no gaveva scopo.

Acknowledgments
We don’t ringraziate nissun because maybe we could dismentigar someone who then will incazzar himself for this ringraziaments fati mal, so: pitosto che far mal, meo no far.

References
Dialetich G. 1954. Etimologie del zoca. Monade Edizioni.
Gobon F. 1945. Gob your sea gob your father gob your sister’s pussy it was gob even that it was gob even that. The Gobons 3.
Hesser P. & D’Arseh P. 2013. 50 sfumature of Paul. Keep Paul Deer edictions.
Praselj A. 2017. El libro dele risposte triestine. Bora.La
Zaflaucic F. 1976. Nosepol: nosepol saver. Nosepol ediction




lunedì 26 novembre 2018

Ai gati ghe piasi le scatole de carton

Niente, dopo lo studio sui gatti che no ga pel cul e il secondo studio sui gatti che no ga pel cul, oggi segnaliamo questo importante studio:


in cui i muloni dimostrano incontrovertibilmente, dopo studi e controstudi e attente osservazioni e analisi, che:
- Ai gati ghe piasi le scatole de carton.
- Se i ga scatole de carton, i xe meno stressai.

No so, forsi nissun se iera ancora acorto :P

Da tutta questa scienza applicata al gatto, possiamo dunque ricavare questa definizione definitiva di Felis gatibus nogopelculis:
"The cat is a ronfanting pet that likes a carton baul and that doesn't have pel cul"
Nel contributo video, Pampel gioca nel suo castello di cartone. Senza gaver pel cul.




Ben bon, a proposito de scienza mona, ricordeve che xe pena uscido "THE ORIGIN OF NOSEPOLIS", aka Monon Behavior 4, nele librerie più bobe nonchè comodamente online qua!
E tuti i misteri de Trieste, dala maledizion de Miramar al Nosepol, dal Quel che se ciama ala movida, dai cocai ale Lasko ve sarà finalmente riveladi!

giovedì 22 novembre 2018

Dizionario dei veci triestini

Gnente, dopo gaver segnalado l'alfabeto essenziale triestin, ne par giusto segnalar anche quel più specifico dedicado ala categoria più importante de Trieste: i veci. Perchè oviamente no podè interfaciarve con lori disendoghe "LEM" perchè tanti no capiria cossa xe ste robe moderne (anche se oramai LEM sai poco moderno xe). Ghe vol quindi che imparè ste poche basilari parole e no gaverè mai problemi sula coriera.
Trieste Cafè Advisory: se dovè cior sto toco, fe pur. Però condividè diretamente el link, no copia-incola sula vostra pagina. O anche sì, ma per ogni condivision dopo butene almeno un spritz ;)


APARECIO (ma anche APARECHIO che fa più finoto): no xe quel per i denti, ma xe l'aroplan.
BORA: ve servi solo per dir che no xe più quela de una volta.
COCOLO: quel che per tuti vol dir "simpatico", voi dovè inveze usarlo con sprezo e sarcasmo, a significar "bruto mona".
DECA: ve servi in botega magnativa, perchè ordinar in eti costa tropo.
ECOCI: ve servi per palesarve co che rivè tutintun.
FULMINANTI: ve servi per impizarve i spagnoleti intanto che bevè un otavo de bevanda.
GIGI PIROLA: perchè a ocio desso Gigi gaverà la stessa età dei veci ma continua a perder zavate e gratarse el cul in qualsiasi baul.
H: la aca podè usarla per far suoni guturali prima de scataraciar.
IAZINI: quei bei che se meteva soto le siole per no sbrissar sul iazo.
LA SMONTA LA PROSSIMA: che xe tra due fermate, perchè questa che riva xe "questa". Mai domandar "ma questa o quela dopo?" perchè i podessi risentirse.
MARCO CACO: pol esser utile anca forsi per indicar la vostra data de nascita
NO GA SCOPO: perchè el nosepol lo usa solo i diletanti.
OPALA: ve servi co fe un sforzo 'ssai fadigoso, tipo alzarve dela carega.
PLAFON: che saria el sofito po.
QUEL CHE SE CIAMA: xe come la creanza, però no xe de gaver tropo, basta un poco, me racomando.
REMENGO: fondamentale, ve servi per difenderve dei muleti in coriera e dei altri veci insempiai.
S'CIOPO: ghe volessi un poca de guera, e quindi ghe volessi anca el s'ciopo.
TOMICA: per qualchidun "atomica". Xe la pentola a pression, ve servi per le patate in tecia.
UNIONE: ah che bel co che la iera in serie A ostregheta, iera tuta campagna.
VACA MASTELA: uselo pur come intercalar, un poco come i furlani fa cole bestemie.
ZOGHI: che xe quel che dovè regalarghe ai nipoti per San Nicolò. In particolare, BARKOLANA e MATI PER BARKOLANA, che se trova nele librerie e negozi de zoghi e de souvenir più boba. (bon dei un poca de reclam no fa mal).



lunedì 19 novembre 2018

I dieci remengo della bora

Continua a soffiare la bora, quindi ci sembra giusto, dopo aver ricordato le istruzioni per l'uso, le dieci cose da fare con la Bora a Trieste, nonché come misurarla col cul dei cocai, suggerire come calmarla con la sacra formula dei dieci remengo.

Questa va ovviamente declamata in Largo Pestalozzi, non da casa comodi al calduz.
Eccola:


  1. Bora, pisdrul, la provi in Friul!
  2. Bora, za ieri, te go dito volentieri.
  3. Bora, anca ogi, de Roian svola a Pogi.
  4. Bora, doman, ara che Dio no xe furlan. 
  5. Bora, col iazo, xe ovio che te tazo.
  6. Bora, che zima, stavo meio prima.
  7. Bora, te copo, tolarme no ga scopo.
  8. Bora, de sora, ma va un poco in malora.
  9. Bora, de soto, la torni ogi oto.
  10. Bora, in mezo, ma va sufiar a Tolmezo.
Inutile aggiungere che nessuno è mai riuscito a declamarla tutta senza svolar via.
Ma i veri veci saggi triestini conoscono una formula più assai potenterrima, che fa più o meno così:
"No xe più la bora de una volta".

Ben bon. Se la formula non funziona e la bora mata persiste, non resta altro che stare in casa e farsi una bella partita a BARKOLANA+MATI PER BARKOLANA, nelle librerie più bobe e negozi di giochi e souvenir! (pubblicità non occulta :P ). Ma potete anche leggere el libro dele risposte triestine, il libri des rispuestis furlanis o, dalla prossima settimana... The origin of Nosepolis



martedì 23 ottobre 2018

Il libri des rispuestis furlanis - la traduzione per i triestini che no sa

Allora muleria!
Come forse già saprete abbiamo appena pubblicato, prova tangibile del nostro collaborazionismo con i furlani, IL LIBRI DES RISPUESTIS FURLANIS.
Autori i Felici ma furlans, garanzia di furlanità DOC, e pupoli di Andrej Praselj, la mente del tutto, già autore del LIBRO DELE RISPOSTE TRIESTINE.
La presentazione ufficiale (ma lo trovate già in libreria a 5 euri) si terrà lunedì 5 novembre alle 18 al Cemut, in via dei Capitelli 11, a Trieste. 
Per l'occasione, Andrej Praselj sarà processato per alto tradimento alla triestinità.



In realtà, il nostro malvagio piano, ma no steghe dir ai furlani, era di usare il libro da novelli Ulisse come un cavallo di Troia, farlo entrare nel territorio transisontino, guadagnarci la fiducia del nemico e poi spalancare le porte alla conquista triestina del Friuli.
Ma qualcosa è andato storto: il libro delle risposte friulane piace anche ai triestini!
Ciò, anderà a finir che invece de invader, saremo noi invasi dela cultura friulana! Ce robis!

Bon, vonde monadis.
Tutto questo per dirvi che, giustamente, non tutti i triestini possono capire tutte le risposte friulane del libro. E quindi ecco qua la traduzione delle frasi più difficili, con anche la spiegazione a cura del gentilissimo Prof. Associato di Furlanologia Applicata Giovanni Del Rosso.

BUTILE IN STAIARE
La Staiare è un vecchio ballo austroungarico. Significa quindi “buttala in festa” col significato di “buttare in vacca” una situazione che avrebbe invece richiesto impegno o compostezza. Più spesso viene declinato alla prima persona plurale “Butinle in Staiare!”

TI MANCJARES DOME CHEL
Banalmente “Ti mancherebbe solo quello”. Puoi attribuirgli tutti i significati che gli attribuiresti anche in italiano, tipo: “hai già tante sfighe..ti mancherebbe solo quella”.

ZONTE UN TICHININ DI CUINCE
Letteralmente: “aggiungi un po' di condimento”.

ASTU DI INSEGNA IL CUL A CAGA?
Letteralmente: “Devi insegnare al culo a cagare?”. Nel senso di “non insegnare qualcosa a qualcuno la conosce già meglio di te”.

MIOR UN LAT CHE CENT MANDATS
Letteralmente: “Meglio uno andato che cento mandati”.

VIOT DI VIODI
Letteralmente: “Vedi di vedere”. Con questa espressione, vagamente minacciosa, intendi raccomandare ad una persona di stare attento, di agire con cautela ed oculatezza.

FOLC CHE TI TRAI!
Questa me la diceva sempre mia nonna Rina. Significa: “che ti colpisca un fulmine!”.

VUL BIGHE NO CJAVEI
Letteralmente: “ci vuole il c***o, non i capelli”. Si intende che per piacere ad una donna è più utile avere un c***o enorme che una bella chioma. Traslando il significato significa che per raggiungere uno scopo o fare bene qualcosa è bene concentrarsi sulle cose importanti e non su cose superficiali.

OLSE
Letteralmente: “Osa” voce del verbo osare declinato al modo imperativo singolare.

MANCUL MAL
“Meno male”

PANDOLO
Un pandolo è un babbeo, persona goffa e tonta.

NO STA A MOVI PUCIS
Letteralmente: “Non muovere puzze”. Il significato è sia quello del detto “non svegliare il can che dorme” che quello di non “seminar zizzania”.

PO NO PO
Espressione moltiplicabile quasi all'infinito in “Po no po po” o “Po non po po po” e così via. Si usa quando qualcuno mette in dubbio una tua affermazione, tipo “cosa? No? Non è forse così?”

CUMO' DAURMAN O SUBITE?
Letteralmente: “adesso, immediatamente o subito?”. Si pone ironicamente al proprio interlocutore la scelta tra 3 termini che significano la stessa cosa. Non c'è scelta, comincia subito a darti da fare.

PO SI SA PO
Si usa quando l'interlocutore dice qualcosa di esagerato, incredibile oppure inaccettabile, esprimendo così la tua contrarietà. Esempi: “dopo aver fatto quello dovresti anche aiutarmi a fare quell'altro – EEEEH...PO SI SA PO!”. “Ho visto un orso volare – EEEEH PO SI SA PO!”.
In definitiva potrebbe essere tradotto (non letteralmente) con “e poi cosa?”.

SU PO!
Esortazione utilizzabile in mille contesti diversi: “Su! Coraggio! Dai! Su po!”

POS CRODI
Letteralmente “posso credere”. Si usa più che altro in senso ironico, quando si è scettici nei confronti del verificarsi di un fatto. Esempio: “forse l'Udinese arriverà in Champions – EEEEH POS CRODI!”

TO AGNE
Letteralmente: “Tua zia”. Si usa per liquidare sbrigativamente ed in senso negativo una richiesta che non si intende esaudire. Esempio: “Mi presti l'auto? - To agne”. Curiosa la variante con la gibbosi “To agne gobe”.

LASSE BOLI
Letteralmente: “lascia bollire” nel senso di “lasciar perdere/lasciar stare/non intervenire”.

PICJITI
Letteralmente: “impiccati”. Nient'altro da aggiungere.

PIES LA GOLE DE PICE
Letteralmente: “peggio la gola del prurito”.

PO SI PO
In effetti è identico a PO NO PO...però lo si usa solo se il tuo interlocutore incredulo, anziché dirti che non ti crede, ti chiede una conferma. Esempio: “ma sei sicuro di quello che hai detto? - PO SI PO!”

GJOLT!
Godi! (voce del verbo godere, imperativo singolare).

SAIO JO?
Letteralmente “Lo so io?” sottintendendo che la risposta sia NO. Quindi significa “non lo so”

NO VUSTU?
Letteralmente “Non vuoi?” si intende “Vuoi che non sia così?”. Esempio: “l'Udinese si salverà quest'anno? - Certo che si...no vustu?”.

NO SAIO?
Letteralmente: “Non lo so?” nel senso di “Vuoi che non lo sappia?”.

NICITI
Sbrigati – spicciati – muoviti.

SPESSEE
Sbrigati – spicciati – muoviti

UN TICHININ DI SNAIT
“Un pochino di ingegno”.



 

martedì 2 ottobre 2018

MATI PER BARKOLANA: meo el zachete, el trapoler, la nagana o el mona?

Grandi novità ciò!
E' appena uscito MATI PER BARKOLANA, l'espansione di BARKOLANA, il gioco ufficiale della cinquantesima Barcolana, che tutti aspettavano!


E' un mazzo di 36 carte con ben 17 personaggi, pupolati dalla sempre boba Erika Ronchin, che durante il gioco ti daranno nuove abilità per la tua barca, rendendo le partite ancora più divertenti.
E chi xe sti 17?
Beh, i classici "mati" che si possono trovare in un equipaggio che si rispetti. Quindi sicuramente quelli più importanti:
EL TIMONIER, EL TATICO, EL GRINDER, EL PRODIER, EL TAILER, EL CARTOGRAFO...
Ma poi non mancando anche:
EL PESCADOR, L'ARPIONIER, EL CAMBUSIER (che ti fa portare ben 4 strafanici!), EL METEOROLOGO (che ti rende immune alla bora scura)...
E no, non sono finiti, perchè i veri equipaggi della Barcolana hanno anche sempre:
EL SPARAGNIN (con i suoi 5 bori extra), LA NAGANA (per resistere ai pirati e alla guardia costiera), EL TRAPOLER (e via acquisti facilitati in bottega!), EL PETESSON (che si beve la bozza de vin avversaria)...
E soprattutto:
EL ZACHETE (quel che fa tuto), EL CICIO (che no xe per barca) e, last but not least, quello che non manca mai proprio mai, da nessuna parte: EL MONA!

Essendo un'espansione, per giocare a MATI PER BARKOLANA serve anche BARKOLANA (che furbada de guerrilla marketing ah ciò!). Però volendo, visto che nel mazzo i personaggi sono ripetuti due volte, si possono anche usare le carte del gioco per sfidarsi a memory.


MATI PER BARKOLANA si trova, come BARKOLANA, in libreria, nei negozi di giochi e di souvenir (Urbanwear e Tipicamente triestino). Oppure online strucando sui rispettivi link.

Ci sono degli appuntamenti da non perdere, ocio!
  • DOMENICA 7 OTTOBRE saremo dalle 10 alle 18 a Barbacan Produce, in Piazzetta Barbacan o una delle piazzette limitrofe. E sarà possibile acquistare la combo dei due giochi a soli 25 euri invece che 32 :)
  • MERCOLEDI' 10 OTTOBRE presenteremo ufficialmente MATI PER BARKOLANA alle 18 in Salone degli Incanti (Santa Maria del Guato, dei!)
  • VENERDI' 12 OTTOBRE primo torneo ufficiale di BARKOLANA alle 17 al Circolo Acli in Stazione Marittima. Chi riva ultimo xe... una carta a scelta! :P
Passè a trovarne! :)